CENTENARIO PASOLINI: ROMA LO CELEBRA CON UNA GRANDE MOSTRA

il

Dal 16 Novembre 2022 al 12 Marzo 2023 il Museo Maxxi apre le porte alla mostra Pier Paolo Pasolini. Tutto è Santo

Pier Paolo Pasolini è un’artista con la A maiuscola, è considerato tra i maggiori intellettuali italiani del 900, non c’è campo artistico, culturale e letterario dove non abbia lasciato il segno. Nel 2022 ricorre il centenario della sua nascita e, nonostante siano passati molti anni, rimane uno dei personaggi più influenti del panorama artistico del nostro paese. Il suo essere è talmente versatile che viene celebrato con centinaia di mostre, rassegne ed eventi. Quest’autunno Roma celebra Pier Paolo Pasolini con un importante evento: il Museo Maxxi racconterà, attraverso la mostra, la figura del poeta in una prospettiva contemporanea. Per raggiungere comodamente il museo si può soggiornare all’Etich Borromini, una residenza storica di lusso situata nel centro storico della Capitale. 

Roma è arte, cultura, storia, è ed è stata dimora di tanti personaggi, poeti e artisti illustri del nostro paese e non solo. La Capitale è la città con la più alta concentrazione di beni culturali, storici e architettonici al mondo, in ogni angolo, scorcio e vicolo si nasconde un’incredibile storia antica. Al contrario di quello che si possa pensare, in questa città l’antico e il contemporaneo si incontrano e danno vita ad un sorprendente viaggio: passeggiando tra le strade di Roma si possono ammirare monumenti antichi al fianco di quelli moderni e resti archeologici di fronte a istallazioni create con nuove tecnologie, questo incredibile mix tra il suo glorioso passato, il suo presente e il futuro da vita ad una sinfonia perfetta che si trasforma in un’atmosfera unica al mondo. La città eterna custodisce gelosamente le sue antiche origini durante l’irrefrenabile corsa verso il futuro. A testimonianza di questo connubio perfetto il Museo Maxxi celebrerà l’incredibile personaggio di Pier Paolo Pasolini, in occasione del centenario della sua nascita, con la mostra Pier Paolo Pasolini. Tutto è Santo.

Pasolini, nato il 5 marzo del 1922 è considerato come l’artista più versatile della storia del Bel Paese: è stato poeta, scrittore, regista, sceneggiatore, attore, pittore, romanziere, traduttore e drammaturgo del novecento italiano. Tutto è Santo è il titolo ispirato a una delle opere più celebri di Pasolini, Medea, film del 1969 in cui il saggio Chirone pronuncia questa frase evocando “la misteriosa sacralità del mondo: il mondo del sottoproletariato, arcaico, religioso, in netto conflitto con gli eroi di un mondo razionale, laico, borghese”.

Dal 16 novembre 2022 al 12 marzo 2023 al MAXXI si potranno osservare ed ascoltare opere pasoliniane create da artisti contemporanei, in questo grande progetto si è scelto di raccontare la figura dell’artista in veste contemporanea sottolineando come è ancora oggi un’influente figura culturale. Pasolini si è sempre distinto per l’indipendenza del pensiero, con il suo essere uomo coraggioso, critico, a volte scomodo, anticonformista e capace di creare scandali, ha sempre voluto offrire una testimonianza autentica e pura dell’arte, ha saputo raccogliere molti consensi lasciando un segno indelebile nella storia della cultura italiana.

Pasolini è stato molto attento alla società italiana e ai suoi cambiamenti, alle dinamiche dei grandi poteri che, secondo lui, non fanno altro che disgregare il paese, ha sempre criticato la borghesia e la società di consumi che si è venuta a creare tra il secondo dopoguerra e gli anni settanta.

Questo personaggio è straordinariamente attuale e contemporaneo tanto che le nuove generazioni si sono ispirate a lui sotto molti punti di vista.

Il Maxxi ha deciso di raccontare Pasolini attraverso la voce di artisti contemporanei le cui opere rievocano l’impegno politico dell’autore, i documenti, le opere, le letture esposti alla mostra riguarderanno l’anno della sua maggiore notorietà, nonché il suo ultimo anno di vita: Pier Paolo Pasolini morì il 2 novembre del 1975, la sua morte è ancora avvolta in un alone di mistero ed è tutt’oggi sotto inchiesta, in quanto venne travolto dalla sua stessa auto sulla spiaggia dell’idroscalo di Ostia. Per questa esposizione è stato raccolto tutto ciò che ha lasciato come testimonianza, anche incompiuta come “Petrolio”, un romanzo incompiuto e pubblicato postumo che più ha generato le visioni discordanti e antitetiche.

Ascoltare artisti contemporanei, osservare documenti storici ma allo stesso tempo moderni e attuali, cercare di approfondire e comprendere fino in fondo il pensiero, l’arte e le idee di questo uomo creativo e all’avanguardia nato 100 anni fa, è un’occasione unica per aprire una finestra sul passato con gli occhi al presente.

Per chi volesse vivere l’atmosfera di Roma appieno e raggiungere facilmente il Museo Maxxi si può alloggiare all’Eitch Borromini un’antica residenza di lusso disegnata dal Borromini dove gli ospiti vivono letteralmente la storia.

Eitch Borromini

Alle spalle di Piazza Navona si trova l’ingresso della struttura Eitch Borromini, antica dimora ospitata da un edificio progettato e realizzato dal Borromini fra il 1654 e il 1659: si tratta infatti di un ramo di Palazzo Pamphilj, il Collegio Innocenziano.

Una delle caratteristiche principali della struttura è la vista panoramica, che accompagna l’ospite in tutti gli ambienti: sia la sala colazione che molte delle camere godono di affaccio su Piazza Navona, in particolare sulla Fontana dei Quattro Fiumi di Bernini, e sullo skyline del centro di Roma: dalla cupola del Pantheon a quella di San Pietro.

La stessa vista accomuna anche il Ristorante Terrazza Borromini, spazio unico ricavato al quarto piano nelle sale impreziosite dagli affreschi del Bernini, dove si trova la Galleria d’Arte Borrominiche si affacciano su Piazza Navona, con tavoli anche all’aperto quasi sospesi sulla piazza. Il Ristorante propone una moderna e curata cucina romana, cocktail bar ed è aperta ad eventi privati.

Al primo piano del palazzo si accede alla biblioteca privata dei Pamphilj, famosa per quantità e rarità di volumi e manoscritti e per l’affresco della volta eseguito da Francesco Cozza.

Le camere di diversa tipologia spaziano dalla singola con letto Queen Size, alle Classic, fino alle Superior Suite, Suite Deluxe e Suite Executive con terrazzino privato; alcune sono con vista su Piazza Navona o sulle cupole, campanili e palazzi iconici di Roma e altre su via di Santa Maria dell’Anima, con scorci su Tor Millina, torre medievale dai merli guelfi. Le camere sono tutte diverse una dall’altra, date le diverse destinazioni che il palazzo ha avuto nel corso dei secoli: scuola ecclesiastica, abitazione per il clero, libreria e convento. Raffinate, intime e curate nell’arredamento, dispongono di letti extra-comfort e raffinati kit di cortesia Etro, minibar assortito, acqua di cortesia, bollitore elettrico con tè, caffè e tisane, accappatoio e pantofole da bagno, cassaforte, TV a schermo piatto con decoder Sky, Wifi gratuito.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.