United ha perso 1,7 miliardi di $ nel primo trimestre 2020


  • .

United Airlines (UAL) ha annunciato i risultati finanziari del primo trimestre 2020 con una perdita netta di $ 1,7 miliardi e una perdita netta rettificata¹ di $ 639 milioni. La compagnia ha inoltre delineato gli sforzi leader del settore aereo statunitense per gestire la crisi globale più dirompente nella storia dell’aviazione. La liquidità totale della società alla chiusura delle attività di mercoledì 29 aprile 2020 è stata di circa $ 9,6 miliardi, di cui $ 2 miliardi nell’ambito della sua linea di credito revolving non utilizzata. La società si aspetta attualmente che le perdite giornaliere di liquiditಠsia in media tra $ 40 e $ 45 milioni nel secondo trimestre del 2020.

“Durante tutta la crisi COVID-19 abbiamo mantenuto la nostra attenzione – prima sulla sicurezza dei nostri clienti e dei nostri dipendenti e in secondo luogo sull’azione rapida per mantenere operativa la United. Siamo stati in prima linea nell’avvertimento di quanto profondo ci aspettiamo che questa crisi possa avere e quanto ci aspettiamo che possa durare. Abbiamo anche guidato l’industria nel prendere misure decisive per mitigare gli impatti operativi e finanziari di COVID-19 – facendo profonde riduzioni di programma, riducendo drasticamente le spese e aumentando in modo aggressivo la liquidità “, ha dichiarato Oscar Munoz, Amministratore delegato. “Mentre siamo ancora nel mezzo di questa crisi, non esiteremo a prendere decisioni difficili che crediamo garantiranno il successo a lungo termine della nostra azienda. Quando la domanda tornerà, crediamo che saremo in grado di riprenderci con forza e rapidità a causa dei nostri primi e aggressivi sforzi per combattere la peggiore crisi finanziaria nella storia dell’aviazione “.

Azioni COVID-19

La società ha intrapreso un’azione tempestiva e aggressiva intesa a mitigare l’impatto di COVID-19 per indurre la società a riprendersi rapidamente e a rafforzare lo United quando la domanda ritorna.

Prima compagnia aerea statunitense a ridurre in modo aggressivo la capacità.
Sospensione del programma di riacquisto di azioni il 24 febbraio 2020, dopo la diffusione di COVID-19 in Italia e chiusura del programma il 24 aprile 2020.
Prima compagnia aerea statunitense a raccogliere attivamente liquidità aggiuntiva per gestire la crisi. Dall’inizio di marzo, la società ha raccolto $ 4,0 miliardi di nuova liquidità in tre strutture di prestito a tempo determinato, finanziamenti di nuovi aeromobili e un’offerta azionaria (esclusi i finanziamenti del Programma di supporto alle retribuzioni CARES Act e tutti i prestiti del Programma di prestito) alla chiusura delle attività 29 aprile 2020 .
La società ha stipulato un accordo con una consociata di BOC Aviation Limited (Bank of China) per il finanziamento di leasing di sei aeromobili Boeing 787-9 e 16 Boeing 737 MAX 9 che sono attualmente soggetti ad accordi di acquisto tra United e The Boeing Company e che dovrebbero consegnare nel 2020, tra cui due aeromobili Boeing 787-9 consegnati ad aprile.
La prima compagnia aerea statunitense ad annunciare l’amministratore delegato e il presidente rinunciando al 100% dei rispettivi stipendi base.
La prima compagnia aerea statunitense ad annunciare tutti gli altri funzionari della compagnia prenderà riduzioni di stipendio, con ogni stipendio base ufficiale ridotto del 50%.
Gli aumenti salariali di merito sospesi per i dirigenti e gli impiegati amministrativi e istituito un blocco delle assunzioni.
Offerte di assenze volontarie non retribuite per dipendenti con sede negli Stati Uniti – con oltre 20.000 dipendenti attualmente partecipanti.
Gli amministratori non dipendenti della società hanno rinunciato al 100% del compenso in contanti per il secondo e il terzo trimestre del 2020.
La prima grande compagnia aerea statunitense a richiedere a tutti gli assistenti di volo di indossare maschere di turno.
Progetti rinviati considerati non critici per il funzionamento.
Spesa ridotta per i fornitori e gli appaltatori esterni.
Riduzione delle spese di capitale rettificate per l’intero anno pianificato di circa $ 2,5 miliardi, portando le spese di capitale rettificate per l’intero anno previste a meno di $ 4,5 miliardi.3
Prevedi di prendere in consegna solo gli aeromobili che dispongono di finanziamenti.

