QUANTO È SOSTENIBILE L’ITALIA? OMIO CHIEDE AGLI ITALIANI DI AUTOVALUTARSI

il

  • Uno su cinque valuta il proprio comportamento in viaggio come una delle migliori opportunità per agire in modo più sostenibile. 
  • Oltre il 50% considera il proprio comportamento nella vita quotidiana abbastanza sostenibile.
  • I costi e l’offerta di opzioni di viaggio rappresentano i principali ostacoli per un viaggio più sostenibile.

Le scelte sostenibili stanno diventando sempre più importanti nelle nostre vite. Dovremmo rivedere la nostra dieta? Dovremmo scegliere di consumare solamente prodotti locali? Le borse di tela sono davvero meglio di quelle di carta? Quando ha senso viaggiare in aereo e quando dovremmo invece optare per il treno? Trovare la risposta a queste domande non è semplice, ma nemmeno impossibile. Iniziamo innanzitutto a capire quanto l’Italia si consideri sostenibile: questo l’obiettivo di un sondaggio commissionato dalla piattaforma di prenotazione viaggi Omio e realizzato da YouGov, che ha chiesto agli italiani di autovalutarsi in ambito di sostenibilità*.

La maggior parte degli intervistati in Italia si considera abbastanza consapevole sulle tematiche ambientali, mentre uno su cinque pensa di poter fare di più.
Più della metà (63%) considera il proprio comportamento quotidiano abbastanza sostenibile, ma vede anche ulteriori possibilità per agire in modo più consapevole in materia di rispetto dell’ambiente. Il 17% si considera già molto sostenibile e non ritiene necessari ulteriori miglioramenti. Quasi un intervistato su cinque in Italia (15%) ritiene di non fare ancora abbastanza. La generazione dei Fridays for Future è addirittura più critica con se stessa su questo fronte: uno su cinque (21%) di coloro che hanno tra i 18 e i 24 anni afferma di non adottare un approccio sufficientemente green.

I risultati dimostrano che gli italiani hanno a cuore il tema della sostenibilità – solamente il 2% degli intervistati non è interessato – ma vorrebbero fare di più. Dove si possono intravedere delle concrete opportunità per mettere in atto decisioni sostenibili e amiche dell’ambiente?

Più eco-friendly utilizzando treno e autobus: un italiano su cinque è convinto di poter viaggiare in modo più sostenibile.
Tra questi, il 4% ritiene che rinunciare ai viaggi aerei in favore di spostamenti in treno e autobus sia una possibile soluzione per agire in modo più sostenibile, mentre per il 17% utilizzare mezzi pubblici e bicicletta può avere un impatto significativo sull’ambiente.

Prodotti riciclati e cibi vegetariani o vegani: così si fa la differenza.
Oltre al comportamento di viaggio, quasi la metà (48%) degli intervistati ritiene che utilizzare prodotti riciclati possa contribuire al benessere del pianeta: in particolare, il 12% considera i prodotti realizzati in modo davvero sostenibile una valida opzione. Importanti anche le scelte alimentari: per il 10% il consumo di cibi vegetariani o vegani è l’aspetto più rilevante della vita quotidiana per agire in modo più sostenibile.

Un terzo degli italiani considera i viaggi in aereo e in nave non sostenibili.
Il 33% degli intervistati considera treni e autobus alternative sostenibili, mentre il 27% ritiene che si dovrebbero evitare i viaggi in aereo (15%) e le crociere (12%).

Per il 17% degli intervistati compensare le emissioni di CO2 derivanti dai viaggi aerei conta come viaggio sostenibile; mentre un terzo (32%) del panel ritiene che viaggiare in modo positivo per il clima corrisponda a compensare più CO2 per l’intero viaggio di quanta se ne consumi in totale.

In ogni caso, viaggiare in modo sostenibile non significa solamente utilizzare mezzi eco-friendly: il 37% ritiene importante anche la quantità di rifiuti da imballaggio prodotti in loco, mentre il 23% cerca di prediligere alloggi sostenibili.

Costo, opzioni di viaggio e durata rappresentano gli ostacoli principali per una maggiore sostenibilità.
Quasi la metà degli intervistati (41%) riscontra difficoltà soprattutto nel prezzo e desidererebbe avere a disposizione alternative di viaggio sostenibili più economiche o di egual costo. Per quasi una persona su 5 (19%), anche i biglietti degli autobus e dei treni sono troppo costosi per preferire questi mezzi di trasporto all’aereo o alla nave.

Più di un terzo (35%) lamenta la mancanza di opzioni e di informazioni sulle alternative di viaggio sostenibili, tra cui collegamenti veloci in autobus e in treno. La percentuale aumenta se si considerano le fasce più giovani: il 45% degli intervistati tra i 18 e i 24 anni pensa di non avere alternative. Un terzo (34%) vorrebbe più informazioni su come viaggiare in modo più sostenibile.

Oltre al prezzo, anche il tempo è un fattore decisivo: uno su tre (32%) considera l’autobus e il treno come mezzi poco veloci, mentre il 37% ritiene che questi mezzi non garantiscano la stessa flessibilità che si ha in auto.

In conclusione, c’è ancora molto margine di miglioramento: dalla messa a disposizione delle informazioni alla proposta di alternative valide ed economiche, sono ancora tanti i modi in cui il settore dei trasporti può venire incontro ai viaggiatori. E questo è senza dubbio uno degli obiettivi primari di Omio.

*Al sondaggio, realizzato tra il 17 e il 18 febbraio 2022, hanno partecipato 1.048 italiani. I risultati sono stati ponderati e sono rappresentativi della popolazione italiana dai 18 anni in su.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.