Air France-KLM annuncia un piano di misure di rafforzamento patrimoniale con l’obiettivo di rafforzare il proprio bilancio, preparare la ripresa e riposizionare il Gruppo su una traiettoria finanziaria sostenibile

il

Air France-KLM ha annunciato le seguenti misure in relazione ad Air France, che sono state approvate dalla Commissione europea nella sua decisione di autorizzare misure statali francesi da 4 miliardi di euro per ricapitalizzare Air France e la sua holding:

 Un aumento di capitale per un importo fino a 1 miliardo di euro, con un periodo di sottoscrizione prioritaria per gli azionisti, soggetto alle condizioni di mercato e alla preventiva approvazione sul prospetto da parte dell’Autorité des marchés financiers (“AMF”) e,

 Contemporaneamente, conversione del prestito diretto dello Stato francese da 3 miliardi di euro prelevato in uno strumento di obbligazioni ibride perpetue.

 Lo Stato olandese sta proseguendo le discussioni con la Commissione europea in merito a potenziali misure di rafforzamento del capitale per KLM.

 Sono attualmente allo studio ulteriori misure per rafforzare ulteriormente il capitale del Gruppo, con diversi passi da compiere prima dell’Assemblea generale annuale del 2022.

Il 5 aprile il Consiglio di amministrazione del Gruppo Air France-KLM ha approvato un piano per avviare il ripristino del patrimonio netto negativo del Gruppo e rafforzare ulteriormente la sua posizione di cassa:

Aumento di capitale con periodo di sottoscrizione prioritaria per gli azionisti – Il Gruppo intende lanciare un aumento di capitale subordinato alle condizioni di mercato e all’approvazione del prospetto da parte dell’AMF.

  • Tale aumento di capitale sarà lanciato senza diritti preferenziali di sottoscrizione ma con un periodo di priorità per gli azionisti, nei limiti della diciannovesima delibera approvata dall’Assemblea Generale Annuale del 26 maggio 2020, che consente di non diluire gli azionisti esistenti, mediante la sottoscrizione di azioni durante il periodo di priorità fino alla loro partecipazione nel capitale sociale di Air France-KLM. L’offerta sarà composta da un collocamento privato a investitori istituzionali, un’offerta pubblica e un periodo di priorità che consentirà a tutti gli azionisti di supportare questa operazione.
  • Lo Stato francese si impegna a partecipare all’aumento di capitale mantenendo la propria quota strettamente al di sotto del 30% del capitale sociale e dei diritti di voto.
  • China Eastern Airlines intende partecipare mantenendo la propria quota strettamente al di sotto del 10% del capitale sociale, nell’ambito di un ulteriore rafforzamento della cooperazione strategica con il Gruppo.
  • Lo Stato olandese, che detiene il 14,0% del capitale sociale, ha comunicato al Gruppo che non sottoscriverà questo aumento di capitale.
  • Delta Air Lines, che detiene l’8,8% del capitale sociale, ha informato il Gruppo che non sottoscriverà tale aumento di capitale a causa dell’attuale quadro dell’atto CARES in essere negli Stati Uniti.
  • Questa operazione migliorerà il patrimonio del Gruppo fino a 1 miliardo di euro in base ai principi contabili IFRS e GAAP francesi e porterà la stessa quantità di nuovo denaro al Gruppo a vantaggio di Air France. Contemporaneamente, la conversione interamente utilizzata di un prestito statale francese di 3 miliardi di euro in uno strumento di obbligazioni ibride perpetue (“Super Subordinated Notes”):
  • Il prestito diretto di 3 miliardi di euro fornito dallo Stato francese ad Air France tramite Air FranceKLM alla fine di maggio 2020 sarà convertito in Titoli Super-Subordinati dello stesso importo nominale ad Air France tramite Air France-KLM, consentendo al Gruppo di ripristinare una parte del proprio patrimonio in base ai principi contabili IFRS.
  • Questa operazione migliorerà il patrimonio del Gruppo di 3 miliardi di euro secondo i principi contabili IFRS senza alcun impatto di cassa, aumentando al contempo la flessibilità del Gruppo nel suo profilo di rimborso del debito obbligatorio diffuso nel tempo (con un periodo di non chiamata che va da 4 a 6 anni).

Lo Stato olandese ha approvato questa serie di azioni e ha indicato che stava proseguendo le discussioni con la Commissione europea su potenziali misure di rafforzamento del capitale per KLM.

Insieme all’atteso recupero dell’EBITDA, questo primo passo di misure di rafforzamento patrimoniale aiuterà progressivamente il Gruppo a ridurre il rapporto Net Debt / EBITDA al di sotto di 3,0 volte entro il 2023.

Ulteriori misure per rafforzare ulteriormente il bilancio sono attualmente allo studio con diversi passaggi da intraprendere prima dell’Assemblea generale annuale del 2022, poiché il patrimonio netto del Gruppo rimarrà negativo dopo questo primo passo.

Queste misure potrebbero includere l’emissione di importi adeguati di nuove azioni nonché di strumenti quasi azionari proporzionati, soggetti alle condizioni di mercato. Gli strumenti obbligazionari perpetui ibridi interamente sottoscritti dallo Stato francese e derivanti da questa prima fase di ricapitalizzazione potrebbero essere utilizzati per compensare in parte, a titolo di compensazione, le future raccolte azionarie e / o quasi azionarie del Gruppo.

