ETIHAD AIRWAYS: INIZIO D’ANNO POSITIVO, CON UNA BRUSCA FRENATA NEL SECONDO TRIMESTRE A CAUSA DELLA PANDEMIA

il

Etihad Airways Boeing 787-9 Dreamliner
Performance record nel 1Q, con un miglioramento del 34% su base annua
3,5 milioni di passeggeri trasportati
Load factor al 71%
Ricavi operativi per $1,7 miliardi
Miglioramento dei ricavi da attività cargo per $130 milioni (+37%) a $0,49 miliardi
Riduzione del 27% dei costi operativi diretti a $1,9 miliardi
Riduzione del 21% delle spese generali e amministrative a $0,40 miliardi
Riduzione dell’Available Seat Kilometres (ASK) del 53% a 23,69 miliardi
Abu Dhabi, 7 agosto 2020 – Etihad Airways (“Etihad”) ha pubblicato i risultati del primo semestre 2020,
in cui la compagnia aerea è partita molto bene a inizio anno, perseguendo gli obiettivi del proprio piano
di trasformazione. Questo ha permesso di raggiungere il miglior risultato su base mensile mai registrato
fino ad oggi a febbraio, prima dell’impatto di COVID-19, della successiva chiusura dei confini
internazionali e della sospensione dei voli da e per gli Emirati Arabi Uniti, iniziata il 24 marzo.
Performance del primo semestre 2020
Etihad ha trasportato 3,5 milioni di passeggeri nel primo semestre (primo semestre 2019: 8,2 milioni),
in calo del 58% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il load factor medio si è attestato al
71%. Le perdite operative core nello stesso periodo sono aumentate da $172 milioni a $758 milioni
(primo semestre 2019: $586 milioni), a causa di un calo del 38% nei ricavi, che si sono attestati a $1,7
miliardi (primo semestre 2019: $2,7 miliardi). Il tutto è stato parzialmente compensato dalla riduzione
del 27% dei costi operativi diretti a $1,9 miliardi (primo semestre 2019: $2,7 miliardi) e del 21% delle
spese generali e amministrative a $0,40 miliardi (primo semestre 2019: $0,50 miliardi), entrambi guidati
da iniziative di contenimento dei costi di gestione e operazioni ridotte. L’Available Seat Kilometres
(ASK) si è ridotto del 53% a 23,69 miliardi (primo semestre 2019: 50,35 miliardi).
I ricavi da attività cargo sono stati pari a $0,49 miliardi, registrando un miglioramento di $130 milioni
(+37%) rispetto allo stesso periodo del 2019, con 254.345 tonnellate di merci totali trasportate. Questo
risultato è stato possibile grazie a un aumento della domanda e delle tariffe cargo.
Il risultato operativo core nei primi tre mesi dell’anno è migliorato del 34%, nonostante la diffusione di
COVID-19, con una riduzione del 12% nel numero di passeggeri e un calo del 9,5% dell’ASK. Il load
factor del primo trimestre è stato pari al 74% (le prestazioni di gennaio sono state nettamente migliori
rispetto a quelle dello stesso mese nel 2019, con un load factor dell’81,9%) e il rendimento è stato di
$5,92 centesimi. I ricavi unitari nel primo trimestre sono diminuiti del 3,3% a $4,14 centesimi (1Q 2019:
$4,28 centesimi), compensati dalla continua attenzione verso la riduzione dei costi unitari, diminuiti del
2,4% a $ 7,01 centesimi (1Q: $7,18 centesimi).
Tuttavia la compagnia aerea ha registrato una significativa diminuzione dei ricavi operativi nel secondo
trimestre, a seguito della sospensione dei voli per l’epidemia di COVID-19, con il 70% della flotta a
terra. In questo periodo ha registrato un calo del 99% del numero di passeggeri e un calo dell’ASK del
95% rispetto al secondo trimestre del 2019. Il load factor in tale periodo è stato del 16%, principalment

per effetto dell’operatività di voli speciali (di rimpatrio) e della ripresa di un numero limitato di servizi di
transito a inizio Giugno via Abu Dhabi.
