Airbus consegna all’ESA il primo strumento di monitoraggio aereo Sentinel-4

il

I suoi dati miglioreranno la conoscenza dell’aria che respirano i cittadini europei

@AirbusSpace @ESA_EO #EarthObservation #Copernicus #Sentinel-4 #SpaceMatters

Airbus Defence and Space ha consegnato con successo il primo modello di volo strumentale multispettrale Sentinel-4/UVN (ultravioletto, visibile e vicino all’infrarosso) all’Agenzia spaziale europea (ESA). Il prossimo anno sarà integrato nel satellite Meteosat Third Generation Sounder (MTG-S1).

Lo strumento monitorerà continuamente i gas in traccia e gli aerosol chiave della qualità dell’aria dall’orbita geostazionaria con l’Europa e il Nord Africa nel campo visivo. I gas traccia che monitorerà includono: biossido di azoto (NO2), ozono (O3), biossido di zolfo (SO2), formaldeide, gliossale e aerosol che sono vitali per valutare la qualità dell’aria. Lo sviluppo e la produzione dello spettrometro Sentinel-4 per il programma Copernicus è stato guidato da Airbus a Ottobrunn/Monaco. Comprendere la composizione atmosferica aiuterà a ridurre i rischi di fenomeni quali i pennacchi di polvere del deserto, il trasporto a lungo raggio di inquinanti atmosferici compreso il polline, nonché i pennacchi di cenere delle eruzioni vulcaniche.

“Le informazioni raccolte dallo strumento Sentinel-4 aiuteranno i responsabili delle decisioni a definire le politiche europee in materia di salute pubblica e sicurezza del traffico aereo per proteggere i cittadini europei”, ha dichiarato Philippe Pham, Head of Earth Observation and Science di Airbus. “La combinazione di un satellite geostazionario e di uno strumento come Sentinel-4 significa che le misurazioni dei gas traccia nell’atmosfera terrestre possono essere eseguite sopra l’Europa in un tempo record di circa 1 ora”.

Lo strumento Sentinel-4 è uno spettrometro ad alta risoluzione con un tempo di rivisitazione veloce che opera in tre bande che coprono gli intervalli di lunghezza d’onda dell’ultravioletto (305-400 nm), del visibile (400-500 nm) e del vicino infrarosso (750-775 nm).

Il primo modello dello strumento sarà imbarcato sulla navicella spaziale MTG-S1 il cui lancio è previsto nel 2024 e il secondo ancora da costruire volerà a bordo di MTG-S2 che sarà lanciato nel 2034. Lo scopo è garantire la disponibilità dei dati a la comunità scientifica per un periodo di due decenni.

Sia il veicolo spaziale che lo strumento saranno gestiti da EUMETSAT, l’Organizzazione europea per lo sfruttamento dei satelliti meteorologici. Lo strumento Sentinel-4 si basa sull’esperienza di precedenti strumenti ESA collaudati come Sciamachy e Tropomi (a bordo di Sentinel-5P) anch’essi costruiti da Airbus.

La missione Sentinel-4 è un’iniziativa dell’Unione europea e dell’Agenzia spaziale europea che fornisce un monitoraggio continuo dell’atmosfera sopra l’Europa. Insieme alla missione americana TEMPO (Tropospheric Emissions: Monitoring of Pollution) e alla missione sudcoreana GEMS (Geostationary Environment Monitoring Spectrometer), Sentinel-4 fornirà agli scienziati conoscenze fondamentali sulla qualità dell’aria di gran parte dell’emisfero settentrionale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.