DREAMCATCHERS CONTINUA A REGALARE SORRISI AI RAGAZZI MENO FORTUNATI

il

L’Associazione che si impegna ad esaudire i desideri dei meno fortunati è riuscita ancora una volta a regalare momenti di gioia e a far vivere un sogno con l’aiuto di Costa Crociere Foundation

L’associazione Dreamcatchers, “Cacciatori di sogni” www.dream-catchers.it, è riuscita ad esaudire i sogni di tanti ragazzi meno fortunati, affetti da gravi patologie e disabilità, giovani che si trovano troppo spesso costretti a rinunciare ai propri desideri, per via della propria salute. Grazie alla generosa partecipazione di Costa Crociere Foundation questa volta è stato Fabrizio, un ragazzo di 20 anni, a poter realizzare insieme alla sua famiglia il suo sogno nel cassetto.

Sono tanti i ragazzi a cui l’Associazione Dreamcatchers è riuscita a regalare in solo pochi anni molto più di un sorrisoDopo Francesco che è stato a Maranello a bordo di una splendida FerrariMattia che ha ricevuto un pallone firmato da tutta la squadra del Milan e una maglietta di Ibra con dedica e i guanti da portiere, Simone che invece ha ricevuto pallone e maglia ma dai giocatori della Juventus, Francesco che è riuscito ad andare a Dublino, in Irlanda, alla festa di S. Patrizio, Irene che ha vissuto l’emozione di incontrare Babbo Natale in Lapponia, Sarah che desiderava andare a Venezia, l’ultimo a esaudire il suo desiderio è stato Fabrizio. Affetto da una grave patologia, Fabrizio amante del mare, delle barche, del sole e del buon cibo desiderava da sempre partire a bordo di una nave da crociera con tutta la famiglia. Grazie alla disponibilità di Costa Crociere Foundation che ha messo a disposizione due cabine con balcone a bordo della Costa Toscanala nuova ammiraglia della compagnia, Fabrizio è potuto partire lo scorso 16 aprile da Savona per una settimana (all inclusive) in Mediterraneo toccando Marsiglia, Barcellona, Valencia, Palermo e Civitavecchia. Grazie ai nuovi motori a propulsione LNG, tra l’altro, la nuova Costa Toscana, che offre fra i tanti servizi una Spa e una palestra di ultima generazione oltre ad una proposta gastronomica d’eccellenza, si dimostra sempre più attenta all’ambiente e offre una crociera sempre più sostenibile.

In breve tempo Dreamcatchers è diventata ormai un punto di riferimento per genitori che vivono esperienze difficili con i propri figli, impossibilitati a esaudire i loro sogni. L’associazione, da quando è stata fondata, è andata alla ricerca di ragazzi e famiglie disposte a farsi aiutare ad esaudire i sogni dei propri figli, ma il desiderio e l’obiettivo più grande è mettere a disposizione le conoscenze, i contatti, i fondi dell’Associazione Dreamcatchers per tutti i ragazzi, i giovani che in Italia stanno combattendo una grave malattia e che hanno gravi disabilità.

Nel 2021, nonostante i momenti difficili legati alla pandemia, l’Associazione non si è mai fermata e anche Marco affetto da gravi problemi oncologici è riuscito a realizzare il suo sogno e a salire in sella a una Yamaha, moto che tanto desiderava, Ricardo che desiderava volare a Londra per visitare i Warner Bros Studios dove sono state realizzate molte delle indimenticabili scene della saga del maghetto Henry Potter suo beniamino ha potuto farlo, virtualmente, attraverso un computer donato da Dreamcatchers. Andrea, affetto da una grave patologia oncologica e amante della Grecia, è riuscito a visitare Atene e Sparta con la sua fidanzata Emanuela.

Tanti sono i sogni che Dreamcatchers si prefigge di realizzare ancora nel 2022 e negli anni a venire, perché portare avanti questo progetto significa realizzare i desideri di tanti ragazzi cui la vita ha purtroppo dato una strada tutta in salita, che essi affrontano però con coraggio e tenacia. Ragazzi con tanta voglia di scoprire, conoscere e vivere un sogno che ignora le frontiere e può diventare realtà grazie anche alla collaborazione di ognuno di noi.

Dreamcatchers

L’Associazione senza scopo di lucro Dreamcatchers nasce a Milano dall’entusiasmo di sette soci fondatori (Isabella Brega, Claudio Pina, Anna Maria Terzi, Maurizio Fabbro, Erika Corazza, Virginia Turano e Claudia Galmozzi), tra cui tre giornalisti del mondo del turismo, e dal loro desiderio di realizzare i sogni di viaggio di viaggio di bambini e ragazzi dai 13 ai 22 anni affetti da gravi patologie. La nascita di questa Onlus è riconducibile a un incontro con un bambino speciale, Jacopo Marotta, che ne è stato l’ispiratore. Una conoscenza che ha fatto capire a chi poi ha voluto fortemente la Dreamcatchers che la malattia non deve essere un ostacolo alla realizzazione dei propri sogni. Così dopo aver letto sul volto di Jacopo (aveva realizzato il sogno di visitare Barcellona) forza, volontà, determinazione e soprattutto tanta felicità i fondatori hanno voluto fare in modo che altri bambini provassero le stesse forti emozioni. Dreamcatchers prende nome dall’acchiappasogni, un talismano legato ai nativi americani e costituito da un cerchio in legno flessibile che raffigura il ciclo della vita dell’universo, che veniva appeso sulle culle dei bambini. Una rete formata da perline che serviva a trattenere i sogni belli e positivi e un cerchio centrale più piccolo che invece risucchiava quelli negativi. Dreamcatchers cattura i sogni di ragazzi speciali che lottano contro gravi malattie e li trasforma in una splendida realtà.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.