Tony Douglas, Group Chief Executive Officer di Etihad Aviation Group, ha dichiarato: «Etihad ha
affrontato una serie di sfide enormi e imprevedibili nei primi sei mesi dell’anno. Abbiamo iniziato il 2020
nel migliore dei modi, registrando risultati incoraggianti nell’ambito del nostro programma di
trasformazione continua. Questo ci ha permesso di mantenere una posizione relativamente solida
quando COVID-19 ha colpito, permettendoci di agire facilmente e di mobilitare tutte le risorse disponibili
al progredire della crisi, e adottando le giuste misure per ridurre i costi al minimo».
«Avendo rivisto le nostre prospettive per il resto del 2020 sulla base di quanto sta accadendo, restiamo
ottimisti sul fatto che – riaprendo i confini internazionali – aumenteremo i nostri voli e trasporteremo più
ospiti in modo sicuro e con maggiore serenità, supportati dal programma Etihad Wellness e dai nostri
nuovissimi Wellness Ambassador. Puntiamo ad aumentare i nostri voli in tutto il mondo entro settembre
fino a metà della nostra capacità pre-COVID-19. Guardando al futuro, siamo certi che gli Emirati Arabi
Uniti sono in prima linea nella ricerca di un vaccino contro l’epidemia. Gli incredibili sforzi che Abu
Dhabi sta compiendo per garantire la sicurezza e la protezione di popolazione residente e visitatori ci
consentiranno presto di accogliere nuovamente il mondo nella nostra meravigliosa casa. Questo
impegno è stato evidenziato con successo dal recente hosting dei principali eventi UFC nella capitale».
Etihad ha operato voli utilizzando fino a 40 aerei della sua flotta di 97 aeromobili passeggeri nel
secondo trimestre, inclusi Boeing 787 Dreamliner, 777-300ER e aeromobili della famiglia Airbus A320
come aerei cargo a fusoliera larga per completare la flotta operativa di Etihad Cargo, composta da sei
cargo 777-200F. Tra il 25 marzo e il 15 giugno sono stati operati oltre 640 voli speciali passeggeri verso
45 destinazioni online e offline, utilizzando le cabine passeggeri di questi aeromobili per il trasporto di
cittadini stranieri fuori dagli Emirati Arabi Uniti e per riportare a casa i cittadini emiratini.
Adam Boukadida, Chief Financial Officer di Etihad Aviation Group, ha affermato: «Quest’anno è
iniziato bene, cavalcando l’onda positiva del momentum raggiunto nel 2019 e, alla fine del primo
trimestre, la compagnia aerea era sulla buona strada per raggiungere un EBITDA 2020 di $900 milioni
(2019: 453 milioni di dollari). Etihad è riuscita a mantenere un livello soddisfacente di liquidità
nonostante un forte calo dei ricavi, continuando nel contempo a raccogliere nuova liquidità grazie al
supporto di istituzioni finanziarie locali e internazionali. Questo è stato possibile grazie anche a Fitch,
che ha mantenuto un “rating A con prospettive stabili” ad aprile, durante il culmine della pandemia.
Etihad è stata una delle poche compagnie aeree ad aver mantenuto invariato il proprio rating creditizio
pre-COVID-19».
Ci stiamo impegnando sempre di più nell’ottimizzazione deicostie delle efficienzea tutti i livelli
aziendali per affrontare gli ostacoli legati a COVID-19. I nostri fornitori e partner hanno lavorato a stretto
contatto con noi, anche per l’organizzazione dei pagamenti delle ferie ai lessor e le negoziazioni con
l’intera supply chain, permettendoci di riemergere più forti insieme».

Network
Etihad sta gradualmente riprendendo i servizi verso diverse destinazioni del suo network globale, a
seguito dell’allentamento delle restrizioni di viaggio da parte delle autorità di regolamentazione degli
Emirati Arabi Uniti sui voli di andata e di ritorno per cittadini e residenti. Tutti i viaggi rimangono soggetti
alle norme di ingresso e sanitarie adottate negli EAU e nella destinazione finale.
Tra agosto e settembre, fatta salva la revoca delle restrizioni internazionali e la riapertura dei singoli
mercati, la compagnia aerea punta a volare verso 61 destinazioni in tutto il mondo dal suo hub di Abu
Dhabi, operando circa il 50% della sua capacità pre-COVID.
