Transat A.T. Inc. riporta una perdita per il quarto trimestre dell’anno

il

Risultati che riflettono l’entità della crisi COVID-19

Transazione con Air Canada presentata agli azionisti e alle autorità di regolamentazione per l’approvazione e previsto il 15 febbraio 2021

Per il quarto trimestre:

Ricavi di 28,4 milioni di dollari

Perdita operativa rettificata1 di $ 90,7 milioni (perdita operativa di $ 239,3 milioni)

Perdita netta rettificata3 di $ 156,4 milioni (perdita netta attribuibile agli azionisti di $ 238,1 milioni)

Per l’anno: Ricavi di $ 1,3 miliardi

Perdita operativa rettificata1 di $ 122,2 milioni (perdita operativa di $ 426,0 milioni)

Perdita netta rettificata3 di $ 355,3 milioni (perdita netta attribuibile agli azionisti di $ 496,5 milioni)

Posizione finanziaria:

Disponibilità liquide e mezzi equivalenti per un totale di 426,4 milioni di dollari al 31 ottobre

Disposizione di una linea di credito a breve termine di $ 250,0 milioni fino al 31 marzo

Sforzi in corso per garantire finanziamenti per coprire i fabbisogni stimati in $ 500 milioni per l’anno 2021 in assenza di una transazione

Transazione con Air Canada:

Nuovo accordo di accordo firmato il 9 ottobre 2020 al prezzo di $ 5,00 per azione o 0,2862 azioni Air Canada per ogni azione Transat

Richiesta di approvazione degli azionisti nell’assemblea del 15 dicembre 2020 Il processo di approvazione canadese è ancora in corso

Decisione della Commissione Europea prevista per il 9 febbraio 2021

Se le approvazioni normative richieste vengono ottenute e le condizioni sono soddisfatte, l’accordo dovrebbe chiudersi prima del 15 febbraio 2021 Transat A.T. Inc., una delle più grandi società di turismo integrato al mondo e leader in Canada nei viaggi per le vacanze, ha annunciato i risultati per il quarto trimestre e l’anno fiscale terminati il ​​31 ottobre 2020.

“I nostri risultati riflettono l’impatto devastante di COVID-19 nel settore dei viaggi”, ha dichiarato Jean-Marc Eustache, presidente e amministratore delegato di Transat. “Durante l’anno abbiamo intrapreso tutte le azioni necessarie per limitare i danni e preservare la nostra liquidità. L’imminente completamento della transazione con Air Canada dovrebbe darci la solidità per affrontare la crisi e capitalizzare la ripresa che dovrebbe essere innescata dall’arrivo di un vaccino.

Abbiamo messo in atto una struttura di finanziamento a breve termine da $ 250,0 milioni e stiamo attualmente lavorando per sostituirla, se la transazione non dovesse avvenire, con un finanziamento complessivo che copra le nostre esigenze per l’anno 2021.

Questo finanziamento potrebbe anche essere ottenuto come parte di un programma di supporto per l’industria, come annunciato dal governo “. ha dichiarato il signor Eustache. L’industria mondiale del trasporto aereo e del turismo ha dovuto affrontare un crollo del traffico e della domanda. Restrizioni di viaggio, incertezza su quando riapriranno i confini, sia in Canada che in alcune destinazioni verso cui vola la Corporation, l’imposizione di misure di quarantena sia in Canada che in altri paesi, nonché le preoccupazioni relative alla pandemia e ai suoi impatti economici stanno creando una domanda significativa incertezza, almeno per l’anno fiscale 2021. In risposta alla prima ondata di pandemia, la Corporation ha sospeso temporaneamente le sue operazioni aeree dal 1 aprile al 22 luglio 2020.

Successivamente, la Corporation ha implementato programmi estivi e invernali ridotti e continua ad apportare sul livello della domanda e delle decisioni prese dalle autorità sanitarie e statali. La Corporation non può prevedere tutti gli impatti di COVID-19 sulle sue operazioni e sui suoi risultati, o precisamente quando la situazione migliorerà.

