Blue Monday: un viaggio alla scoperta delle Isole Baleari per combattere il giorno più triste dell’anno

il

Secondo una ricerca di Volagratis.com, il lunedì, insieme al mercoledì, è il giorno della settimana preferito dagli italiani per prenotare leproprie vacanze.

E, in media, chi prenota le vacanze a gennaiorisparmia il 40% rispetto a chi lo fa in agosto.In occasione del Blue Monday, lunedì 17 gennaio, AETIB, l’Agenzia di Strategia Turistica delle Isole Baleari, fa conoscere l’arcipelago comeméta da visitareper combattere il giorno più triste dell’anno.

Il freddo, la poca luce dell’inverno, la stanchezza del rientro al lavoro dopo le Feste di Natale: se già solitamente il lunedì è una giornata faticosa, il Blue Monday – che nel 2022 cade di lunedì 17 gennaio – lo è ancora di più.

E, a questi presupposti, siaggiunge quest’anno anche una pandemia in corso: come se freddo, buio e &ne dellevacanze non bastassero a rendere il terzo lunedì di gennaio il giorno decretato alivello internazionale come “il più triste dell’anno”.Il modo migliore per combattere questa tristezza? Prenotare un viaggio alla scopertadelle Isole Baleari! Per questo motivo, in occasione del Blue Monday, AETIB, l’Agenzia di StrategiaTuristica delle Isole Baleari, fa conoscere l’arcipelago come méta da visitare percombattere la tristezza di questo lunedì “blue”.Baleari: la destinazione ideale per prenotare un volo o viaggiare nelmese di gennaioMaiorca, Minorca, Ibiza e Formentera: le quattro Isole Baleari sono unadestinazione turistica di cui godere in totale sicurezza, 365 giorni l’anno, e formano unsuggestivo arcipelago, ricco di parchi naturali, monumenti storici e una biodiversitàunica.

Un vero e proprio paradiso terrestre, da visitare non solo in estate ma anche ininverno, grazie al clima mite e alla presenza di un vasto patrimonio artistico e culturale,tra Chiese, musei e città d’arte, da scoprire proprio nel mese di gennaio, in occasionedel Blue Monday, il giorno più triste dell’anno. Anche gli italiani sono d’accordo: non a caso, secondo una recente ricerca dell’agenziadi viaggi online Volagratis.com, il lunedì – insieme al mercoledì – è il giorno dellasettimana preferito dagli intervistati per prenotare i propri viaggi: forse,proprio per superare la tristezza di ogni inizio di settimana.

Inoltre, chi prenota levacanze a gennaio risparmia il 40% rispetto a chi lo fa in agosto: un buon motivo peressere felici e prenotare un viaggio alle Isole Baleari anche in inverno

Secondo gli ultimi dati elaborati da AETIB, l’Agenzia di Strategia Turistica delle Isole Baleari, da gennaio a novembre 2021 ben 8.490.488 turisti sono giunti nell’arcipelago: di questi, 291.579 erano italiani (circa il 3,4% del totale).

Nel mese di gennaio 2022, inoltre, è possibile raggiungere le Baleari con un volo Ryanair o Easyjet diretto a Palma di Maiorca e in partenza da uno dei principali aeroporti italiani: Milano Malpensa (MI), Orio al Serio Int. Airport (BG), Ciampino B. G. Pastine(RM), Aeroporto Internazionale di Napoli (NA), Aeroporto di Treviso (TV), Aeroporto di Torino (TO) e Aeroporto Internazionale di Pisa (PI).

Ma quali attività svolgere nel mese di gennaio alle Baleari? Accompagnato da un clima mite e caldo tutto l’anno, l’arcipelago si presenta come illuogo ideale per gli amanti delle attività all’aperto anche in inverno, con i suoi paesagginaturali mozza&ato, che sono lo scenario ideale per questo genere di attività. Senzadimenticare la cultura, di cui le quattro isole sono ricchissime, sotto forma dimonumenti, cortili signorili, elementi architettonici e religiosi, di tutte le civiltà chehanno lasciato il loro segno e il loro ricco patrimonio nel corso degli anni.

Sull’isola di Maiorca, ad esempio, sarà possibile visitare il più antico santuario marianodelle Isole Baleari (XIII sec. d.C.): il Monastero di Lluc, visitabile tutto l’anno (anched’inverno). Situato nel comune di Escorca, il santuario appartiene alla diocesi diMaiorca e la sua fondazione risale al XIII secolo, quando, secondo la leggenda, futrovata per caso nella zona un’immagine della Vergine tra le rocce, che sarebbe statachiamata la Vergine di Lluc o Mare de Déu de Lluc. Invece, per conoscere Ibiza, città più islamica e medievale, una visita al Centro diInterpretazione Madina Yabisa è d’obbligo.

Si tratta di un vero e proprio museo,progettato con tecnologia audiovisiva per raccontare l’evoluzione storica e urbana dellacittà d’Ibiza in epoca medievale. Anche l’isola di Formentera ha una storia antica, tanto da ospitare niente meno cheuna costruzione megalitica di uso funerario, Ca Na Costa: la tomba megalitica piùspettacolare delle Isole Baleari, situata tra lo stagno conosciuto come Estany Pudent(precedentemente conosciuto anche come Estany des Flamencs) e il villaggio di EsPujols, nella parrocchia di Sant Ferran de ses Roques.Infine, grazie al suo clima mite, l’isola di Minorca consente lo svolgimento di numerose attività all’aperto anche nei mesi invernali. Ad esempio, è possibile esplorare la ricchezza del patrimonio archeologico, così come il fascino della Minorca più verde erurale attraverso i suoi percorsi cicloturistici, molti dei quali realizzati dalle vecchi estrade di campagna dell’interno, che diventano la pista perfetta per godersi la mountain bike.

Per scoprire le modalità d’ingresso nelle isole Baleari consultare il sitosafetourism.illesbalears.travel/en Chi siamo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.