Singapore Airlines lascerà a casa 4300 persone

il

Il gruppo Singapore Airlines (SIA) ha annunciato la difficile decisione di tagliare circa 4.300 posizioni tra le sue compagnie aeree. Dopo aver tenuto conto del blocco delle assunzioni, del logoramento naturale e dell’adozione di programmi di partenza volontaria, il numero potenziale di personale coinvolto sarà ridotto a circa 2.400 a Singapore e nelle stazioni estere.

Questa decisione è stata presa alla luce della lunga strada verso la ripresa per l’industria aerea globale a causa dell’impatto debilitante della pandemia COVID-19 e dell’urgente necessità per le compagnie aeree del Gruppo di adattarsi a un futuro incerto.

Come indicato in precedenza, il Gruppo prevede di operare al di sotto del 50% della propria capacità alla fine dell’esercizio 2020/21 rispetto ai livelli pre-COVID. I gruppi industriali hanno inoltre previsto che il traffico passeggeri non tornerà ai livelli precedenti fino al 2024 circa.

Rispetto alla maggior parte delle principali compagnie aeree del mondo, il Gruppo SIA si trova in una posizione ancora più vulnerabile in quanto non dispone di un mercato interno che sarà il primo a vedere una ripresa. Per rimanere vitali in questo panorama incerto, le compagnie aeree del Gruppo gestiranno una flotta più piccola per una rete ridotta rispetto alle loro operazioni pre-Covid nei prossimi anni.

Per prepararsi a questo futuro, il Gruppo deve tagliare circa 4.300 posizioni tra Singapore Airlines, SilkAir e Scoot. Ciò è stato mitigato da un congelamento delle assunzioni che è stato implementato nel marzo 2020, posti vacanti aperti non occupati, un programma di pensionamento anticipato per personale di terra e piloti e un programma di rilascio volontario per l’equipaggio di cabina. Complessivamente, queste misure hanno consentito al Gruppo di eliminare circa 1.900 posizioni.
Di conseguenza, i potenziali tagli di posti di lavoro nel Gruppo potrebbero essere ridotti a circa 2.400 a Singapore e nelle stazioni estere di SIA. Sono iniziate le discussioni con i nostri sindacati con sede a Singapore. Il Gruppo lavorerà a stretto contatto con loro per finalizzare quanto prima gli accordi per le persone colpite e cercare di ridurre al minimo lo stress e l’ansia del nostro personale.

L’amministratore delegato di Singapore Airlines, Goh Choon Phong, ha dichiarato: “Quando la battaglia contro COVID-19 è iniziata all’inizio di quest’anno, nessuno di noi avrebbe potuto prevedere il suo impatto devastante sull’industria aeronautica globale. Fin dall’inizio, le nostre priorità erano garantire la nostra sopravvivenza e salvare il maggior numero di posti di lavoro possibile. Dato che la strada per la ripresa sarà lunga e densa di incertezze, dobbiamo purtroppo attuare misure di riduzione del personale involontarie.

“Dover lasciare andare le nostre persone preziose e dedicate è la decisione più difficile e angosciosa che ho dovuto prendere nei miei 30 anni con SIA. Questo non è un riflesso dei punti di forza e delle capacità di coloro che saranno colpiti, ma il risultato di una crisi globale senza precedenti che ha travolto il settore aereo.

“Le prossime settimane saranno tra le più dure nella storia del Gruppo SIA, poiché alcuni dei nostri amici e colleghi lasceranno l’azienda. Condurremo questo processo in modo equo e rispettoso e faremo del nostro meglio per garantire che ricevano tutto il supporto necessario durante questo periodo molto difficile “.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.