Austrian Airlines attua ulteriori misure di ristrutturazione

il


· La compagnia aerea nazionale risponde al prolungato decorso della pandemia di coronavirus
· La lenta ripresa del mercato porta al parcheggio a lungo termine di altri due aeromobili e richiede un ulteriore pacchetto di misure
· Il CEO von Hoensbroech: “Austrian Airlines sarà completamente diversa dopo la crisi”.

La compagnia di bandiera austriaca rosso-bianco-rossa ha sfruttato i mesi difficili della crisi del coronavirus per fare ampi preparativi per il futuro. Questioni come il ridimensionamento della flotta annunciato nella primavera del 2020, in cui la compagnia aerea si sta liberando di tipi più piccoli di aeromobili come gli aerei Dash e Airbus 319, sono nella fase finale di implementazione. Procede secondo i piani anche la centralizzazione del traffico aereo a Vienna e la relativa chiusura di tutto l’equipaggio e delle basi tecniche nelle province federali e di alcune stazioni di smistamento passeggeri. Pacchetti anti-crisi pluriennali completi sono stati messi insieme nel 2020 sulla base di accordi raggiunti con il personale, i fornitori e i partner di sistema al fine di garantire uno sviluppo favorevole degli utili a lungo termine e la capacità della compagnia aerea di rimborsare i prestiti. Austrian Airlines ha anche recentemente annunciato una riduzione della sua infrastruttura di uffici, in cui quattro piani su otto della sede centrale di Austrian Airlines vengono restituiti alla società operativa dell’aeroporto di Vienna Flughafen Wien AG. “Siamo consapevoli della nostra responsabilità nei confronti della popolazione austriaca e vogliamo ripagare il nostro debito il più rapidamente possibile non appena si avvia una ripresa del mercato”, spiega Alexis von Hoensbroech, CEO di Austrian Airlines.

La durata prolungata della crisi richiede ulteriori misure
Come molte altre compagnie nel paese, Austrian Airlines sta combattendo per tornare alla normalità. “La pandemia dura molto più a lungo del previsto e gli effetti si faranno sentire per diversi anni. Questo è il motivo per cui non saremo in grado di raggiungere gli obiettivi di guadagno che abbiamo definito la scorsa primavera. Per questo motivo, stiamo implementando ulteriori misure per salvaguardare in modo sostenibile il futuro della nostra Austrian Airlines ”, afferma von Hoensbroech. L’amministratore delegato di Austrian Airlines si riferisce, tra le altre misure, ai rinnovati adeguamenti apportati al piano della flotta, presentati oggi ai dipendenti in una riunione virtuale del municipio. Al fine di limitare il rischio derivante da una ripresa più lenta del mercato, altri due aeromobili Airbus saranno relegati al parcheggio a lungo termine. Di conseguenza, l’attuale flotta totale di circa 80 aeromobili sarà ridotta ancora di più a 58 invece del numero originariamente previsto di 60 aerei, almeno fino al 2024/25. La compagnia aerea prevede anche di aumentare la produttività della flotta allo stesso tempo. Insieme a un gran numero di altre misure, ciò avrà anche un impatto sull’eccedenza matematica di personale dopo la crisi. La compagnia aerea nazionale ha già ridotto il suo personale totale di 650 posizioni a tempo pieno fino alla fine di febbraio 2021 per attrito naturale. Tuttavia, Austrian Airlines dovrà ridurre ulteriormente le proprie capacità personali tagliando più di 650 posti di lavoro aggiuntivi entro il 2023. Ciò non sarà possibile in tutte le aree a causa dell’attrito naturale. L’azienda mantiene l’obiettivo di licenziare il minor numero di persone possibile. Con questo in mente, la compagnia aerea sta valutando la possibilità di modelli di lavoro part-time per ridurre temporaneamente la capacità del personale. “Nonostante questa crisi senza precedenti, vogliamo assicurarci il maggior numero di posti di lavoro possibile”, sottolinea il CEO von Hoensbroech. Ma una cosa è certa. “Austrian Airlines sarà completamente diversa dopo la crisi. L’azienda sarà più snella, più digitalizzata e più moderna e ricollegherà l’Austria al mondo con il suo hub a lungo raggio ”, aggiunge.

L’aumento delle prenotazioni per l’estate 2021 è motivo di ottimismo
“La nostra riserva di liquidità continua a essere buona e abbiamo fiducia che ci sarà una ripresa del mercato nell’estate del 2021. Prevediamo che un numero sufficiente di persone sarà vaccinato in tutta Europa entro quel momento in modo che i viaggi non debbano andare di pari passo di pari passo con le restrizioni di viaggio e i divieti di viaggio ”, spiega Michael Trestl, membro dell’Executive Board e Chief Commercial Officer. La situazione delle prenotazioni per le festività natalizie di quest’anno mostra uno sviluppo positivo. A partire da Pasqua verrà inoltre incrementata l’offerta di voli a lungo raggio. Nuove prenotazioni per l’alta stagione vengono registrate ogni giorno, ad esempio, recentemente un aumento del 50% delle nuove prenotazioni da giugno ad agosto nelle ultime due settimane, rispetto alle prenotazioni di gennaio per lo stesso periodo. A sua volta, questo rende la direzione della compagnia di bandiera austriaca ottimista per il futuro. “Difficilmente si riuscirà a trattenere le persone dal viaggiare grazie al Green Pass digitale nelle loro borse”, conclude Trestl.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.