Air Italy : sindacati verso lo sciopero. Il caso dei 51 da Olbia a Milano il pomo della discordia

Non c’è pace in Air Italy. I sindacati vanno verso lo sciopero, UIL e CGIL attaccano l’aerolinea. Per la CISL invece incontro interlocutorio. Il pomo della discordia i 51 trasferimenti da Olbia a Milano che secondo i sindacati oppositori dovrebbero essere ritirati. La richiesta anche di un piano industriale di sviluppo. Questo da quello che esce dall’incontro avuto al MISE dove partecipavano il vice capo di gabinetto del Mise, Girgis Sorial, un funzionario del ministero dei Trasporti, il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru e l’assessore regionale ai Trasporti, Carlo Careddu.

Dalle dichiarazioni si evicne che i trasferimenti pesabo sul 16% della forza lavoro in Sardegna e che questi potrebbero dare inizio ad un forzato esodo futuro. I sindacati denunciano un modo unilaterale e non ortodosso da parte di come si pone Air Italy ed nnunciano la rottura della tregua sindacale con nuove azioni di sciopero ed organizzeranno un assemblea per mettere a conoscenza dello stato dell’arte della situazione,

Dall’altro lato il vice presidente Marco Rigotti averte che il progetto è molto importante e con insidie, un ambiente ostile porterà al suo sicuro abbandono. Sempre rigotti annuncia che dopo l’estate Meridiana Maintenance sarà incorporata nell’azienda e l’organico sarà aumentato di dieci unità destinate al Maintenance Operations Control Center, che sarà uno delle eccellenze della strategia.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.