Il “ferro da stiro” torna a Bologna. Le immagini del Gordon Getty B727/17

il

Lo chiamavano ferro da stiro negli anni 60, 70 ed 80. Le epoche di questo aereo prodotto in oltre 1800 esemplari. Oggi ve ne sono ancora alcuni come questo 48enne da tanto tempo di proprietà della famiglia americana Getty.

E’ arrivato martedi da Porto poco dopo le 15 ed un oretta dopo come avevamo riportato, è ripartito per la città portoghese.

La presa d’aria ovale, che serve al motore JT8D-9A, gli esterni sono i JT8D217C che sostituirono prima della modifica Valsan assieme alle winglets i due motori simili a quello ancor’oggi installato nella posizione centrale.

Le marche dal 1986 sono N311AG, ha avuto diverse colorazioni dagli anni ’80 quando loro lo comprarono. Nacque per CP Air – Canadian Pacific come CF-CUR, poi dal Canada ando’ in Bolivia alla Lloyd Aereo Boliviano noleggiato come CP-1339 nel 1977 e vi rimase fino al 11/8/1978.

Poi fu restituito a Boeing e venduto alla Revlon ed iniziò il suo compito di corporate jet e non più quello di aereo di linea. La matricola assunta è stata N767RV.

Quindi divento’ N311AG nel maggio 1986, Quattro le colorazioni cambiate nel mentre del suo servizio più che trentennale con la famiglia Getty.

In splendida forma come si vede dalle immagini questo aereo non ha poi tante ore, come invece ammassarono altri aerei delle stesse annate. E’ in vendita al link :

https://www.aso.com/listings/spec/ViewAd.aspx?id=179445

Ci sono anche le foto degli interni.

Ha poco più di 32500 ore con poco più di 17000 cicli.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.