Emirates firma un patto per supportare gli arrivi di visitatori alle Bahamas

il


Emirates, la più grande compagnia aerea internazionale del mondo, ha siglato un accordo con il Ministero degli Affari Esteri delle Bahamas per promuovere il turismo nell’arcipelago caraibico. La compagnia aerea e il Ministero del Turismo delle Bahamas intraprenderanno iniziative congiunte per aumentare il traffico di visitatori verso le isole dai mercati chiave attraverso la rete di Emirates.

Il memorandum d’intesa (MoU) è stato firmato da Sua Altezza lo sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Presidente e Amministratore delegato di Emirates Group e SE Tony Joudi, Ambasciatore delle Bahamas negli Emirati Arabi Uniti e nello Stato del Qatar presso la sede centrale di Emirates Group. Alla cerimonia della firma erano presenti anche Adnan Kazim, Chief Commercial Officer di Emirates e Salem Obaidalla, Senior Vice President of Commercial Operations for the Americas di Emirates.

Sua Altezza lo sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Presidente e Amministratore Delegato di Emirates Group, ha dichiarato: “Siamo lieti di collaborare con il Ministero degli Affari Esteri delle Bahamas nel sostenere i suoi obiettivi per rilanciare l’economia turistica della nazione. Attraverso le nostre partnership con United e Air Canada, non vediamo l’ora di svolgere un ruolo chiave nella promozione delle Bahamas come destinazione turistica chiave. I nostri clienti globali di tutta la nostra rete possono usufruire dei servizi Emirates per i nostri punti in Nord America e beneficiare di una migliore connettività e accesso alle isole”.

Sua Eccellenza Tony Joudi, Ambasciatore delle Bahamas negli Emirati Arabi Uniti e nello Stato del Qatar, ha dichiarato: “Vorrei ringraziare Emirates per aver svolto un ruolo nel rafforzare il legame tra i due paesi. Il turismo è la linfa vitale dell’economia della nostra nazione e, aumentando gli arrivi di visitatori nella nostra paradisiaca isola tropicale, speriamo di raggiungere i nostri obiettivi di stimolare l’economia del turismo e dare slancio al clima imprenditoriale.

“Emirates è un facilitatore della connettività globale e collega l’Oriente con l’Occidente e non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con la compagnia aerea per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi turistici. L’economia nel suo complesso beneficerà di un ulteriore impulso al turismo e il nostro Paese ha effettuato importanti investimenti infrastrutturali per far fronte all’atteso boom del turismo. A nome del governo delle Bahamas e del popolo della nazione, non vediamo l’ora di organizzare un viaggio di familiarizzazione all’inizio di quest’anno per influencer e media per sperimentare in prima persona il meglio delle offerte della nostra nazione ed evidenziarla come una delle principali destinazioni turistiche per il loro pubblico ”, ha continuato Joudi.

Distribuite su 16 isole principali, le Bahamas vantano oltre 100.000 miglia quadrate dell’oceano più limpido del mondo. Le sue ambite spiagge e le coste incontaminate rendono le Bahamas una delle destinazioni turistiche più popolari dei Caraibi, offrendo un ricco mix di attività ricreative e culturali per i visitatori.

In base al protocollo d’intesa, entrambe le parti collaboreranno a campagne promozionali congiunte a beneficio della compagnia aerea e per aumentare gli arrivi di turisti alle Bahamas, mettendo in mostra l’attrattiva della destinazione per visitatori e vacanzieri. L’accordo vedrà anche attività di marketing tra cui viaggi di familiarizzazione con i media e commerciali, nel primo trimestre del 2023, e lo sviluppo di pacchetti turistici su misura, attraverso il suo braccio di tour operator Emirates Holidays, che possono essere prenotati dai clienti attraverso la vasta rete della compagnia aerea . Entrambe le parti hanno anche concordato di esplorare le opportunità di collaborare a campagne pubblicitarie congiunte per promuovere la destinazione delle Indie occidentali.

Emirates attualmente vola verso 12 punti negli Stati Uniti oltre a Toronto. I clienti Emirates di tutta la sua rete globale possono utilizzare i suoi servizi per volare verso destinazioni statunitensi come Houston, Chicago o Newark prima di collegarsi a Nassau con United, grazie alla partnership tra le due compagnie aeree. I viaggiatori possono anche volare alle Bahamas via Toronto, con la compagnia di bandiera canadese Air Canada, che ha attivato la sua partnership in codeshare a novembre.

Sebbene la maggior parte del traffico di visitatori alle Bahamas sia composta da viaggiatori provenienti da Stati Uniti e Canada, le Bahamas attraggono anche turisti da altri punti internazionali della rete Emirates, tra cui Emirati Arabi Uniti, Grecia, India, Cina, Filippine e Singapore.

Attualmente i clienti Emirates possono connettersi all’aeroporto di Nassau su voli in codeshare con Air Canada via Toronto e dai principali aeroporti statunitensi tra cui Houston (IAH), Newark (EWR) e Chicago (ORD) su voli interline con United. Emirates gestisce una moderna flotta di Boeing 777 e Airbus A380 verso una rete di oltre 130 destinazioni in sei continenti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.