SAVE S.p.A. – Approvazione Resoconto Intermedio sulla Gestione al 31 marzo 2017.

il

  • Fatturato consolidato: 37,7 milioni di Euro (+8,2% rispetto al 31 marzo 2016)
  • EBITDA: 13,9 milioni di Euro (+25,8% rispetto al 31 marzo 2016)
  • EBIT: 6,8 milioni di Euro (+23,3% rispetto al 31 marzo 2016)
  • Risultato lordo di periodo: 4,9 milioni di Euro (+41,4% rispetto al 31 marzo 2016)

    Il Consiglio di Amministrazione di SAVE S.p.A. – azienda quotata al Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana che opera principalmente nel settore degli aeroporti – si è riunito oggi e ha approvato il Resoconto Intermedio sulla Gestione al 31 marzo 2017.

    I risultati del Gruppo
    Il valore dei ricavi del trimestre si è attestato su di un importo di Euro 37,7 milioni, in crescita dell’8,2%

    rispetto ai valori del primo trimestre 2016.

    I principali fenomeni, che hanno inciso sulla voce in esame, sono rappresentati da:

    • crescita dei ricavi aeronautici del 7,5%, sostanzialmente determinata dall’incremento del traffico

      passeggeri (+6,8% a livello sistema);

    • crescita dei ricavi non aeronautici (+10,8%) determinata dal buon andamento dei ricavi per

      pubblicità (+21,1%), giustificato dall’aumento degli impianti a disposizione, e dei ricavi per parcheggi (+17,3%);

      Il risultato operativo lordo (EBITDA) è pari a 13,9 milioni di Euro, in crescita del 25,8% rispetto al primo trimestre 2016. L’aumento dei ricavi per Euro 2,9 milioni si è trasferito totalmente in un maggior Risultato Operativo Lordo grazie ai risparmi in termini di costi della gestione operativa che hanno compensato i maggiori costi per materiali e del personale.

      Il risultato operativo (EBIT) è pari a 6,8 milioni di Euro, in aumento del 23,3% rispetto ai 5,5 milioni del primo trimestre 2016, nonostante i maggiori ammortamenti correlati agli investimenti realizzati a Venezia.

      La voce Proventi e Oneri finanziari registra una sostanziale invarianza rispetto al saldo del primo trimestre 2016, nonostante il maggiore indebitamento medio del periodo.

      La voce Utili/perdite da collegate con il metodo del patrimonio netto relativa alla gestione delle partecipazioni, riporta un risultato pari a -0,9 milioni di Euro, perdita di periodo che si riduce di circa 0,4 milioni rispetto allo scorso esercizio per il miglioramento in particolare dei risultati delle partecipate Aeroporto di Verona Villafranca Valerio Catullo S.p.A. e Airest Retail S.r.l.

      Il risultato lordo di periodo è pari quindi a circa 4,9 milioni di Euro rispetto ai 3,4 milioni di Euro del primo trimestre 2016, in crescita del 41,4%.

      La posizione finanziaria netta di Gruppo è passata da una situazione debitoria registrata al 31 dicembre 2016, pari ad Euro 238 milioni, ad una situazione, sempre negativa, al 31 marzo 2017, pari ad Euro 207,1 milioni (Euro 208,3 milioni al 31 marzo 2016); come già detto, tale variazione ha beneficiato dell’incasso netto relativo alla cessione della partecipazione in Centostazioni S.p.A. realizzata nel gennaio 2017, del flusso in uscita relativo all’acquisto delle quote di minoranza nella

controllata Archimede 1 S.p.A. e del flusso per investimenti realizzati in particolare nel sedime aeroportuale di Venezia.

Il Traffico nel Sistema aeroportuale Venezia

Il Sistema Aeroportuale di Venezia (che comprende gli aeroporti di Venezia e Treviso) ha registrato una crescita superiore alla media nazionale: i passeggeri nei primi tre mesi dell’anno sono stati quasi 2,4 milioni, in incremento del +6,8% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Aeroporto di Venezia

I passeggeri del primo trimestre dello scalo di Venezia sono stati quasi 1,8 milioni, con un andamento positivo del +7,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

La crescita registrata nei primi tre mesi del 2017 è legata all’incremento del traffico di linea internazionale (+10% rispetto allo stesso periodo del 2016), a fronte di un calo del traffico di linea domestico del -6%, causato dalla riduzione di operatività su alcune rotte.

La percentuale di passeggeri dello scalo che ha viaggiato tra Venezia e destinazioni internazionali nel periodo gennaio-marzo è stata dell’87%, a fronte di una percentuale del 63% a livello nazionale (dati Assaeroporti), a conferma della vocazione internazionale dello scalo di Venezia, sia per l’utenza business che per il traffico turistico. Oltre 100 mila i passeggeri sui voli di linea lungo raggio operativi tra Venezia e le destinazioni mediorientali, in linea con l’anno precedente.

Il 28% dei passeggeri in partenza da Venezia nel primo trimestre 2017 ha proseguito il proprio viaggio via scalo intermedio per destinazioni finali nel mondo. Principale hub si conferma Francoforte, seguito da Roma FCO e Parigi CDG.

Prosegue il consolidamento di Easyjet come primo vettore dello scalo, dopo l’apertura della base, con una quota di mercato del 29%, per oltre 520 mila passeggeri trasportati (+24% rispetto al primo trimestre 2016).

La suddivisione per paese di provenienza/destinazione conferma la Francia come primo mercato di riferimento dello scalo nei primi tre mesi del 2017, con una quota di mercato del 19% e un incremento del traffico passeggeri del +15% rispetto allo stesso periodo del 2016. Segue il mercato inglese, che registra un incremento del +22% sull’anno precedente, grazie alle operatività di Easyjet e Ryanair per Bristol e al buon andamento del traffico per Londra.

