La Croazia è entrata nell’area Schengen e nell’Eurozona!

il

Dal gennaio 2023 sono stati rimossi i controlli alle frontiere terrestri e marittime con Slovenia, Ungheria e Italia, mentre le frontiere esterne con Serbia, Bosnia-Erzegovina e Montenegro sono diventate la frontiera esterna Schengen. Gli aeroporti internazionali croati avranno un periodo di transizione di 3 mesi per adeguare i propri controlli alle frontiere. Al termine della transizione, entro il 26 marzo 2023, i voli originari di Schengen in arrivo in Croazia non saranno più soggetti al controllo passaporti/di frontiera.

I viaggiatori che si imbarcano su voli tra paesi Schengen, ma provenienti da un paese terzo al di fuori dell’area Schengen, sono tenuti a superare i controlli di frontiera all’ingresso Schengen all’arrivo nell’area Schengen. Questo perché il percorso ha origine al di fuori dell’area Schengen e le autorità della destinazione finale non avrebbero modo di distinguere tra i passeggeri in arrivo che si sono imbarcati all’origine e quelli che si sono uniti a metà. Inoltre, i viaggiatori sono tenuti a superare i controlli alle frontiere di uscita Schengen al momento della partenza. Tuttavia, coloro che sono in possesso di un visto Schengen potranno entrare in Croazia e muoversi liberamente all’interno di Schengen. Se sei cittadino di un paese che richiede un visto, controlla i dettagli presso l’ambasciata o il consolato croato più vicino. Se possiedi un visto Schengen potrai entrare in Croazia e muoverti liberamente all’interno di Schengen.

Entrando in Schengen, la Croazia si unisce ad altri 26 paesi dell’UE e del SEE composti da paesi che hanno ufficialmente abolito tutti i passaporti e tutti gli altri tipi di controllo delle frontiere ai loro reciproci confini. Essendo un elemento all’interno del più ampio spazio di politica di libertà, sicurezza e giustizia dell’UE, funziona principalmente come un’unica giurisdizione nell’ambito di una politica comune dei visti per i viaggi internazionali. Una frontiera Schengen aperta nei confronti dei vicini Schengen eliminerà la congestione delle frontiere per i turisti, ma allo stesso tempo aumenterà le responsabilità della Croazia alle sue frontiere esterne nei confronti dei suoi vicini non Schengen. La libertà di circolazione all’interno di Schengen migliorerà sicuramente il flusso turistico all’interno della regione.

Allo stesso tempo, l’introduzione dell’euro come valuta ufficiale dal 1° gennaio 2023 dovrebbe avere molteplici effetti positivi sul turismo croato. D’ora in avanti molti ospiti stranieri non avranno costi di conversione, sarà più facile orientarsi tra i prezzi esposti, e in generale ci sarà maggiore trasparenza. Secondo gli ultimi dati ufficiali, quest’anno ci sono stati 18,8 milioni di turisti e 104,5 milioni di pernottamenti in Croazia, rispettivamente il 37% e il 25% in più rispetto allo stesso periodo del 2021 e il 91% e il 96% dei risultati del 2019 .

Siamo lieti di unirci alla più grande area di viaggi gratuiti del mondo! Ci vediamo in Croazia!

Foto: Zagabria, Julian Duval/CNTB

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.