L’AERONAUTICA MILITARE PARTECIPA ALL’EVENTO “ITALIAN NATIONAL AIRSPACE STRATEGY (NAS) – ACHIEVEMENTS AND UPCOMINIG CHALLENGES”

il

Si è svolta il 7 dicembre tavola rotonda organizzata da ENAC, ENAV SpA e IATA

​Martedì 7 dicembre, presso l’Hilton Rome Airport di Fiumicino, l’Aeronautica Militare ha partecipato alla tavola rotonda organizzata da ENAC, ENAV SpA e International Air Transport Association (IATA) nell’ambito dell’iniziativa NAS, per definire le strategie con cui affrontare le sfide nel settore dell’aviazione post COVID-19 e lo sviluppo di sinergie per armonizzare le esigenze della sicurezza nazionale con le prospettive di sviluppo del traffico aereo civile.

All’ evento erano presenti Rafael Schvartzman – Vicepresidente Regionale per l’Europa di IATAAlessio Quaranta -Director General ENAC,  Paolo Simioni – Amministratore Delegato di ENAV, in rappresentanza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, ha partecipato invece  il Generale di Brigata Luca Baione, Capo Ufficio Generale Aviazione Militare e Meteorologia dello Stato Maggiore, organo attraverso il quale il Capo di SMA esercita la sua funzione di Autorità per l’Aviazione Militare, attribuzione conferitagli con Decreto ministeriale.

In questo contesto, la peculiarità che caratterizza l’Aeronautica Militare, che è allo stesso tempo regolatore, gestore e utilizzatore dello spazio aereofornitore dei servizi di navigazione aerea e operatore aeroportuale, nonché autorità di sicurezza del volo, le consentono di esprimere competenze in tutti i campi dell’aviazione.

Durante il suo intervento, il Generale Baione ha evidenziato l’importanza della collaborazione tra gli enti dell’aviazione civile e l’Aeronautica Militare, resa quanto mai necessaria e funzionale dall’esperienza e dalle competenze maturate dalla Forza Armata nei suoi quasi 100 anni di storia. Ciò vale ancor di più quando si tratta di Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR), settore nel quale l’Aeronautica Militare è stata pioniera nella regolamentazione e nell’impiego operativo, quando a livello civile non esisteva ancora una definizione del termine APR. Per questo bagaglio di esperienze unico l’Aeronautica Militare può essere oggi riferimento di tutte le istituzioni che impiegano l’APR”.

L’iniziativa si inserisce nel quadro della mutua collaborazione tra gli attori civili e militari, in termini di cooperazione e coordinamento delle attività, che negli ultimi anni ha portato ad avviare la NAS, con lo scopo di lavorare insieme alla continua modernizzazione dello spazio aereo nazionale, migliorando la sicurezza, l’efficienza operativa ed economica e riducendo, al contempo, le emissioni di CO2. Tutto questo assicurando all’aviazione militare l’assolvimento della missione della difesa dello Spazio Aereo nazionale.

Fonte SMA AVIAM

Autore T.Col. Fabio D’Elia

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.