Come eravamo: il Tupolev 134 Aeroflot

il

Nella foto di Maurizio Noe’ quello che potrebbe essere chiamato il #DC9 sovietico. E’ il Tupolev Tu-134A, in questo caso dell’Aeroflot con la immatricolazione CCCP-65024.

Anche questa immagine e’ stata fatta a Milano Malpensa.

L’aereo trasportava fino a 84 posti in file da quattro con sistemazione 2-2 e aveva due propulsori a getto Soloviev D-30 particolarmente sonori e rumorosi. Oltre alla classica scia nera che usciva dal suo scarico.

L’autonomia era di 3000 km e la velocita’ di 750 km/h.

Una delle sue caratteristiche era il musetto completamente vetrato e si osservava spesso anche il navigatore. Il radar aveva un radome ventrale. Il carrello principale era a quattro pneumatici.

Ne furono prodotti 852 esemplari di serie e due prototipi tra il 1963 e il 1989 in diverse serie.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.