Il summer schedule di Etihad, soggetto alle approvazioni governative applicabili, servirà un numero
maggiore di destinazioni, con una maggiore frequenza di voli da, per o via Abu Dhabi. Nello specifico:
– Medio Oriente e Africa: Amman, Bahrain, Beirut, Il Cairo, Casablanca, Dammam, Jeddah,
Kuwait, Muscat, Rabat, Riyadh, Seychelles
– Europa: Amsterdam, Atene, Barcellona, Belgrado, Bruxelles, Dublino, Düsseldorf,
Francoforte, Ginevra, Istanbul, Londra Heathrow, Madrid, Manchester, Milano, Mosca,
Monaco, Parigi Charles de Gaulle, Roma, Zurigo
– Asia: Ahmedabad, Baku, Bangkok, Bangalore, Chennai, Colombo, Delhi, Hyderabad,
Islamabad, Jakarta, Karachi, Kochi, Calcutta, Kozhikode, Kuala Lumpur, Lahore, Maschio,
Manila, Mumbai, Seoul, Shanghai, Singapore, Thiruvananthapuram, Tokyo
– Australasia: Melbourne, Sydney
– Nord America: Chicago, New York JFK, Toronto, Washington, DC
Etihad Wellness
Per tutelare i propri clienti, Etihad ha lanciato “Etihad Wellness”, un programma completo di misure
igienico-sanitarie già messe in atto per gestire COVID-19e divenuto ormai parte integrante della
strategia a lungo termine per i clienti della compagnia aerea. Il lancio del programma è stato promosso
dall’introduzione dei Wellness Ambassador, una novità assoluta del settore. Si tratta di personale
appositamente formato per fornire informazioni essenziali sulle condizioni sanitarie in viaggio e
assistenza online via webchat, all’aeroporto internazionale di Abu Dhabi e in volo, consentendo agli
ospiti di volare con maggiore serenità.
La risposta globale a molti aspetti del programma, inclusa l’innovativa figura dei Wellness Ambassador
e i protocolli di salute e igiene in viaggi ad ampio raggio, è stata straordinariamente positiva. La
compagnia aerea sta cogliendo l’occasione per sviluppare Etihad Wellness come un fattore chiave di
differenziazione per i clienti che acquistano un prodotto premium, garantendo loro vere e proprie cure
e misure efficaci di salute e sicurezza, oltre che un servizio e un’offerta di ospitalità tra i migliori al
mondo.

Network
Etihad sta gradualmente riprendendo i servizi verso diverse destinazioni del suo network globale, a
seguito dell’allentamento delle restrizioni di viaggio da parte delle autorità di regolamentazione degli
Emirati Arabi Uniti sui voli di andata e di ritorno per cittadini e residenti. Tutti i viaggi rimangono soggetti
alle norme di ingresso e sanitarie adottate negli EAU e nella destinazione finale.
Tra agosto e settembre, fatta salva la revoca delle restrizioni internazionali e la riapertura dei singoli
mercati, la compagnia aerea punta a volare verso 61 destinazioni in tutto il mondo dal suo hub di Abu
Dhabi, operando circa il 50% della sua capacità pre-COVID.
Il summer schedule di Etihad, soggetto alle approvazioni governative applicabili, servirà un numero
maggiore di destinazioni, con una maggiore frequenza di voli da, per o via Abu Dhabi. Nello specifico:
– Medio Oriente e Africa: Amman, Bahrain, Beirut, Il Cairo, Casablanca, Dammam, Jeddah,
Kuwait, Muscat, Rabat, Riyadh, Seychelles
– Europa: Amsterdam, Atene, Barcellona, Belgrado, Bruxelles, Dublino, Düsseldorf,
Francoforte, Ginevra, Istanbul, Londra Heathrow, Madrid, Manchester, Milano, Mosca,
Monaco, Parigi Charles de Gaulle, Roma, Zurigo
– Asia: Ahmedabad, Baku, Bangkok, Bangalore, Chennai, Colombo, Delhi, Hyderabad,
Islamabad, Jakarta, Karachi, Kochi, Calcutta, Kozhikode, Kuala Lumpur, Lahore, Maschio,
Manila, Mumbai, Seoul, Shanghai, Singapore, Thiruvananthapuram, Tokyo
– Australasia: Melbourne, Sydney
– Nord America: Chicago, New York JFK, Toronto, Washington, DC
Etihad Wellness
Per tutelare i propri clienti, Etihad ha lanciato “Etihad Wellness”, un programma completo di misure
igienico-sanitarie già messe in atto per gestire COVID-19e divenuto ormai parte integrante della
strategia a lungo termine per i clienti della compagnia aerea. Il lancio del programma è stato promosso
dall’introduzione dei Wellness Ambassador, una novità assoluta del settore. Si tratta di personale
appositamente formato per fornire informazioni essenziali sulle condizioni sanitarie in viaggio e
assistenza online via webchat, all’aeroporto internazionale di Abu Dhabi e in volo, consentendo agli
ospiti di volare con maggiore serenità.
