Norwegian Cruise Line Holdings si impegna a perseguire l’obiettivo «Zero emissioni nette» entro il 2050

il

Norwegian Bliss Architectural Rendering

«Zero emissioni nette» interessa le operazioni e la catena del valore e rafforza l’impegno per l’impegno per la decarbonizzazione

Pubblicato il primo rapporto della prima task force dell’azienda sulle comunicazioni finanziarie relative al clima (TCFD).

Milano – 22 aprile 2022 – Norwegian Cruise Line Holdings Ltd (NYSE: NCLH) (la Compagnia), un’azienda leader mondiale nel campo crocieristico che gestisce Norwegian Cruise Line, Oceania Cruises e Regent Seven Seas Cruises, ha annunciato il proprio impegno a perseguire l’obiettivo di raggiungere Zero emissioni nette entro il 2050 in tutte le sue operazioni e nella filiera. La Compagnia si è inoltre impegnata a sviluppare propositi di riduzione dei gas serra (“GHG”) con scadenza a breve e brevissimo termine per supportare il suo percorso verso l’azzeramento delle emissioni nette. Inoltre, la Compagnia ha pubblicato il primo rapporto della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (“TCFD”), che fornisce trasparenza critica ai suoi stakeholder.

“Il perseguimento dell’obiettivo «Zero emissioni nette» sarà uno dei viaggi più determinanti che la nostra Compagnia intraprenderà. L’obiettivo interessa l’intera catena del valore, poiché miriamo a coinvolgere partner chiave, inclusa la nostra vasta rete di fornitori globali, in questo percorso di trasformazione”, ha affermato Frank Del Rio, President e Chief Executive Officer di Norwegian Cruise Line Holdings Ltd. “Sebbene riconosciamo che il percorso sarà complesso e richiederà una significativa collaborazione, innovazione e progresso tecnologico, ci impegniamo a fare la nostra parte per contribuire alla transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio”.

I nuovi impegni della Compagnia per il clima ampliano e rafforzano la strategia di azione esistente, focalizzata su tre aree chiave: 1) riduzione dell’intensità del carbonio, 2) investimento in tecnologia e ricerca di combustibili alternativi e 3) attuazione di un programma volontario di compensazione del carbonio. L’azienda continuerà a monitorare e investire in opportunità per ridurre le emissioniall’interno e oltre la sua flotta, lavorando a stretto contatto con i suoi partner per identificare le migliori soluzioni e accelerare gli sforzi di decarbonizzazione. L’anno scorso, la Compagnia si è impegnata ad acquistare 3 milioni di tonnellate di compensazioni di anidride carbonica equivalente (MTCO2e) come azione misurabile per colmare le lacune di decarbonizzazione a breve termine esplorando nel frattempo soluzioni a lungo termine. Un fattore chiave per raggiungere «Zero emissioni nette» è lo sviluppo di combustibili alternativi insieme alle infrastrutture critiche associate nelle destinazioni a livello globale per supportare l’utilizzo di questi combustibili. In quanto tale, l’azienda si impegna a collaborare, ricercare e condurre discussioni per identificare una fonte di carburante alternativa appropriata che possa anche essere sufficientemente disponibile. Ad esempio, la Compagnia sta attualmente collaborando attivamente con partner, inclusi produttori di motori ed enti di classificazione, alla pianificazione di un retrofit sicuro ed efficace del motore a metanolo.

La Compagnia ha anche pubblicato oggi il primo rapporto TCFD. Nell’ambito di questo processo, ha coinvolto i team di tutta l’organizzazione per condurre uno screening approfondito dei rischi climatici e identificare i rischi prioritari legati al clima. È stata quindi completata un’analisi di scenario per stimare l’impatto dell’innalzamento del livello del mare e il costo del carbonio, i principali rischi fisici e di transizione per la Compagnia identificati attraverso lo screening, in diversi scenari climatici ipotetici. Utilizzando i risultati della previsione, la Società sta allineando ulteriormente i propri processi di gestione del rischio e di pianificazione strategica alle sfide derivanti dal cambiamento climatico.

“La diffusione di questo primo rapporto TCFD dimostra il nostro desiderio di migliorare ed espandere continuamente le informative ESG per fornire ulteriore trasparenza ai nostri stakeholder”, ha affermato Jessica John, Vice President di ESG, Investor Relations and Corporate Communications of Norwegian Cruise Line Holdings Ltd. “La scorsa estate abbiamo pubblicato il primo rapporto ESG completo e il primo indice Sustainability Accounting Standards Board (“SASB”) nel settore delle crociere e il nostro nuovo rapporto TCFD rappresenta un altro significativo passo avanti. Siamo concentrati sul miglioramento della nostra resilienza e i risultati della nostra valutazione climatica ci aiuteranno a integrare ulteriormente i rischi legati al clima nella nostra strategia e nei processi decisionali in tutta la nostra azienda”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.