La Corporation ha implementato una serie di misure operative, commerciali e finanziarie, inclusa la riduzione dei costi, volte a preservare la propria liquidità.

La Corporation controlla quotidianamente la situazione per adeguare queste misure man mano che si evolve. Tuttavia, fino a quando la società non sarà in grado di riprendere le operazioni a un livello sufficiente, la pandemia COVID-19 avrà impatti negativi significativi sui suoi ricavi, flussi di cassa dalle operazioni e risultati operativi. Mentre la probabilità della disponibilità di un vaccino nel prossimo futuro rende possibile sperare nella ripresa delle operazioni a un certo livello durante il 2021, la Corporation non si aspetta che tale livello raggiunga il livello pre-pandemico prima del 2023.

La Corporation ha adottato le seguenti misure riguardo alla pandemia COVID-19:

Operazioni aeree e commerciali Il 23 luglio 2020, la Corporation ha ripreso parzialmente le operazioni della compagnia aerea dopo quattro mesi di inattività.

Successivamente è stato progressivamente implementato un programma estivo ridotto, composto da 23 rotte verso circa 17 destinazioni.

Per il programma invernale (da novembre 2020 ad aprile 2021), per adattarsi alla bassa domanda derivante dalla seconda ondata COVID-19 e alle continue restrizioni e requisiti di confine in Canada e altrove, Transat offre gradualmente un programma ridotto di voli internazionali in partenza da Montréal, Toronto e Quebec City.

Transat offre un’esperienza di viaggio semplice e sicura in ogni fase. A tal fine ha avviato il proprio programma Traveller Care in materia di misure sanitarie, che vengono periodicamente aggiornate in ottemperanza alle raccomandazioni emesse dalle autorità di regolamentazione. Ha anche messo insieme una nuova guida pratica completa piena di suggerimenti per aiutare i viaggiatori a prepararsi per i loro viaggi e viaggiare con la massima tranquillità.

Misure di riduzione dei costi

A marzo, la Corporation ha deciso di ritirare anticipatamente tutti i suoi Airbus A310 dalla flotta. Successivamente, la Corporation ha accelerato il previsto ritiro della sua flotta di Boeing 737 e di alcuni dei suoi Airbus A330 per accelerare la trasformazione della sua flotta e renderla più uniforme (comprendente solo aeromobili Airbus con comunanza di cabina di pilotaggio) e più adatta al post-COVID -19 mercato, sia in termini di dimensioni degli aeromobili che di capacità complessiva.

La Direzione e il Consiglio di Amministrazione, hanno concordato una riduzione volontaria e temporanea della loro retribuzione dal 10% al 20%, in vigore fino al 1 novembre 2020, ad eccezione dei Dirigenti le cui riduzioni, comprese tra il 15% e il 20% , sono mantenuti fino al 31 dicembre 2020 e membri del Consiglio di Amministrazione la cui riduzione del 20% è mantenuta fino al 15 febbraio 2021.

La società ha anche negoziato con i suoi fornitori per beneficiare di riduzioni dei costi e modifiche dei termini di pagamento e ha implementato misure per ridurre le spese e gli investimenti.

La Corporation ha anche ridotto le sue spese di investimento, ove possibile, senza compromettere il suo sviluppo futuro.

Alla fine di marzo la Corporation ha proceduto al graduale licenziamento temporaneo di gran parte del proprio personale, raggiungendo circa l’85% al ​​culmine della crisi.

A seguito della ripresa delle attività aeree, la Corporation è stata in grado di richiamare un certo numero di dipendenti, adeguando così la propria forza lavoro al 25% del livello pre-pandemia. A partire dal 15 marzo 2020, la Corporation ha utilizzato il Canada Emergency Wage Subsidy (“CEWS”) per la sua forza lavoro canadese, che le ha permesso di finanziare parte degli stipendi del suo personale ancora al lavoro e di proporre dipendenti temporaneamente licenziati a ricevere una parte del loro stipendio equivalente all’importo della borsa di studio ricevuta, senza lavoro richiesto.

