LA LIVREA NEGUS PER COMPLETARE LE QUATTRO COLORAZIONI SPECIALI DI BRITISH AIRWAYS

il

La livrea  Negus di British Airways, la prima utilizzata dal 1974 al 1980 adornerà il Boeing 747 verniciato da IAC ed uscito oggi dalla verniciatura.

L’aereo è l’ultimo di una serie di quattro livree utilizzate dalla compagnia aerea dipinte come parte delle celebrazioni del centenario della British Airways: una British Overseas Airways Corporation (BOAC) ha adornato il Boeing 747, un British Airways (BEA) Airbus 319 e un British Airways Landor 747 già nei cieli

Il 747-400, registrazione G-CIVB, è entrato nella bacheca IAC all’aeroporto di Dublino dieci giorni fa orsono, dove è stato ridipinto con la prima versione della livrea Negus che adornò la flotta British Airways dal 1974 al 1980, subito dopo la fusione di BOAC e BEA e la formazione di BA.

Quando inizialmente volava, la livrea del Negus era la prima volta che un aereo portava “British Airways” dal 1939, quando l’originale British Airways Limited si fuse con Imperial Airways per formare BOAC. È interessante notare che la bandiera dell’Unione non è presente sul lato dell’aereo in quanto, come la livrea finale degli aerei BEA, la bandiera ha cominciato a essere pienamente celebrata sulla coda del velivolo invece.

Il 747 ridipinto tornerà ad Heathrow ed entrerà in servizio a fine mese, volando verso destinazioni a lungo raggio servite dal Boeing 747, con il disegno che rimane sull’aeromobile fino alla sua dismissione nel 2022.

Il Negus è il quarto ed ultimo progetto del patrimonio da dipingere su un aereo British Airways a seguito di un British Overseas Airways Corporate (BOAC) in livrea Boeing 747, un British Airways (BEA) Airbus 319 e un British Airways Landor 747, che sono tutti già volando.

La serie speciale di design è stata introdotta per celebrare il centenario della British Airways, in quanto la compagnia celebra il suo passato guardando al futuro. Accanto alle livree del patrimonio, tutti i nuovi velivoli che entrano nella flotta, incluso l’A350, continueranno a ricevere il design attuale di Chatham Dockyard.

Alex Cruz, Presidente e CEO di British Airways, ha dichiarato: “Le voci circolano da un po ‘di tempo su questa livrea finale, quindi è emozionante confermare che è il design Negus. Per noi è particolarmente importante perché è il primo design indossato dalla British Airways che tutti conosciamo oggi, con la minuscola distinzione “a” e la bandiera dell’Unione sul codino. ”

Nel suo centenario British Airways ospita una serie di attività ed eventi. Oltre a guardare indietro, la compagnia aerea ospita anche BA 2119 – un programma che guiderà il dibattito sul futuro del volo ed esplorerà il futuro dei carburanti per l’aviazione sostenibili, le carriere nel settore dell’aviazione del futuro e l’esperienza del cliente nel futuro.

La compagnia aerea lavorerà con partner esperti per identificare i 100 Great Britons di BA; la gente su e giù per il paese che sta attualmente modellando la Gran Bretagna moderna e, naturalmente, l’anno non sarebbe completo senza qualche volo speciale e momenti per i clienti.

L’attività del centenario si sta svolgendo a fianco dell’attuale investimento di 5,5 miliardi di sterline della compagnia aerea per i clienti. Questo include l’installazione della migliore qualità WiFi e potenza in ogni posto, montando 128 aerei a lungo raggio con nuovi interni e prendendo in consegna 72 nuovi velivoli. La compagnia aerea introdurrà anche un nuovo sedile Club World con accesso diretto al corridoio entro la fine dell’anno.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.