easyJet stabilisce un target intermedio di riduzione del 35% delle emissioni di CO2 entro il 2035

il

  • L’obiettivo si inserisce all’interno della strategia più ampia di easyJet che, avendo aderito alla campagna delle Nazioni Unite Race to Zero, è impegnata a raggiungere le zero emissioni nette di anidride carbonica entro il 2050.
  • Il piano di riduzione delle emissioni di CO2 è in linea con l’iniziativa Science Based Targets (SBTi) e sarà raggiunto attraverso una serie di misure: dal rinnovamento della flotta, al miglioramento e l’efficientamento delle operazioni, fino all’ammodernamento dello spazio aereo e l’utilizzo del SAF.

In seguito all’adesione lo scorso novembre a Race to Zero – la campagna supportata dalle Nazioni Unite – e dopo aver annunciato il proprio impegno a raggiungere le zero emissioni nette di anidride carbonica entro il 2050, easyJet annuncia il target intermedio di riduzione delle emissioni di CO2: si tratta di una riduzione delle emissioni del 35% rispetto all’anno fiscale 2020, da raggiungere entro l’anno fiscale 2035. Nel frattempo, dal 2000 a oggi, in un arco di 20 anni, easyJet ha già ridotto di un terzo le emissioni di CO2 per passeggero, per chilometro.

Il target è in linea con i Science-Based Targets (SBT) di decarbonizzazione del settore ed è stato sottoposto all’approvazione della Science-Based Targets initiative (SBTi), una partnership tra CDP, il Global Compact delle Nazioni Unite, il World Resources Institute (WRI) e il World Wide Fund for Nature (WWF), che guida le aziende nei loro percorsi di decarbonizzazione, in linea con quanto previsto dall’Accordo di Parigi. easyJet ha lavorato all’interno del Technical Working Group (TWG), composto da esperti del settore e dalle ONG che hanno fornito un contributo dettagliato durante la fase di pianificazione e definizione delle linee guida e della strumentazione. 

L’SBTi richiede alle compagnie aeree di attuare un processo di decarbonizzazione all’interno delle proprie operazioni, senza quindi ricorrere alla compensazione delle emissioni di CO2 al di fuori del settore o ad altri meccanismi come l’ETS (Emissions Trading Scheme).  

easyJet intende raggiungere questo ambizioso obiettivo attraverso una serie di misure: il rinnovamento della flotta, il miglioramento e l’efficientamento delle operazioni, l’ammodernamento dello spazio aereo e l’utilizzo del SAF:

  • Rinnovamento della flotta: easyJet dispone di una delle flotte di aerei a fusoliera stretta più giovani ed efficienti in Europa dal punto di vista del consumo di carburante ed è il secondo operatore a usare esclusivamente aeromobili della famiglia A320neo in Europa. Tutti i nuovi aeromobili che verranno consegnati tra l’anno fiscale 2022 e l’anno fiscale 2028 saranno aeromobili Airbus NEO, efficienti più del 15% in termini di consumo di carburante rispetto agli aeromobili che andranno a sostituire e in grado di ridurre il rumore del 50%. Il passaggio ad aeromobili più efficienti in termini di consumo di carburante, insieme all’aumento delle dimensioni degli stessi, ha un impatto significativo sulla riduzione delle emissioni di CO2 nel breve termine, grazie a una efficienza assoluta del carburante utilizzato e a una riduzione delle emissioni per posto a sedere. 
  • Miglioramento ed efficientamento delle operazioni: easyJet continua a operare nel modo più efficiente possibile ed è sempre alla ricerca di nuove modalità per migliorarsi ulteriormente. Si impegna, ad esempio, nell’adeguamento delle procedure operative standard per ridurre il consumo di carburante e quindi le emissioni di anidride carbonica: tra queste il rullaggio con un solo motore al decollo e all’atterraggio, l’utilizzo di informazioni meteorologiche avanzate per migliorare le prestazioni di navigazione e, ancora, il lavaggio dei motori per rimuovere i detriti e consentire migliori prestazioni della turbina. La compagnia aerea sta inoltre facendo ricorso a nuovi software e all’intelligenza artificiale per individuare ulteriori possibilità di efficientamento a livello operativo. A ciò si aggiungono le partnership con i principali stakeholder, come Airbus, Collins Aerospace, NATS ed Eurocontrol.
  • Ammodernamento dello spazio aereo: si tratta di un aspetto cruciale per l’intero settore, in quanto è la fonte di riduzione più attuabile in questo momento: più voli diretti implicano infatti tempi di volo più brevi. easyJet sta collaborando con gli stakeholders e le autorità per modernizzare lo spazio aereo, partecipando a iniziative come il Cielo Unico Europeo, necessarie per un sistema di gestione del traffico aereo più efficiente e ottimizzato dal punto di vista ambientale. Il Cielo Unico Europeo ha dichiarato l’intenzione di ridurre del 10% le emissioni di anidride carbonica derivanti dall’aviazione europea.
  • Sustainable Aviation Fuel (SAF): come misura temporanea, easyJet farà ricorso al SAF per ridurre le emissioni di CO2 prodotte lungo il ciclo di vita rispetto al cherosene. Esistono alcuni processi collaudati in grado di produrre SAF da un’ampia gamma di materie prime, dai rifiuti solidi urbani agli oli da cucina usati.

