Airbus riporta i risultati del primo trimestre (Q1) 2022

il


Il risultato consolidato del primo trimestre 2022 si traduce in un ambiente geopolitico ed economico in evoluzione e complesso
142(1) aeromobili commerciali consegnati nel primo trimestre 2022
Famiglia A320: i tassi di produzione mensili aumenteranno a 75 nel 2025 per soddisfare la domanda dei clienti
Ricavi € 12,0 miliardi; EBIT rettificato € 1,3 miliardi
EBIT (riportato) € 1,4 miliardi; EPS (segnalato) € 1,55
Free cash flow prima di M&A e finanziamento clienti € 0,2 miliardi
Guida invariata; profilo di rischio più impegnativo per il resto del 2022

Airbus SE (simbolo di borsa: AIR) ha riportato i risultati finanziari consolidati per il primo trimestre (Q1) terminato il 31 marzo 2022.

“Questi risultati del primo trimestre riflettono una solida performance nelle nostre attività di aeromobili commerciali, elicotteri e difesa. La nostra guida per il 2022 è invariata, anche se il profilo di rischio per il resto dell’anno è diventato più difficile a causa del complesso contesto geopolitico ed economico”, ha affermato Guillaume Faury, amministratore delegato di Airbus. “Guardando oltre il 2022, vediamo una continua forte crescita della domanda di aeromobili commerciali guidata dalla famiglia A320. Di conseguenza, ora stiamo lavorando con i nostri partner del settore per aumentare ulteriormente i tassi di produzione della famiglia A320 a 75 aeromobili al mese nel 2025. Questo aumento andrà a beneficio della catena del valore globale dell’industria aerospaziale”.

Gli ordini lordi di aeromobili commerciali sono aumentati a 253 (1° trimestre 2021: 39 aeromobili) con ordini netti di 83 aeromobili dopo le cancellazioni (1° trimestre 2021: -61 aeromobili). Il portafoglio ordini ammontava a 7.023 aeromobili commerciali al 31 marzo 2022. Airbus Helicopters ha prenotato 56 ordini netti (1° trimestre 2021: 40 unità) e si è aggiudicata un contratto per il programma di aggiornamento dell’elicottero d’attacco Tiger MkIII. L’acquisizione di ordini in valore da parte di Airbus Defence and Space è aumentata a € 3,2 miliardi (Q1 2021: € 2,0 miliardi), corrispondente a un rapporto book-to-bill di circa 1,3. È incluso il contratto globale Eurodrone firmato nel febbraio 2022, che copre lo sviluppo e la produzione di 20 sistemi e 5 anni di supporto in servizio iniziale per Germania, Francia, Italia e Spagna.

I ricavi consolidati sono aumentati del 15% a € 12,0 miliardi (Q1 2021: € 10,5 miliardi), riflettendo principalmente il maggior numero di consegne di aeromobili commerciali e un mix favorevole. Sono stati consegnati in totale 142(1) aeromobili commerciali (1° trimestre 2021: 125 aeromobili), di cui 11 A220, 109 della famiglia A320, 6 A330 e 16 A350. I risultati finanziari riflettono 140 consegne di aeromobili commerciali dopo la riduzione di due aeromobili precedentemente registrati come venduti a dicembre 2021 per i quali non è stato possibile un trasferimento a causa delle sanzioni internazionali in vigore. I ricavi generati dalle attività di aeromobili commerciali di Airbus sono aumentati del 17%, riflettendo principalmente le consegne più elevate e il mix favorevole. Airbus Helicopters ha consegnato 39 unità (Q1 2021: 39 unità), con ricavi in ​​aumento del 7% principalmente a causa della crescita dei servizi e di un mix favorevole di programmi. I ricavi di Airbus Defence and Space sono aumentati del 16%, trainati principalmente dal business degli aeromobili militari e in seguito alla firma del contratto Eurodrone. Un aereo da trasporto A400M è stato consegnato nel primo trimestre del 2022.

EBIT consolidato rettificato: una misura di performance alternativa e un indicatore chiave che cattura il margine aziendale sottostante escludendo gli oneri o i profitti materiali causati da movimenti negli accantonamenti relativi a programmi, ristrutturazioni o impatti sui cambi, nonché plusvalenze/perdite da cessione e acquisizione di aziende – aumentato a 1.263 milioni di euro (1° trimestre 2021: 694 milioni di euro). Include un elemento positivo non ricorrente di 0,4 miliardi di euro relativo alla rimisurazione del costo del servizio passato negli obblighi pensionistici e riflette anche gli sforzi sulla competitività e l’impatto del contenimento dei costi. Nel primo trimestre del 2022 è stato registrato un importo di -0,2 miliardi di euro a seguito dell’impatto delle sanzioni internazionali contro la Russia.

L’EBIT rettificato relativo alle attività degli aeromobili commerciali di Airbus è aumentato a 1.065 milioni di euro (1° trimestre 2021: 533 milioni di euro), riflettendo principalmente l’aumento delle consegne, nonché gli sforzi per la competitività e l’effetto del contenimento dei costi. Include anche l’impatto non ricorrente degli obblighi pensionistici, in parte compensato dall’impatto delle sanzioni internazionali contro la Russia.

