Le tariffe WTO dovrebbero essere ridotte di circa due miliardi di dollari a seguito delle misure di conformità di Airbus

il

#EUtrade @wto #Airbus

Un panel del WTO che valuta le misure che l’UE e Airbus hanno adottato per conformarsi alle raccomandazioni del WTO ha reso noti i suoi risultati. A seguito delle conclusioni del panel, gli Stati Uniti dovrebbero ridurre immediatamente i dazi di 7,5 miliardi di dollari che il WTO ha autorizzato negli Stati Uniti a ottobre di circa 2 miliardi di dollari. Questo è il risultato diretto del panel che ha scoperto che i prestiti per lo sviluppo dell’A380 non hanno più un impatto sulle vendite Boeing e che quindi il valore delle vendite perse non esiste più.

 

Il rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) ora dovrebbe accettare la realtà che i prestiti concessi ad Airbus all’inizio degli anni 2000 – per lo sviluppo di un prodotto che non viene più venduto – non incidono sulle vendite Boeing.

 

Il panel afferma inoltre che le modifiche già apportate agli accordi di prestito dell’A350 non sono sufficienti per allineare pienamente i prestiti alle condizioni di mercato. Sulla base di questi risultati, Airbus sosterrebbe l’appello a questo rapporto, secondo le regole del WTO.

 

Nel maggio 2018, l’organo d’appello del WTO ha chiarito che l’UE e Airbus hanno ottenuto il rispetto della stragrande maggioranza delle misure in questione, ma ha ritenuto che fossero necessari alcuni adeguamenti dei prestiti A380 e A350 o per rimediare ai loro effetti sul mercato. Sono state quindi prese misure su entrambi i programmi relativi ai rispettivi prestiti degli Stati membri o sugli effetti del mercato che tali prestiti hanno avuto sulla Boeing.

 

Airbus rimane impegnato a collaborare con l’UE e i suoi Stati membri per conformarsi alle raccomandazioni del WTO. Con l’ampia gamma di passaggi aggiuntivi per conformarsi ai risultati del WTO dal 2018, l’UE e Airbus hanno dimostrato la loro disponibilità a garantire un ambiente commerciale equo nel rispetto degli accordi commerciali internazionali.

 

Al contrario, le parti statunitensi interessate non hanno intrapreso azioni visibili per far fronte ai loro sussidi illegali, nonostante le conclusioni dell’organo d’appello del WTO nell’aprile 2019 che gli Stati Uniti non fossero riuscite a ritirare i sussidi a beneficio della Boeing o a rimediare ai loro effetti sul mercato attraverso il 737 MAX, 787 o 777X.

L’UE ha pertanto richiesto l’autorizzazione del WTO di imporre contromisure alle importazioni statunitensi, in linea con la sua stima degli effetti dei sussidi statunitensi su Airbus che ammonta a $ 12 miliardi all’anno. Tale decisione è prevista nella primavera del 2020 e fornirebbe l’autorizzazione dell’UE a imporre tariffe sulle importazioni di prodotti statunitensi, compresi gli aeromobili Boeing.

 

Airbus continua a incoraggiare USTR ad accettare l’invito della Commissione europea a impegnarsi in discussioni significative per trovare una soluzione a tali controversie. Una soluzione negoziata è l’unico modo per ripristinare e preservare la libera concorrenza leale e il commercio aperto che è essenziale per un’industria aeronautica essenziale e globale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.