British Airways in partnership con ZeroAvia per spingere velocemnete sugli aerei con l’idrogeno quale combustibile

il

Il volo alimentato da celle a combustibile a idrogeno di ZeroAvia a Cranfield è stato nello scorso settembre

ZeroAvia ha recentemente completato il primo volo al mondo alimentato con celle di combustibile a idrogeno di un aeromobile di tipo commerciale poiché mira ad accelerare la transizione del mondo verso un’aviazione sostenibile

La partnership con British Airways fa parte del programma di accelerazione tecnologica Hangar 51 di IAG e riflette l’importanza che la compagnia aerea attribuisce alla sostenibilità

L’annuncio arriva nella settimana in cui la compagnia aerea ha ritirato il suo ultimo velivolo 747, quattro anni prima del previsto, per far posto a modelli più efficienti in termini di consumo di carburante. British Airways ha collaborato con ZeroAvia, un innovatore leader nella decarbonizzazione dell’aviazione commerciale, in un progetto per esplorare come gli aerei alimentati a idrogeno possano svolgere un ruolo di primo piano nel futuro del volo sostenibile.

La collaborazione, che riflette l’importanza della sostenibilità per British Airways, vedrà ZeroAvia incorporato nel cuore della compagnia aerea. Il team lavorerà a distanza insieme a mentori ed esperti per esplorare le possibilità di trasformazione del passaggio dai combustibili fossili all’idrogeno a zero emissioni per alimentare la futura flotta della compagnia aerea.

Nel settembre 2020, ZeroAvia ha ricevuto il plauso globale quando ha raggiunto un’importante svolta tecnologica completando il primo volo al mondo alimentato a celle a combustibile a idrogeno di un aereo di dimensioni commerciali, decollato dall’aeroporto di Cranfield. L’aereo a sei posti Piper classe M ha completato il taxi, il decollo, un circuito completo e l’atterraggio.

La partnership fa parte del programma acceleratore Hangar 51 leader del settore di IAG, che lavora con start-up e scale-up di tutto il mondo, fornendo loro l’opportunità di sviluppare e testare i loro prodotti su sfide di business del mondo reale su scala globale. Alla fine del programma, la ricerca e gli insegnamenti del processo saranno condivisi e i team di ZeroAvia e Hangar 51 valuteranno come la partnership progredirà a lungo termine.

Sean Doyle, CEO di British Airways, ha dichiarato: “British Airways è impegnata per un futuro sostenibile e per il raggiungimento di zero emissioni nette di carbonio entro il 2050. Nel breve termine ciò significa migliorare la nostra efficienza operativa e introdurre progetti di compensazione e rimozione del carbonio, mentre nel a medio-lungo termine stiamo investendo nello sviluppo di carburante per aviazione sostenibile e stiamo cercando di capire come possiamo aiutare ad accelerare la crescita di nuove tecnologie come gli aerei alimentati a idrogeno a zero emissioni “.

Louise Evans, Direttore delle comunicazioni esterne e della sostenibilità, ha dichiarato: “Siamo molto entusiasti di collaborare con ZeroAvia e dare un’occhiata a un futuro a emissioni zero utilizzando velivoli alimentati a idrogeno. Durante la partnership, oltre a valutare i vantaggi ambientali della tecnologia, esploreremo anche i miglioramenti operativi, commerciali e dell’esperienza del cliente che possono essere raggiunti “.

Sergey Kiselev, responsabile Europa di ZeroAvia, ha dichiarato: “La missione di ZeroAvia è accelerare la transizione del mondo verso un volo a emissioni veramente zero e crediamo che l’idrogeno sia il modo migliore per raggiungere rapidamente e praticamente questo obiettivo. All’inizio di quest’anno, abbiamo dimostrato che i passeggeri saranno presto in grado di salire a bordo di un aereo a idrogeno privo di emissioni per i servizi commerciali. Negli anni a venire, scaleremo quella tecnologia per alimentare aerei più grandi su distanze maggiori.

“Abbiamo scoperto che, oltre a migliorare la sostenibilità del volo, che è vitale, la tecnologia idrogeno-elettrica ha il potenziale per ridurre i costi operativi e migliorare l’esperienza dei passeggeri in volo. Siamo lieti di lavorare con British Airways, una delle compagnie aeree iconiche del mondo, e il programma Hangar 51 per esplorare come gli aerei elettrici a idrogeno possono alimentare la flotta del futuro. Quel futuro promettente è più vicino che mai.

” Nel 2021, ZeroAvia prevede di dimostrare ulteriormente la credibilità della sua tecnologia a distanze maggiori e utilizzando velivoli più grandi. La società prevede di raggiungere la commercializzazione di energia elettrica a idrogeno per aeromobili già nel 2023 con voli fino a 500 miglia in aeromobili fino a 20 posti. Entro il 2027, prevede di mettere in servizio motopropulsori in grado di alimentare voli commerciali di oltre 500 miglia in aeromobili con un massimo di 100 posti e entro il 2030 più di 1.000 miglia in aeromobili con oltre 100 posti.

Sia British Airways che ZeroAvia fanno parte del Jet Zero Council, una partnership tra governo e industria per portare avanti le ambizioni nette a zero emissioni del governo britannico per il settore dell’aviazione e aerospaziale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.