ANPAV: Le due velocità di Volotea – Punta forte sull’Italia ma sembra..non conosca le regole lavorative italiane


Comunicato stampa Anpav

Risulta difficile non essere prevenuti rispetto al comportamento del management della Compagnia Aerea VOLOTEA, le cui azioni commerciali lasciano dedurre forte interesse a svilupparsi sul mercato italiano.

Una permanenza in Italia, quella di VOLOTEA, sempre più radicata, con pianificazione di medio – lungo periodo, senza lasciare nulla al caso (ad esempio, per quest’estate si punta inoltre su Olbia e MIlano Linate).

Il Vettore spagnolo , per fare un ulteriore salto di qualità, si é dotato di un nuovo direttore commerciale (Mike Powell) al quale viene richiesto di ripetere il “miracolo finanziario” che pare sia riuscito con l’ungherese Wizz Air.

Grandi ambizioni… ma grosse disattenzioni sul versante lavoro.Il confronto sociali le parti sociali rimane limitato alle procedure necessarie garantire a Piloti e Assistenti di volo il soste- gno al reddito ( Cassa Integrazione – straordinaria o in deroga) in un oramai lungo periodo di ridotta attività a causa della pandemia e… “quando serve la firma del Sindacato” per finanziare, a spese del contribuente, la riqualificazione del Personale (VOLOTEA sta rinnovando la flotta!).

E’ in piedi, oramai da un mese, un confronto specifico fra VOLOTEA e le rappresentanze di ANPAC e ANPAV sulla legittimità delle nuove condizioni di lavoro che la Compagnia ha deciso di rinnovare unilateralmente.Viene applicato un regolamento che la compagnia chiama “Contratto Collettivo” e talune elementari previsioni di legge sono oggettivamente disattese.

Inoltre il Vettore, mentre con una serie di comunicazioni dirette al personale navigante dichiara di aver adeguato i salari ai minimali introdotti dalla Legge 77/20 (ha addirittura corrisposto alcuni importi arretrati “una tantum”), non risponde nel merito al sindacato quando quest’ultimo evidenzia, con prove di merito, che i valori economici delle nuove tabelle retributive risultano inferiori a quelli di riferimento.

L’Azienda, a specifica sollecitazione, non é stata in grado di “prendere posizione”: ad oggi quindi non é noto se le nuove tabelle siano frutto di un errore o di una precisa scelta manageriale.Coglieremo l’occasione anche per richiedere chiarimenti in merito alle modalità di imposizione fiscale e contributiva degli stipendi di Piloti ed Assistenti di Volo.VOLOTEA dichiara di essere titolata a fruire della “Decontribuzione Indennità di Volo” ma non chiarisce a quale titolo.

E’ del tutto evidente che gli accertamenti in corso a carico di altri vettori stranieri potrebbero, permanendo l’ambiguità, generare danni tutt’altro che sostenibili alle retribuzioni passate, presenti e future dei Naviganti della Compagnia.

Nell’auspicare che VOLOTEA inizi con sollecitudine a prestare nei confronti dei dipendenti la stessa maniacale attenzione che ha verso le pratiche commerciali…. forniremo riscontro a valle dell’incontro presso il Ministero del Lavoro che si terrà il 18 maggio prossimo.

Roma, 12 maggio 2021ANPAC – #ANPAV

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.