La compagnia sta ultimando la sua tabella di marcia per arrivare alle zero emissioni nette di CO2 entro il 2050. A partire dal 2035, si prevede che la tecnologia a zero emissioni di anidride carbonica giocherà un ruolo fondamentale e easyJet sta collaborando con partner del settore, tra cui Airbus, Rolls-Royce, GKN Aerospace, Cranfield Aerospace Solutions e Wright Electric, su diversi progetti con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della tecnologia degli aerei a zero emissioni. Si tratta di uno sforzo che coinvolge diversi settori e – come importante compagnia aerea europea – easyJet non solo può fornire il proprio punto di vista e quello dei suoi clienti ai partner con cui collabora, ma può dimostrare anche ai produttori di aeromobili che oggi esiste una domanda di aeromobili a zero emissioni.

   Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha commentato:“La decarbonizzazione dell’aviazione rappresenta la sfida di una generazione, ma sappiamo che è una sfida che si può e si deve vincere. Abbiamo intrapreso il nostro viaggio verso il net-zero e, anche se incontreremo molte difficoltà lungo il percorso, sono davvero entusiasta di ciò che ci aspetta. Spetta a noi proteggere i vantaggi dell’aviazione per le generazioni a venire, assicurandoci allo stesso tempo di fare tutto il possibile per proteggere, per loro, il nostro pianeta”. 

La sostenibilità è un tema trasversale, quindi, oltre ad affrontare direttamente il problema delle emissioni di anidride carbonica prodotte dai voli, easyJet sta anche facendo il possibile per ridurre il proprio impatto ambientale causato, in senso più ampio, da tutte le sue operazioni. Questo include:

  • L’eliminazione di oltre 36 milioni di articoli in plastica monouso utilizzati sui suoi voli e la continua garanzia che tutti i rifiuti residui vengano riciclati il più possibile, oltre all’incessante ricerca di ulteriori azioni da intraprendere.  
  • L’introduzione di nuove uniformi per l’equipaggio realizzate con bottiglie di plastica riciclate. Per la realizzazione di ogni uniforme sono necessarie quarantacinque bottiglie e ciò consente potenzialmente di evitare che 2,7 milioni di bottiglie di plastica finiscano nelle discariche o negli oceani nei prossimi cinque anni. Gli indumenti sono realizzati con un materiale high-tech prodotto utilizzando fonti di energia rinnovabili.
  • La sostenibilità è stata uno dei fattori chiave nella scelta dei fornitori con cui easyJet collabora. Per l’assortimento di bordo easyJet sceglie marchi che vogliono fare la differenza riducendo l’uso di plastica e le emissioni di CO2. Per supportare l’impegno a operare in modo più sostenibile, la produzione di cibo è stata spostata a livello più locale, in modo che il prodotto percorra meno chilometri per arrivare a destinazione, riducendo così l’impronta complessiva di carbonio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.