La risposta globale a molti aspetti del programma, inclusa l’innovativa figura dei Wellness Ambassador
e i protocolli di salute e igiene in viaggi ad ampio raggio, è stata straordinariamente positiva. La
compagnia aerea sta cogliendo l’occasione per sviluppare Etihad Wellness come un fattore chiave di
differenziazione per i clienti che acquistano un prodotto premium, garantendo loro vere e proprie cure
e misure efficaci di salute e sicurezza, oltre che un servizio e un’offerta di ospitalità tra i migliori al
mondo.
Le iniziative Etihad Wellness vengono comunicate attraverso una guida online di facile utilizzo,
incentrata sugli elevati standard di pulizia e sulle misure sanitarie e igieniche applicate in ogni fase del
viaggio, che includono: l’igiene culinaria presso le strutture di ristorazione della compagnia aerea e il
laboratorio di analisi degli alimenti, la pulizia profonda della cabina dell’aeromobile, il check-in, lo
screening sanitario, l’imbarco, l’esperienza in volo e la qualità dei prodotti, l’interazione con l’equipaggio,
l’arrivo e il trasporto via terra.
A giugno Etihad ha anche annunciato la partnership con Medicus AI, società austriaca attiva nel settore
delle tecnologie in ambito healthcare, nata per lanciare uno strumento di valutazione del rischio di
contagio da COVID-19, che permetterà agli ospiti di prendere decisioni consapevoli in merito ai loro
spostamenti.
Forza lavoro
COVID-19 ha originato sfide senza precedenti per tutte le compagnie aeree, con una domanda di viaggi
significativamente ridotta, ed Etihad continua a fare tutto il possibile per supportare la sua famiglia
mondiale di dipendenti durante questo difficile periodo. Tuttavia, a causa della gravità della situazione
che il settore deve affrontare, la compagnia aerea è stata costretta a ridisegnare il perimetro aziendale,
facendo fronte alla necessità di licenziare forza lavoro in diverse aree del proprio business, al fine di
garantirne la continuità futura. Sono stati fatti anche dei tagli temporanei agli stipendi, dal 25% al 50%.
Douglas ha aggiunto: «Etihad, come tutte le principali compagnie aeree, non ha avuto altra scelta che
accettare l’ambiguità della situazione in cui si è ritrovata, e – con molta tristezza – abbiamo dovuto
prendere alcune decisioni estremamente difficili per ridurre la dimensione della forza lavoro di diverse
migliaia. Coloro che hanno lasciato Etihad lo hanno fatto con incredibile dignità e il loro contributo è
stato incommensurabile».
«Siamo estremamente fieri di ogni membro della famiglia Etihad, ognuno dei quali ha fatto del suo
meglio e in condizioni estremamente difficili per mantenere alta l’immagine di Etihad e il livello di
servizio offerto. Etihad è entrata con incertezza nell’era COVID-19, ma ne sta riemergendo con
resilienza, un po’ provata dalla battaglia ma con una rinnovata attenzione verso i propri valori
fondamentali. Stiamo riqualificando il nostro personale in tutta l’organizzazione per fornire un nuovo
prodotto in una nuova realtà, basato sullo sviluppo e la continuità del protocollo Etihad Wellness anche
nel prossimo futuro».
Voli umanitari
Etihad ed Etihad Cargo hanno operato servizi umanitari speciali in 60 città del mondo, 40 delle quali
non sono attualmente servite dalla rete di voli passeggeri o cargo della compagnia aerea. Tra questi
Addis Abeba, Antananarivo, Auckland, Bamako, Banjul, Barbados, Bhubaneswar, Bishkek, Bogota,
Bucarest, Buenos Aires, Conakry, Dushanbe, Erbil, Freetown, Grozny, Harare, Havana, Kabul, Kiev,
Kinshasa, Kish Island, Larnaca, Lima, Lucknow, Makhachkala, Moroni, N’Djamena, Niamey,
Nouakchott, Podgorica, San Jose, Santiago, Santo Domingo, Sofia, Tirana, Wuhan, Yerevan e
Zagabria.