Aeroporto di Treviso

I passeggeri dello scalo di Treviso sono stati più di 600 mila nel primo trimestre 2017, in incremento del +5,3% rispetto ai primi tre mesi del 2016. Lo scalo di Treviso (Aertre) rappresenta il 25% del totale passeggeri del Sistema nel periodo di riferimento.
La crescita è trainata dal traffico di linea su destinazioni internazionali, che evidenzia un andamento positivo del +15%, a fronte di un calo della componente domestica del -13%, legato alla riduzione di operatività di Ryanair su alcune rotte.

Ryanair ha trasportato oltre 500 mila passeggeri nei primi tre mesi del 2017, con un incremento del +4% rispetto all’anno precedente. L’andamento positivo riguarda in particolare i mercati tedesco (+53%) e spagnolo (+17%).
Positivo del +7% l’andamento del traffico di Wizzair tra gennaio e marzo; primo mercato per il vettore è la Romania, con oltre 50mila passeggeri nel trimestre.

Aeroporto di Verona

Con oltre 520 mila passeggeri movimentati, l’aeroporto di Verona ha registrato un incremento del +8,2% nel primo trimestre 2017.
Il traffico di linea ha evidenziato un andamento positivo del +12% rispetto al 2016, in particolare grazie alla costante crescita di Ryanair sullo scalo (+73% sullo stesso periodo dell’anno precedente), al consolidamento di S7 su Mosca Domodedovo (+39% rispetto al 2016, anche grazie all’introduzione di frequenze aggiuntive) e al regolare incremento di traffico di Neos (+32% sul 2016). La componente internazionale risulta in incremento del +15%, mentre il traffico su rotte domestiche è in calo del -3%, a causa della cancellazione dell’operatività di Meridiana su Napoli, in parte recuperata da Volotea sulla stessa rotta e dalla nuova operatività di Ryanair su Cagliari (introdotta a fine 2016).

Positivo anche l’andamento del mercato leisure, soprattutto grazie alle operatività lungo raggio (oltre 30 mila passeggeri movimentati nel primo trimestre 2017).

Aeroporto di Brescia

I dati cargo dello scalo di Brescia relativi al primo trimestre 2017 evidenziano un andamento positivo del +15,3%, per oltre 7 mila tonnellate di merce/posta movimentate.
La posta, che rappresenta più del 60% del traffico cargo complessivo in termini di volumi, ha registrato un incremento del +1,3% nei primi 3 mesi dell’anno.

In crescita del +27,5% i volumi via camion movimentati sullo scalo (Lufthansa Cargo).
L’incremento del cargo via aerea è anche legato all’inizio delle attività di SW Italia, compagnia che fa riferimento al gruppo Silk Way dell’Azerbaijian, che opera due voli settimanali tra Brescia e Hong Kong (via Baku). Il volo in importazione viene alimentato dal gruppo cinese STO Express, uno del principali ‘express courier’ cinesi, che ha scelto Brescia come base operativa per l’importazione diretta e per il reforwarding dei prodotti che dalla Cina riforniscono le piattaforme di vendita online.

Aeroporto di Charleroi

I passeggeri transitati all’aeroporto di Charleroi nel corso del primo trimestre del 2017, sono stati oltre 1,5 milioni confermando i numeri record raggiunti nel primo trimestre dello scorso esercizio.
Il principale vettore operativo dello scalo è Ryanair, che nel periodo in esame riconferma la quota di mercato dello scorso esercizio trasportando oltre 1,2 milioni di passeggeri. L’operatività di Ryanair al 31 marzo 2017 è composta da 63 destinazioni regolari. Ryanair, nel corso del trimestre, ha annunciato che a partire dal prossimo ottobre 2017 integrerà l’attuale offerta con due voli settimanali per Eilat (Israele).

Il vettore Wizzair, che opera presso lo scalo con 9 rotte, al 31 marzo 2017, ha trasportato oltre 151 mila passeggeri, confermando il traffico dell’esercizio precedente nel pari periodo.
Jetairfly (TUI fly Airlines Belgium) al 31 marzo opera con 16 rotte regolari ed ha trasportato oltre 115 mila passeggeri.

Infine, ricordiamo che in data 30 gennaio 2017 è stato inaugurato il nuovo Terminal 2 ultimato presso lo scalo di Charleroi.

“I brillanti risultati del primo trimestre confermano la centralità del Gruppo SAVE nel panorama aeroportuale nazionale” – ha dichiarato Enrico Marchi, Presidente di SAVE – “Il Polo aeroportuale del Nord Est continua a crescere in maniera omogenea con percentuali superiori alla media nazionale, grazie ad una gestione coordinata degli scali che lo compongono. Venezia, Treviso e Verona hanno registrato complessivamente circa 3 milioni di passeggeri, in crescita del 7,1% rispetto al primo trimestre dello scorso anno. Siamo inoltre molto soddisfatti per il rilancio dell’attività cargo dell’aeroporto di Brescia, le cui potenzialità cominciano finalmente a concretizzarsi”.

“La stagione estiva è iniziata con grande slancio, con ottime prospettive di traffico per l’intero periodo” – ha proseguito Marchi – “All’aeroporto di Venezia in particolare stiamo ultimando i lavori del nuovo ampliamento del terminal passeggeri, i cui ampi spazi ci permetteranno di elevare la qualità del servizio all’utenza, già molto potenziata grazie alla nuova darsena e al moving walkway inaugurati lo scorso novembre”.

Presentazione alla comunità finanziaria

La presentazione alla comunità finanziaria dei risultati della gestione al 31 marzo 2017 avverrà venerdì 12 maggio, alle ore 9.30, in audioconferenza.

#Venezia #GruppoSAVE

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.