Al 31 ottobre 2020, circa due terzi del sussidio ricevuto corrispondevano a compensi corrisposti ai dipendenti che non lavoravano.

Finanziamento e flussi di cassa

A marzo, come misura precauzionale, la Corporation ha ritirato il suo contratto di linea di credito revolving di $ 50,0 milioni per scopi operativi.

Da marzo, la Corporation ha rinegoziato con i locatori di aeromobili, così come altri locatori, per differire una serie di pagamenti mensili di locazione. Il 9 ottobre 2020, Transat ha posto in essere una linea di credito subordinata a breve termine di $ 250,0 milioni con la National Bank of Canada come lead arranger.

Tale prestito può essere utilizzato in tranche entro il 28 febbraio 2021, subordinatamente al soddisfacimento dei prerequisiti e delle condizioni di finanziamento applicabili.

Queste condizioni includono alcuni requisiti relativi al contante illimitato prima e dopo un prelievo dalla struttura.

La nuova linea di prestito dovrebbe attualmente scadere all’inizio del 31 marzo 2021 e alla chiusura dell’accordo con Air Canada.

Nell’ambito dell’attuazione dell’accordo di concordato rivisto e della nuova linea di prestito, Transat è stata anche in grado di apportare alcune modifiche alla sua linea di credito a termine revolving senior esistente, inclusa la sospensione temporanea dell’applicazione di determinati rapporti finanziari, fornendo a Transat ulteriori flessibilità nel contesto dell’attuale contesto imprenditoriale ed economico. I termini e le condizioni modificati includono anche un nuovo requisito per mantenere determinati livelli minimi di liquidità senza restrizioni, nonché restrizioni sulla capacità di contrarre prestiti aggiuntivi.

Al fine di proteggere la propria posizione di cassa e consentire il recupero dopo che le restrizioni sono state revocate, la Società ha concesso ai propri clienti un credito di viaggio completamente trasferibile valido senza scadenza per voli e pacchetti annullati a causa della situazione eccezionale e, in particolare, delle restrizioni di viaggio imposto dai governi.

Punti salienti del quarto trimestre

Dalla metà di marzo, le restrizioni sui viaggi internazionali e le misure di quarantena imposte dal governo hanno reso molto difficili le vendite di viaggi.

La Corporation ha sospeso tutti i suoi voli per quasi quattro mesi prima di riprendere le operazioni il 23 luglio e mantenere i voli durante l’intero trimestre su scala ridotta.

Di conseguenza, la Corporation ha registrato un fatturato di 28,4 milioni di dollari durante il trimestre, con una diminuzione di 664,8 milioni di dollari (95,9%) rispetto al 2019.

Le operazioni hanno generato una perdita operativa di 239,3 milioni di dollari rispetto a un utile operativo di 37,1 milioni di dollari nel 2019, con un peggioramento di 276,4 milioni di dollari.

Il peggioramento dei nostri risultati di gestione è principalmente attribuibile a un calo dei ricavi superiore a quello dei costi operativi.

Nonostante il calo dei ricavi e le misure di riduzione dei costi implementate per far fronte alla pandemia COVID-19, la Corporation è stata obbligata a mantenere determinati costi fissi. Il calo dei risultati operativi è stato accentuato da voci speciali per un totale di 96,7 milioni di dollari e dal regolamento sfavorevole di contratti derivati ​​relativi al carburante.

Gli elementi speciali includono oneri di svalutazione per un totale di $ 86,7 milioni, di cui $ 50,8 milioni per beni relativi ad aeromobili in leasing che non saranno più utilizzati fino a quando non saranno restituiti ai locatori, $ 32,8 milioni per la terra in Messico e $ 3,1 milioni per l’investimento in una joint venture .