La produzione di aeromobili commerciali per la famiglia A320 sta progredendo verso una tariffa mensile di 65 aeromobili entro l’estate 2023, in un ambiente complesso. A seguito di un’analisi della domanda globale dei clienti e di una valutazione della disponibilità dell’ecosistema industriale, la Società sta ora collaborando con i suoi fornitori e partner per consentire tassi di produzione mensili di 75 nel 2025. Questo aumento della produzione andrà a beneficio dell’intera catena del valore industriale globale. Airbus soddisferà i tassi di produzione più elevati aumentando la capacità nei suoi siti industriali esistenti e aumentando l’impronta industriale a Mobile, negli Stati Uniti, investendo nel contempo per garantire che tutti i siti di assemblaggio di aeromobili commerciali siano compatibili con l’A321.

Sull’A321XLR, la Compagnia continua a lavorare per un primo volo entro la fine del secondo trimestre del 2022. Inizialmente previsto per la fine del 2023, l’entrata in servizio dovrebbe avvenire all’inizio del 2024 per soddisfare i requisiti di certificazione.

L’EBIT rettificato di Airbus Helicopters è aumentato a 90 milioni di euro (1° trimestre 2021: 62 milioni di euro), in parte trainato dalla crescita dei servizi e dal mix favorevole dei programmi. Riflette anche elementi non ricorrenti, compreso l’impatto degli obblighi pensionistici.

L’EBIT rettificato di Airbus Defence and Space è stato di € 106 milioni (Q1 2021: € 59 milioni), principalmente trainato da aeromobili militari e in seguito alla firma del contratto Eurodrone. Riflette anche l’impatto non ricorrente degli obblighi pensionistici, in parte compensato dalle conseguenze per il business spaziale delle sanzioni internazionali contro la Russia.

Sul programma A400M, le attività di sviluppo continuano verso il raggiungimento della tabella di marcia delle capacità rivista. Le attività di retrofit proseguono in stretto allineamento con il cliente. Permangono rischi sulla qualificazione delle capacità tecniche e dei costi associati, sull’affidabilità operativa dell’aeromobile, in particolare per quanto riguarda il propulsore, sulla riduzione dei costi e sulla sicurezza degli ordini all’esportazione in tempo come da baseline rivista.

Le spese di R&S autofinanziate consolidate sono state pari a 586 milioni di euro (1° trimestre 2021: 620 milioni di euro).

L’EBIT consolidato (riportato) è stato di € 1.429 milioni (Q1 2021: € 462 milioni), inclusi gli adeguamenti netti di € +166 milioni.

Tali adeguamenti comprendevano:
€ +190 milioni relativi al disallineamento dei pagamenti pre-consegna in dollari e alla rivalutazione del bilancio;
-11 milioni di euro relativi al programma A380;
€ -13 milioni di altri costi inclusa la compliance.
Il risultato finanziario è stato di 166 milioni di euro (1° trimestre 2021: 59 milioni di euro). Riflette principalmente l’impatto netto positivo della rivalutazione di alcune partecipazioni, parzialmente compensato dalla rivalutazione di strumenti finanziari, nonché il risultato netto di interesse pari a € -76 milioni. L’utile netto consolidato(2) è stato di 1.219 milioni di euro (1° trimestre 2021: 362 milioni di euro) con un utile per azione consolidato riportato di 1,55 euro (1° trimestre 2021: 0,46 euro).

Il free cash flow consolidato prima di fusioni e acquisizioni e finanziamento dei clienti è stato di 213 milioni di euro (1° trimestre 2021: 1.202 milioni di euro), riflettendo il livello delle consegne, la competitività e l’impatto del contenimento dei costi, in parte compensato da un aumento del capitale circolante dovuto principalmente alle scorte. Il free cash flow consolidato è stato di 161 milioni di euro (1° trimestre 2021: 1.164 milioni di euro).

Al 31 marzo 2022 la posizione di cassa lorda si attestava a € 22,8 miliardi (fine 2021: € 22,7 miliardi) con una posizione di cassa netta consolidata(3) di € 7,7 miliardi (fine 2021: € 7,7 miliardi). La posizione di liquidità della Società rimane solida, attestandosi a fine marzo 2022 a € 28,8 miliardi.

Visione

La guidance pubblicata a febbraio 2022 rimane invariata.

Come base per le sue linee guida per il 2022, la Società non presume ulteriori interruzioni per l’economia mondiale, il traffico aereo, le operazioni interne della Società e la sua capacità di fornire prodotti e servizi.

Le linee guida della Società per il 2022 sono prima di fusioni e acquisizioni.

Su tale base, la Società si propone di raggiungere nel 2022 circa:
720 consegne di aeromobili commerciali;
EBIT rettificato di € 5,5 miliardi;
Free Cash Flow prima di M&A e Customer Financing di € 3,5 miliardi.
Il Dipartimento di Stato americano ha concesso ad Airbus una proroga di nove mesi della durata del Consent Agreement che regola le violazioni civili dell’International Traffic in Arms Regulations (ITAR). Airbus ha avviato questa richiesta di estensione dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti perché ha dovuto reindirizzare le risorse interne del controllo delle esportazioni al monitoraggio e all’attuazione delle recenti restrizioni sul controllo delle esportazioni e delle sanzioni internazionali contro Russia e Bielorussia. La Società non prevede che l’estensione del Consent Agreement avrà un impatto sugli altri accordi approvati il ​​31 gennaio 2020 con le autorità britanniche, francesi e statunitensi.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.