Trasporto aereo, sabato 25 giugno nuovo sciopero lavorati EasyJet e Volotea

il

Stop di 24 ore di piloti e assistenti di volo per protestare contro le inaccettabili condizioni imposte dalle compagnie

“Sabato 25 giugno le lavoratrici e i lavoratori delle compagnie aeree di easyJet e Volotea incroceranno nuovamente le braccia, questa volta per 24 ore”.

Ad annunciarlo la Uiltrasporti che prosegue: “Dopo la prima azione di sciopero svoltasi l’8 giugno scorso, che ha coinvolto numerosissimi operatori, si è resa necessaria una nuova azione di protesta visto il perdurare delle inaccettabili condizioni in cui piloti e assistenti di volo sono costretti a lavorare. 

In particolare per quanto riguarda EasyJet 

continua l’azione di lotta per protestare contro la compressione dei diritti dei lavoratori culminata in licenziamenti ingiustificati, contro la mancanza di solidità operativa e il totale degrado delle relazioni industriali, a danno di passeggeri e equipaggi, in una stagione già molto  complicata per il Trasporto Aereo che cerca di riprendersi.

In Volotea – continua la Uiltrasporti – la protesta continua contro l’atteggiamento aziendale che lede i diritti dei lavoratori per il mancato adeguamento delle retribuzioni minime secondo l’art.203 e per le numerose azioni unilaterali con un ulteriore abbassamento dei salari giustificato da accordi individuali e pseudo-volontari. A questo si aggiunge una totale inadeguatezza dei turni di lavoro con operativi molto intensi che non fanno certamente pensare alla crisi aziendale per la quale si chiedono continui sacrifici ai lavoratori. 

Sempre sabato 25 giugno – prosegue il sindacato – torneranno a scioperare anche i lavoratori e le lavoratrici di Ryanair con una protesta di 24 ore. Queste manifestazioni di disagio sono la prova che il modello imposto in questi anni da molti vettori ed operatori del trasporto aereo non è modello sostenibile dal punto di vista lavorativo e va assolutamente rivisto per garantire a tutti gli operatori del settore adeguati standard di qualità e sicurezza. 

Le proteste continueranno per tutta la stagione estiva finché l’azienda non cesserà tali azioni per iniziare un dialogo costruttivo con il sindacato.

La stagione estiva e la ripresa dei flussi turistici non possono fermare le nostre rivendicazioni – ha concluso la Uiltrasporti – il riconoscimento delle tutele, la dignità e il rispetto del lavoro è un  elemento fondamentale per cui non possiamo smettere di batterci.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.