Le voci speciali includono anche disposizioni aggiuntive per condizioni di restituzione di $ 6,4 milioni per aeromobili noleggiati che non saranno più utilizzati fino a quando non saranno restituiti ai locatori, parcelle professionali e storno delle spese di risarcimento di $ 2,7 milioni relative alla transazione con Air Canada e vantaggi di risoluzione di $ 0,9 milioni.

Transat ha registrato una perdita operativa rettificata1 di $ 90,7 milioni rispetto a un reddito operativo rettificato1 di $ 97,5 milioni nel 2019, un peggioramento di $ 188,3 milioni.

La perdita netta attribuibile agli azionisti è stata di $ 238,1 milioni o $ 6,31 per azione, rispetto a un utile netto di $ 23,0 milioni o $ 0,61 per azione nel 2019.

Escludendo gli elementi non operativi, Transat ha registrato una perdita netta rettificata3 di $ 156,4 milioni ($ 4,14 per azione) per quarto trimestre del 2020, rispetto all’utile netto rettificato3 di $ 30,1 milioni ($ 0,80 per azione) nel 2019.

Momenti salienti dell’anno

Come risultato dei fattori di cui sopra, la Corporation ha registrato un significativo peggioramento delle sue prestazioni per l’anno conclusosi il 31 ottobre 2020.

L’impatto della pandemia ha annullato un ottimo inizio dell’anno fiscale, poiché il reddito operativo rettificato1 fino all’inizio di marzo è aumentato di $ 63,3 milioni rispetto al 2019, a causa di un significativo miglioramento della redditività del programma delle destinazioni del sole, il nostro programma principale durante la stagione invernale.

Considerando gli impatti di COVID-19, la Corporation ha registrato ricavi per $ 1,3 miliardi, una diminuzione di $ 1,6 miliardi (55,7%) rispetto al 2019, e le operazioni hanno generato una perdita operativa di $ 426,0 milioni, rispetto a $ 13,6 milioni nel 2019, un peggioramento di $ 412,4 milioni. Transat ha registrato una perdita operativa rettificata1 di $ 122,2 milioni rispetto a un utile operativo rettificato1 di $ 192,4 milioni nel 2019, con un peggioramento di $ 314,6 milioni. La perdita netta attribuibile agli azionisti è stata di $ 496,5 milioni o $ 13,15 per azione, rispetto ai $ 32,3 milioni o $ 0,86 per azione dell’anno precedente.

Prima degli elementi non operativi, Transat ha registrato una perdita netta rettificata3 di $ 355,3 milioni ($ 9,41 per azione) per l’anno fiscale 2020, rispetto ai $ 9,4 milioni ($ 0,25 per azione) nel 2019.

Posizione finanziaria

Al 31 ottobre 2020, le disponibilità liquide e mezzi equivalenti ammontavano a $ 426,4 milioni, rispetto a $ 564,8 milioni al 31 ottobre 2019.

Questa variazione è principalmente attribuibile a una significativa diminuzione della redditività, all’acquisizione di un motore sostitutivo per la flotta A321neo LR ( $ 16,6 milioni), parzialmente compensato dal prelievo di $ 50,0 milioni dal contratto di linea di credito revolving. Il coefficiente di capitale circolante è pari a 0,84, rispetto a 1,13 al 31 ottobre 2019.

Tale variazione è principalmente attribuibile all’aumento della quota corrente delle passività per leasing e alla diminuzione delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti. I depositi dei clienti per viaggi futuri ammontavano a $ 608,9 milioni, rispetto ai $ 561,4 milioni al 31 ottobre 2019, con un aumento di $ 47,5 milioni.

Come risultato di questa crisi sanitaria improvvisa, imprevedibile e senza precedenti e delle conseguenti restrizioni di viaggio, la Corporation ha deciso, come altri vettori canadesi, di emettere crediti di viaggio per i viaggi annullati.

