L’Umbria che vuole resistere ed affrontare le sfide economiche riparte dalla fiera TTG di Rimini

il

In uno scenario globale fortemente provato e modificato dall’epidemia da Covid-19, l’Umbria vuole resistere ed affrontare le sfide economiche ripartendo dalla presenza all’interno di una delle fiere internazionali più importanti per il settore turistico. Il TTG è l’evento italiano di riferimento per la promozione del turismo e per la commercializzazione dell’offerta turistica. 

La formula rinnovata della fiera consentirà quest’anno, ai buyer internazionali di partecipare on-line, mentre i visitatori italiani potranno visitare lo stand anche in presenza. 

L’AU Sviluppumbria Michela Sciurpa in visita in fiera ha confermato quanto il lavoro dell’Agenzia sia stato basilare per assicurare la presenza della collettiva regionale che in questa edizione si fregia di uno stand accuratamente rinnovato. 

Nella sua prima trasferta istituzionale, l’Amministratrice, ha dimostrato tutto il proprio favore a rappresentare Sviluppumbria al TTG, e più in generale, a contribuire allo sviluppo economico regionale e quindi a quello turistico. 

In questa edizione 2020, lo stand umbro, 216 mq in posizione centrale, ospita 27 operatori rappresentativi di tutto il territorio regionale. Si tratta del primo evento promozionale in presenza per l’Umbria, e grande attenzione è stata posta in fase progettuale e di allestimento da parte dell’Agenzia regionale per lo sviluppo economico, per garantire una partecipazione quanto più sicura e responsabile. 

La partecipazione collettiva al TTG, in calendario fino al 16 ottobre a Rimini, è organizzata da Sviluppumbria per conto della Regione Umbria, con finanziamento a valere sui fondi POR FESR Azione 531/871 – linea C “Promozione delle destinazioni”. 

L’Agenzia, nei tre giorni di fiera, gestisce l’organizzazione in loco di un fitto calendario di meeting e conferenze che vedono la presenza dell’Assessore al Turismo e di numerosi e graditissimi ospiti di volta in volta chiamati a testimoniare le peculiarità dell’Umbria. In diretta dal TTG Travel Experience e in live facebook su http://www.umbriatourism si è tenuta, nella prima giornata di fiera, la conferenza “Umbria e Sicilia: diverse ma vicine”, un appuntamento fortemente voluto dalla Regione Umbria in collaborazione con Sviluppumbria, e dalla Regione Siciliana. L’incontro è stata l’occasione per promuovere le rotte Ryanair di collegamento tra le due regioni. Sono intervenuti: gli assessori al turismo: Paola Agabiti per l’Umbria, e Manlio Messina per la Sicilia, la responsabile sales and Marketing Ryanair Chiara Ravara e Umberto Solimeno il Direttore dell’Aeroporto Internazionale dell’Umbria San Francesco d’Assisi. Il nuovo volo in arrivo al San Francesco d’Assisi, partirà dal 27 ottobre, con frequenza bi-settimanale da Palermo, e si aggiunge alla tratta Perugia -Catania già in vigore. Il piano operativo Ryanair è la conferma che la compagnia vuole investire ulteriormente sullo scalo umbro portando a 5 le destinazioni servite. I due assessori regionali hanno rimarcato l’importanza strategica della rotta. Con la Sicilia – ha sottolineato l’assessore Agabiti – svilupperemo in futuro ulteriori sinergie, ad accomunare le due regioni: arte, cultura enogastronomia gastronomia, i grandi eventi dedicati al jazz ed una radicata tradizione nella lavorazione del cioccolato. L’avvio di una nuova collaborativa sinergia tra le 

due istituzioni regionali, ed il coinvolgimento dell’aeroporto umbro, è stato fortemente voluto da Sviluppumbria

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.