Alitalia: si va avanti con l’opzione Delta

il

L’opzione #Delta è quella che sta prendendo il sopravvento rispetto a quella #Lufthansa. La società sarebbe pariteticamente al 37,5% sia per #FS che per #Atlantia. Poi il 15% del #MEF ed il 10% di #Delta. così riporta la Repubblica in un #articolo a firma di Lucio Cillis.

Delta non si smuove dal 10% e dai 100 milioni di €. il piano fino al 2023 prevede 2800 esuberi. La #flotta è riportata in 118 quella attuale di cui 26 #aerei di lungo raggio ed il resto corto e medio. Ma ben si conosce, anche in questi giorni un A321 è andato a St. Athan e non sarà rimpiazzato. Quindi è già di fatto ottimizzata e ridotta. Nella prima fase ci saranno 23 aerei di lungo raggio. Uscirebbe quindi il Boeing 777-300ER e due A330-202 ex #Etihad, gli unici due immatricolati in italia. 109 sarebbero nel 2023, di cui 25 di lungo raggio e 84 di corto raggio. Anche se sul lungo raggio quasi sicuramente ci sarà una dismissione di molti aerei e l’entrata sembra di un solo tipo di aereo da usarsi per il network a larga distanza.

Il fatturato è previsto in crescita dai 3,106 miliardi di € del prossimo anno, ai 3,654 del 2023 che potrebbero portare il vettore ad un pareggio ed utile di gestion. Questo, vedendo quello che è il disavanzo attuale in rapporto al fatturato. Maggiori entrate anche nel 2021 per 72 milioni di €. con i tagli sul personale, migliori efficientamenti nei costi del carburante ed aerei. Il tutto visto il nuovo asset societario che migliorerà il fatto delle performances. Una stabilità societaria con un nuovo azionariato più credibile, oltre ad uno stato patrimoniale diverso sono una leva importante sul ribasso dei canoni di leasing.

Sul network si espanderà ad est con la riapertura di Zagabria e Bucarest. La riconferma di Spalato e Dubrovnik. Inoltre, sedici delle venti città europee più importanti verranno connesse a Linate. In Italia saranno potenziati i voli da e per Sicilia, Sardegna e Calabria mentre Pisa, Firenze e Napoli dal 2022 perderanno i collegamenti aerei verso l’hub principale di Roma, sostituiti dalle “Frecce” di Ferrovie.

Ci saranno delle uscite sul lungo raggio attuale, cioè collegamenti che verranno chiusi per vari motivi, vedi Santiago del Cile e la situazione attuale in Sud America non è delle migliori. Potenziati Corea, Messico e Brasile. Sarà riaperta la Cina con Shanghai. in chiusura o riduzione i voli su Havana, Male da Malpensa, Delhi, Johannesburg. In crescita i voli verso gli USA, si parla più intensamente di Washington annuale ed allargata, poi San Francisco stagionale. più 20% il volato sul lungo raggio ed il 3% sul corto raggio.

 

 

 

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.