Ciò espone la Società a contenziosi e misure di esecuzione da parte delle autorità legislative e regolamentari, comprese azioni legali collettive, che la Società intende contestare in buona fede e con buona ragione.

I depositi dei clienti al 31 ottobre 2020 includevano questi crediti di viaggio per un importo di 531,7 milioni di dollari, il 43% dei quali era stato affidato a un trust, con la differenza che rappresentava i depositi effettuati direttamente con Air Transat o sussidiarie estere.

A seguito dell’adozione del principio contabile IFRS 16, i leasing con durata superiore a 12 mesi sono ora contabilizzati come diritto d’uso tra le attività e come passività per leasing tra le passività.

Al 31 ottobre 2020, le passività per leasing ammontavano a $ 853,9 milioni. Gli accordi fuori bilancio, esclusi i contratti con fornitori di servizi, ammontavano a $ 872,2 milioni al 31 ottobre 2020.

Questo importo era composto principalmente da impegni a prendere in consegna gli 11 A321neo non consegnati al 31 ottobre 2020.

Poiché è impossibile valutare il ritmo della ripresa o la possibile evoluzione della pandemia e dei suoi effetti, la Corporation, analogamente alla stragrande maggioranza dei vettori aerei e di altri operatori del settore dei viaggi, sta attualmente esaminando varie opportunità per aumentare il proprio flusso di cassa. In particolare, la Corporation ha messo in atto una nuova linea di credito subordinata a breve termine di $ 250,0 milioni mentre continua le discussioni con i suoi finanzieri e i vari livelli di governo per migliorare il flusso di cassa.

Al 31 ottobre 2020, esiste un’incertezza sostanziale che può far sorgere dubbi significativi sulla capacità della Società di continuare ad operare come un’entità in funzionamento.

Se la transazione con Air Canada non dovesse essere completata, la Corporation dovrà mettere in atto finanziamenti complessivi per un totale di circa 500 milioni di dollari nel 2021 per garantire la continuità delle operazioni.

La direzione sta cercando di garantire il finanziamento che sarebbe richiesto prima della scadenza della nuova linea di credito subordinata a breve termine (fino ad oggi, 31 marzo 2021) ed è attualmente in trattativa con potenziali finanziatori, comprese le autorità governative.

Tale finanziamento, messo in atto se necessario dopo aver posticipato la scadenza della nuova linea di credito subordinato a breve termine, potrebbe essere fornito attraverso una domanda per il Large Employer Emergency Financing Facility (LEEFF) o attraverso qualsiasi programma di assistenza governativa, compresa l’assistenza specifica del settore. ciò potrebbe includere prestiti e possibilmente altri tipi di sostegno annunciato dal ministro dei trasporti del Canada.

La nota 2 al bilancio consolidato contiene maggiori dettagli su questo tema. prospettiva Nella situazione attuale, è impossibile per il momento prevedere l’impatto della pandemia COVID-19 sulle prenotazioni future, la ripresa parziale delle operazioni di volo e i risultati finanziari.

La Corporation ha implementato una serie di misure operative, commerciali e finanziarie, inclusa la riduzione dei costi, volte a preservare la propria liquidità. La Corporation continua a monitorare la situazione quotidianamente per adeguare queste misure man mano che si evolve.

Si prega di consultare la sezione Rischi e incertezze dell’MD&A della Società per l’anno terminato il 31 ottobre 2020 per una discussione più dettagliata dei principali rischi e incertezze che la Società deve affrontare.

Di conseguenza, per il momento, la Corporation non fornisce previsioni per l’inverno 2021.

Discussioni relative alla vendita della Corporation

Il 9 ottobre 2020 è stato approvato all’unanimità dal Consiglio di amministrazione di Transat un accordo di accordo rivisto [“l’accordo di accordo rivisto” o “accordo di accordo”], in base al quale Air Canada acquisirà tutte le azioni emesse e in circolazione di Transat al prezzo di $ 5,00 per azione, pagabile a scelta del titolare in contanti o in azioni Air Canada o una combinazione di queste, e quindi formare una società combinata di livello mondiale con sede a Montreal.