Ampio programma di manutenzione
Con la maggior parte dei suoi aerei passeggeri a terra ad aprile, maggio e giugno, Etihad ha intrapreso
il più grande programma di manutenzione aeronautica della sua storia. La divisione MRO della
compagnia aerea, Etihad Engineering, ha eseguito lavori di manutenzione su 97 aeromobili passeggeri

tra cui 29 AirbusA320 e A321, 10 Airbus A380, 39 Boeing 787 e 19 Boeing 777-300ER. Questi
interventi hanno riguardato numerosi ambiti di attività, dalle manutenzioni minori (come la riparazione
dei sedili e gli aggiornamenti dei sistemi di intrattenimento di bordo) alle anticipazioni dei cambi motore
già in programma e delle modifiche su diversi aeromobili, riducendo la necessità di mandarli in pensione
una volta ripreso lo schedule ordinario. Questo ampio programma è andato ad aggiungersi alla
manutenzione ordinaria, eseguita con cadenza regolare.
Sostenibilità
Etihad continua a essere leader, insieme ai suoi partner negli Emirati Arabi Uniti e in tutto il mondo, per
il suo pionieristico impegno nella mitigazione dell’impatto ambientale nel settore del trasporto aereo in
maniera innovativa ed efficace. La strategia di sostenibilità di Etihad Aviation Group è allineata ai 17
obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. A gennaio, alla presenza della Commissione UE,
Etihad ha annunciato il suo impegno per il dimezzamento delle emissioni 2019 entro il 2035 e il
raggiungimento dell’obiettivo di zero emissioni nette di carbonio entro il 2050.
A seguito del lancio del programma Greenliner in collaborazione con Boeing a novembre 2019, Etihad
a gennaio ha preso in consegna un velivolo Boeing 787-10 con una speciale livrea “green”, per
evidenziare il suo ruolo nelle attività di ricerca in tema di sostenibilità, per guidare l’innovazione e la
sostenibilità nelle sue attività operative. Per celebrare l’Ireland’s National Day, Etihad ha operato la
tratta Abu Dhabi-Dublino con il suo Greenliner. Un profilo ottimizzato della rotta ha ridotto il tempo di
viaggio di 40 minuti, consentendo un minore impiego di carburante per 800 kg e riducendo le emissioni
di CO2 di tre tonnellate.
Nello stesso mese, quando Etihad ha annunciato i suoi impegni sulla sostenibilità a Bruxelles, la
compagnia aerea ha operato un volo da Abu Dhabi alla sede dell’UE con un Boeing 787 EcoFlight. Il
volo ha percorso una rotta ottimizzata da Eurocontrol, con riduzione al minimo di plastica monouso a
bordo e alcuni accorgimenti finalizzati all’efficientamento del carburante, tra cui l’uso di trattori elettrici
presso l’hub di Abu Dhabi, la riduzione dell’utilizzo dell’APU e l’ottimizzazione dei livelli di acqua potabile
a bordo.
«L’obiettivo che ci prefiggiamo, di qui in avanti, è adattare il nostro piano di trasformazione alle nuove
condizioni di mercato, ma senza cambiare i nostri obiettivi generali e i nostri obiettivi di sostenibilità.
Prevediamo che la volatilità possa persistere, almeno nel prossimo futuro, visto che il mondo si sta
sforzando di porre fine a COVID-19 e le metodologie e i protocolli di test si stanno evolvendo per entrare
a far parte della normalità».
«Sappiamo che i mercati si aspettano un rimbalzo delle attività e il mondo riscoprirà la meraviglia di
volare ancora una volta. Quando questo succederà, i nostri ospiti apprezzeranno più che mai la
proposta di Etihad Wellness e noi siamo nella posizione migliore per offrire loro sicurezza,
riassicurazione e la migliore esperienza di categoria che possono aspettarsi da Etihad, perché siamo
una vera e propria compagnia aerea full-service», ha concluso Douglas

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.