Air New Zealand riceve la 1600esima consegna di ATR

il

Air New Zealand riceve la 1600esima consegna di ATR

Il produttore franco-italiano di turboelica supera il traguardo dei suoi 40 anni
Air New Zealand è il terzo più grande operatore ATR
La compagnia aerea utilizza turboelica ATR per fornire collegamenti aerei domestici essenziali in modo sostenibile
Nello stesso mese in cui ha celebrato il suo 40° anniversario, ATR ha raggiunto un’altra importante pietra miliare nella sua storia, consegnando il suo 1.600° aereo alla compagnia di bandiera nazionale, Air New Zealand. Questa consegna evidenzia la forza duratura del programma ATR, fornendo connettività essenziale alle comunità di tutto il mondo. Dimostra anche il valore dell’ATR 72-600 nel servire rotte domestiche in Nuova Zelanda in quanto è l’ultimo dei 29 velivoli ordinati.

Sebbene i legami tra le due società siano iniziati inizialmente circa 25 anni fa con la consegna di ATR di prima generazione, quest’ultimo decennio ha visto la creazione di legami più stretti, con la consegna degli aerei 29-600 e attraverso un’importante collaborazione che ha migliorato l’approccio del velivolo capacità. L’introduzione della funzione RNP AR 0.3/0.3, parte dell’ultima suite avionica Standard 3 di ATR, ha aiutato la compagnia aerea e i suoi piloti con l’accuratezza dell’approccio all’aeroporto di Queenstown e fornendo una connettività affidabile alla comunità locale, che beneficia notevolmente del turismo sciistico nella regione montuosa. Anche la sostenibilità è una preoccupazione chiave sia per la compagnia aerea che per il produttore, con Air New Zealand che ha scelto l’ATR 72-600 per la sua flotta poiché brucia il 40% in meno di carburante ed emette il 40% in meno di CO2 rispetto a un jet regionale di dimensioni simili. Questo impegno condiviso per migliorare ulteriormente l’ecoefficienza ha portato a un accordo per lavorare insieme per esplorare il futuro dell’ecosistema dell’aviazione regionale, compresi gli aerei ibridi nel 2018.

L’amministratore delegato di Air New Zealand, Greg Foran, afferma che la compagnia aerea non vede l’ora di accogliere il 1600° aereo di ATR nella sua flotta. “Apprezziamo molto il nostro rapporto di lunga data con ATR e questo sarà il 29° ad unirsi alla nostra flotta dal 2012. Durante quel periodo la flotta di ATR ha potenziato la rete regionale della compagnia aerea di oltre il 50% e si è dimostrata estremamente efficiente. I nostri ATR ci hanno aiutato a costruire una delle migliori reti nazionali al mondo e hanno trasportato circa 33,5 milioni di passeggeri su oltre 636.000 voli in Nuova Zelanda”.

Stefano Bortoli, CEO di ATR, ha dichiarato: “Siamo ovviamente orgogliosi di questo risultato e riconosco il duro lavoro e la dedizione di ogni dipendente ATR, passato e presente, per portarci qui. Dato che abbiamo recentemente festeggiato 40 anni in cui abbiamo fatto la differenza, è il momento perfetto per pensare a come l’ATR ha sostenuto le comunità in tutta la Nuova Zelanda. I passeggeri dipendono davvero dai nostri aerei per accedere alle opportunità di fare affari, studiare o semplicemente vedere i propri cari. Un aereo deve essere efficiente e versatile per prosperare in Nuova Zelanda, quindi ha perfettamente senso costruire una flotta di turboelica. E mentre oggi ci sono molti ATR in Nuova Zelanda, ora c’è anche una parte importante della Nuova Zelanda in molti ATR, grazie al loro contributo alla tecnologia di approccio RNP AR 0.3/0.3. Ciò significa che gli operatori di tutto il mondo possono beneficiare dell’ennesima evoluzione innovativa del prodotto”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.