Le azioni Air Canada emettibili con l’opzione di pagamento in azioni saranno emesse sulla base di un prezzo di 17,47 dollari per azione Air Canada, che si traduce in un rapporto di cambio di 0,2862 azioni Air Canada per azione Transat.

L’accordo di accordo rivisto termina e sostituisce l’accordo di accordo originale tra Transat e Air Canada del 27 giugno 2019, come successivamente modificato l’11 agosto 2019.

L’operazione sarà sottoposta all’approvazione degli azionisti, compresa l’approvazione di almeno due terzi dei voti espressi dai soci presenti di persona o rappresentati per delega all’assemblea speciale degli azionisti che si terrà il 15 dicembre 2020 per l’approvazione dell’operazione.

La conclusione della transazione con Air Canada è soggetta alle consuete condizioni di chiusura, comprese le approvazioni normative, in particolare quelle delle autorità canadesi e dell’Unione Europea.

In particolare, le autorità canadesi stanno intraprendendo una valutazione di interesse pubblico dell’accordo relativo al trasporto nazionale.

Il processo di valutazione delle autorità garanti della concorrenza è attualmente complicato dalla pandemia COVID 19 e dall’impatto che sta avendo sul mercato dell’aviazione commerciale internazionale.

Tra le altre cose, la stragrande maggioranza dei vettori aerei nordamericani, europei e internazionali ha richiesto misure di assistenza finanziaria, ma ha dovuto attuare riduzioni di capacità (come ha fatto la Corporation).

Questo contesto potrebbe influire sull’ottenimento di approvazioni da parte delle autorità di regolamentazione, in particolare per quanto riguarda il pacchetto appropriato di rimedi volti a ottenere tali approvazioni.

Air Canada si riserva la facoltà di determinare la portata dei rimedi che è disposta a offrire (oltre a quelli che è tenuta a offrire ai sensi del Contratto di accordo).

Se Air Canada non raggiunge un accordo con le autorità di regolamentazione e non ottiene le approvazioni richieste prima della data esterna del 15 febbraio 2021, l’accordo di accordo può essere risolto in conformità con i suoi termini. Il 27 marzo 2020, il Commissario per la concorrenza ha rilasciato il suo rapporto consultivo al Ministro dei trasporti a seguito della determinazione del Ministro che l’accordo proposto solleva questioni relative all’interesse pubblico per quanto riguarda il trasporto nazionale. Il 1 ° maggio 2020,

Transport Canada ha a sua volta fornito il suo rapporto di valutazione al Ministro dei trasporti. Per andare avanti, l’operazione con Air Canada dovrà ricevere l’approvazione del Governatore in Consiglio, su raccomandazione del Ministro dei Trasporti.

Il Governatore in Consiglio non ha una scadenza per l’emissione di una decisione e non vi può essere alcuna garanzia che la transazione con Air Canada sarà approvata prima della data esterna. Il 25 maggio 2020 la Commissione Europea ha deciso di aprire un’indagine approfondita (“Fase II”) per valutare l’operazione con Air Canada in merito alla normativa antitrust dell’Unione Europea.

La transizione alla Fase II fa parte del normale processo della Commissione Europea di valutazione dell’impatto delle transazioni sottoposte alla sua approvazione quando si teme che una transazione possa effettivamente ridurre la concorrenza.

La Commissione Europea ha rilasciato il 28 settembre 2020 una dichiarazione di opposizione all’accordo. Il termine provvisorio entro il quale la Commissione deve prendere la sua decisione è ora il 9 febbraio 2021.

La strategia di sviluppo alberghiero e gli obiettivi correlati sono influenzati dall’accordo in quanto la Società ha accettato di limitare i propri impegni e le spese relative all’esecuzione della propria strategia alberghiera nel periodo che precede la chiusura dell’accordo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.