Supporto governativo

Lo United ha siglato un accordo per ricevere circa $ 5,0 miliardi dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti attraverso il Programma di sostegno agli stipendi ai sensi del CARES Act sotto forma di un finanziamento da 3,5 miliardi di dollari e un prestito decennale da $ 1,5 miliardi che verranno utilizzati per proteggere gli stipendi e i benefici dei dipendenti fino al 30 settembre 2020. In relazione a questo finanziamento, UAL emetterà warrant per l’acquisto di circa 4,6 milioni di azioni ordinarie UAL al governo federale. La prima rata di circa $ 2,5 miliardi è stata ricevuta da United il 21 aprile 2020 e sono stati emessi warrant per l’acquisto di circa 2,3 milioni di azioni di azioni ordinarie UAL.
La società ha presentato una domanda al programma di prestito ai sensi della legge CARES. Nell’ambito del Programma di prestito, la società prevede di avere la possibilità, entro il 30 settembre 2020, di prendere in prestito fino a circa $ 4,5 miliardi dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per un periodo fino a cinque anni, con eventuali prestiti emessi che dovrebbero essere obbligazioni garantite senior di l’azienda. Se la società prende in prestito qualsiasi importo nell’ambito del Programma di prestito, UAL prevede di emettere al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti un mandato di acquisto di azioni ordinarie UAL, con il numero di warrant dipendenti dal totale dei prestiti.
Risultati del primo trimestre

Perdita netta registrata nel primo trimestre di $ 1,7 miliardi, perdita diluita per azione di $ 6,86 e perdita al lordo delle imposte di $ 2,1 miliardi.
Perdita netta rettificata del primo trimestre di $ 639 milioni, perdita diluita rettificata per azione di $ 2,57 e perdita rettificata al lordo delle imposte di $ 1,0 miliardi .¹

Ulteriori azioni COVID-19

I dipendenti

Impegnati a nessun ritiro involontario o tassi di retribuzione ridotti negli Stati Uniti fino al 30 settembre 2020.
Attuare diligentemente misure di sicurezza e di allontanamento sociale progettate per mitigare la diffusione di COVID-19 e garantire che il luogo di lavoro sia pulito e sicuro.
Utilizzo dei controlli di temperatura per dipendenti aeroportuali e assistenti di volo prima di iniziare i lavori
Catering semplificato sui voli per tutti gli alimenti ripiani e confezionati e bevande sigillate e in scatola; acquisto sospeso a bordo.
Assistente di volo regolato per i posti di salto in modo che i membri dell’equipaggio non debbano sedersi direttamente uno di fronte all’altro o di fronte all’altro.
Concedere ulteriori giorni liberi retribuiti per i dipendenti di prima linea in diversi aeroporti per limitare la loro potenziale esposizione a COVID-19.
Coprendo tutti i costi dei test associati a COVID-19 per chiunque sia iscritto a un piano medico unito, ha ridotto i copays per le visite di telemedicina.
I clienti

Rinuncia alle spese di modifica per i biglietti acquistati fino al 31 maggio 2020 per dodici mesi e rinuncia alle commissioni di riassetto per i viaggi premio MileagePlus previsti per il 31 maggio 2020.
Estensione dello stato Premier di MileagePlus al 2022.
Utilizzando spray elettrostatici per disinfettare gli interni degli aeromobili e aspettarsi di spruzzare ogni volo operato entro la metà di giugno.
A maggio, inizia a testare chioschi touchless per la stampa di etichette per sacchetti e per controllare i sacchetti, eliminando la necessità di toccare lo schermo.
Sono state apportate diverse modifiche al processo di imbarco, tra cui: i clienti effettuano la scansione dei propri biglietti prima dell’imbarco, l’imbarco di un minor numero di clienti alla volta e l’imbarco da dietro a fronte.
Continuare a fornire l’unico servizio aereo commerciale tra l’Australia e gli Stati Uniti e Israele e gli Stati Uniti.
Mettere in atto la distanza sociale sui voli per assistenti di volo e clienti, incluso il blocco dei posti medi.
Comunità

Dal 19 marzo United Cargo ha operato oltre 800 voli cargo solo in tutto il mondo, portando oltre 28 milioni di libbre di cibo e forniture verso destinazioni in tutto il mondo.
Ha operato più di 130 voli di rimpatrio portando a casa più di 18.500 americani rimasti bloccati all’estero.
Ha donato più di 173.327 sterline di cibo a banche alimentari, ospedali e altre organizzazioni dalle strutture di ristorazione e dalle sale Polaris dello United.
Nel 2019, ha lanciato Miles on a Mission, che consente ai membri di donare miglia alle organizzazioni, comprese quelle che ora supportano gli sforzi di COVID-19.
Collaborare con i governi di tutto il mondo per assistere lo spostamento di persone / forniture
Ha collaborato con California, New Jersey e New York City per fornire voli di andata e ritorno gratuiti per volontari medici che viaggiano in città fortemente colpite e fino ad oggi hanno prenotato voli per oltre 1.000 volontari e 800 professionisti medici.
I dipendenti di Houston hanno condotto gli sforzi per convertire la struttura di carico di Houston in un centro di distribuzione alimentare per aiutare gli sforzi della Houston Food Bank per nutrire le famiglie bisognose durante la crisi COVID-19.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.