Airbus ribadisce la richiesta di colloqui per ridurre le tensioni commerciali

il

 

Airbus SE (simbolo di borsa: AIR) prende atto della decisione dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) in merito al livello di contromisure che autorizza gli Stati Uniti a imporre ai prodotti dell’Unione europea (UE). Se il rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) sceglierà di imporre tariffe sull’importazione di aeromobili e / o componenti di aeromobili, ciò creerà insicurezza e perturbazioni non solo per l’industria aerospaziale, ma anche per l’economia globale più ampia. Eppure è ancora evitabile.

 

Guillaume Faury, CEO di Airbus, ha dichiarato: “Airbus continuerà a lavorare con i suoi partner, clienti e fornitori statunitensi per affrontare tutte le potenziali conseguenze di tali tariffe che costituirebbero una barriera contro il libero scambio e avrebbero un impatto negativo non solo sulle compagnie aeree statunitensi ma anche Lavori negli Stati Uniti, fornitori e viaggiatori aerei. Airbus spera pertanto che gli Stati Uniti e l’UE concordino di trovare una soluzione negoziata prima di creare gravi danni all’industria aeronautica, nonché alle relazioni commerciali e all’economia globale. ”

 

Nei prossimi mesi, l’OMC determinerà la quantità di contromisure tariffarie che l’UE può imporre ai prodotti statunitensi – compresi gli aeromobili Boeing importati – nel caso contrario relativo ai sussidi illegali a Boeing. L’OMC ha già scoperto che gli Stati Uniti non sono riusciti a far fronte ai sussidi illegali che causano danni ad Airbus. Ciò fornirà all’UE motivi per richiedere contromisure sui prodotti statunitensi a un livello che potrebbe superare le sanzioni statunitensi.

 

Se applicate, queste tariffe da entrambe le parti avranno un forte impatto sulle industrie statunitensi e dell’UE, comportando costi elevati per l’acquisizione di nuovi aeromobili sia per le compagnie aeree statunitensi che dell’UE. L’aviazione è un’industria globale. Ne è prova il fatto che quasi il 40 percento degli appalti relativi agli aeromobili di Airbus proviene da fornitori aerospaziali statunitensi. Questa catena di approvvigionamento statunitense sostiene 275.000 posti di lavoro americani in 40 stati attraverso una spesa che ha totalizzato $ 50 miliardi negli ultimi tre anni. Se vengono applicate le tariffe, l’intero settore globale sarà danneggiato.

 

L’unico modo per prevenire gli effetti negativi di queste tariffe sarebbe che gli Stati Uniti e l’UE trovino una soluzione a questa disputa di lungo periodo attraverso una soluzione negoziata. Airbus continua a incoraggiare l’amministrazione degli Stati Uniti e la Commissione europea a trovare una soluzione a questa controversia, preservando così la libera concorrenza leale e il commercio aperto che si sono rivelati utili per il pubblico ed essenziali per un settore dell’aviazione globale di successo e in crescita.

 

Per maggiori dettagli sulla controversia dell’OMC, fare riferimento a: https://www.airbus.com/company/responsibility-sustainability/approach-responsible-business/WTO.html e al bilancio Airbus (in particolare, nota 23, “Contenzioso e reclami” delle informazioni finanziarie intermedie non certificate di Airbus SE per il periodo di sei mesi chiuso al 30 giugno 2019 disponibile sul sito Web di Airbus – http://www.airbus.com)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.