L’obiettivo di tali ulteriori misure sarà quello di rafforzare ulteriormente la situazione patrimoniale del Gruppo e ridurre il rapporto Debito Netto / EBITDA di circa 2,0 volte entro il 2023. Per raggiungere questo obiettivo, saranno quindi necessarie specifiche deleghe da sottoporre alla prossima Assemblea Generale del Gruppo, in programma il 26 maggio.

Inoltre, il prestito garantito dallo stato francese (Pret Garantie d’Etat “PGE”) di € 4 miliardi è stato prorogato con una data di scadenza finale nel 2023. Il prestito garantito da prestito statale olandese di € 2,4 miliardi ha una data di scadenza in 2025. Questi elementi consentono di smussare il profilo di rimborso del debito del gruppo e delle compagnie aeree di un’agevole estensione del profilo di scadenza del debito del Gruppo.

Impegni presi al fine di rispettare il “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale epidemia di Covid-19” (TF) della Commissione europea.

Air France-KLM sarà soggetta agli impegni assunti dal governo francese per conformarsi al “Quadro temporaneo per misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale epidemia di Covid-19” (TF) della Commissione Europea.

Questi impegni, in particolare i paragrafi 60-61 e 71-78 del TF, includono il rilascio da parte di Air France di un massimo di 18 diritti di decollo e atterraggio (slot) all’aeroporto di Parigi-Orly a un vettore concorrente al fine di creare o sviluppare un base presso tale aeroporto, a condizione che il vettore concorrente che ottiene le bande orarie di Air France basi i propri aeromobili ed equipaggi all’aeroporto di Parigi-Orly, nel rispetto delle leggi sul lavoro nazionali e comunitarie. Altri impegni generali sono stati assunti nell’ambito del TF, comprese restrizioni alle acquisizioni, riacquisto di azioni proprie, distribuzioni di dividendi e remunerazione del management esecutivo. Questi impegni sono applicabili all’intero Gruppo ad eccezione di KLM e delle sue controllate.

Il Gruppo ha ribadito gli impegni economici, finanziari e ambientali assunti nell’ambito del Finanziamento di Stato e riflessi nel proprio piano di trasformazione. Il Gruppo mantiene quindi un’ambiziosa roadmap ambientale per accelerare la transizione sostenibile del Gruppo, in linea con gli obiettivi della National Low Carbon Strategy (Stratégie Nationale Bas Carbone “SNBC”).

“L’annuncio di oggi dimostra sia il forte impegno dello Stato francese che il rinnovato sostegno dello Stato olandese per aiutare il gruppo a superare questa pandemia e questa crisi”, ha affermato Anne-Marie Couderc, presidente del consiglio di amministrazione di Air France-KLM. “L’impegno del nostro partner di lunga data China Eastern Airlines a partecipare all’imminente aumento di capitale evidenzia anche una ferma fiducia nei punti di forza e nelle prospettive del gruppo Air France-KLM”.

“Queste prime misure di ricapitalizzazione sono un’importante pietra miliare per il nostro Gruppo in questo periodo eccezionalmente difficile”, ha affermato Benjamin Smith, CEO di Air France-KLM Group. “Forniranno ad Air France-KLM maggiore stabilità per andare avanti quando inizierà la ripresa, mentre la vaccinazione su larga scala progredisce in tutto il mondo e le frontiere riaprono. Garantire che Air FranceKLM mantenga una traiettoria finanziaria sostenibile è fondamentale per realizzare il nostro piano strategico, continuando l’esecuzione dei nostri piani di trasformazione presso il Gruppo e le nostre compagnie aeree. Vorrei ringraziare i nostri dipendenti per il loro impegno e la loro responsabilità durante questa crisi. Continueremo a lavorare insieme per promuovere nuove efficienze mentre cerchiamo di abbassare i costi unitari ed emergere più forti quando il settore si riprenderà con l’ambizione di raggiungere la leadership europea ”.

Outlook per Q1

Come previsto, il Gruppo Air France – KLM ha continuato a essere influenzato negativamente dalla crisi COVID durante il primo trimestre del 2021, in particolare dall’impennata di una terza ondata di pandemia in diversi paesi europei e dal proseguimento delle restrizioni ai viaggi aerei adottate da un numero significativo di paesi.

Sulla base dei risultati contabili di gennaio e febbraio e del reforecast effettuato alla fine di ogni mese, il Gruppo prevede che il risultato operativo per il primo trimestre del 2021 sarà di circa -1,3 miliardi di euro e l’EBITDA di circa -750 milioni di euro. , al di sotto dell’EBITDA del quarto trimestre 2020 come indicato nella presentazione dei risultati dell’intero anno 2020. Va notato che nei primi due mesi del 2021, il risultato operativo e l’EBITDA sono stati significativamente migliori rispetto alle ipotesi di budget del Gruppo, e la spesa in conto capitale è stata anche del 10% inferiore al budget in quel periodo, riflettendo l’efficace controllo introdotto dal management sul CAPEX, consentendo il Gruppo avrà a disposizione una solida liquidità e linee di credito pari a 8,8 miliardi di euro al 28 febbraio 2021.

Nei prossimi mesi, e in particolare all’inizio dell’estate, il Gruppo prevede ancora una significativa ripresa della domanda, ipotizzando che gli effetti positivi delle campagne di vaccinazione accelerata in diversi paesi potrebbero innescare restrizioni meno stringenti sui viaggi dei passeggeri attraverso tali paesi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.