IATA: La domanda di trasporto aereo nel 2020 è stato il peggiore

il

Aircraft in gray sky

La IATA – l’associazione del trasporto aereo mondiale – ha annunciato i risultati del traffico passeggeri globale per l’intero anno per il 2020 che mostrano che la domanda (entrate passeggeri per chilometri o RPK) è diminuita del 65,9% rispetto all’intero anno 2019, di gran lunga il calo di traffico più netto nel settore dell’aviazione storia.Inoltre, le prenotazioni nel futuro sono in netto calo dalla fine di dicembre.

La domanda internazionale di passeggeri nel 2020 è stata del 75,6% inferiore ai livelli del 2019. La capacità (misurata in chilometri di posti disponibili o ASK) è diminuita del 68,1% e il fattore di carico è sceso di 19,2 punti percentuali al 62,8%.

La domanda interna nel 2020 è diminuita del 48,8% rispetto al 2019.

La capacità si è contratta del 35,7% e il load factor è sceso di 17 punti percentuali al 66,6%. Il traffico totale di dicembre 2020 è stato inferiore del 69,7% rispetto allo stesso mese del 2019, leggermente migliorato dalla contrazione del 70,4% di novembre.

La capacità è diminuita del 56,7% e il fattore di carico è sceso di 24,6 punti percentuali al 57,5%. Le prenotazioni per viaggi futuri effettuate a gennaio 2021 sono diminuite del 70% rispetto a un anno fa, esercitando ulteriore pressione sulle posizioni di cassa delle compagnie aeree e influendo potenzialmente sui tempi della ripresa prevista.

La previsione di base della IATA per il 2021 prevede un miglioramento del 50,4% sulla domanda del 2020 che porterebbe il settore al 50,6% dei livelli del 2019. Sebbene questa visione rimanga invariata, esiste un grave rischio di ribasso se persistono restrizioni di viaggio più severe in risposta a nuove varianti. Se un tale scenario si concretizzasse, il miglioramento della domanda potrebbe essere limitato a solo il 13% rispetto ai livelli del 2020, lasciando il settore al 38% dei livelli del 2019.

“L’anno scorso è stata una catastrofe. Non c’è altro modo per descriverlo. La ripresa della stagione estiva dell’emisfero settentrionale si è arrestata in autunno e la situazione è peggiorata drammaticamente durante le festività di fine anno, poiché sono state imposte restrizioni di viaggio più severe di fronte a nuovi focolai e nuovi ceppi di COVID-19 “. ha affermato Alexandre de Juniac, Direttore generale e CEO della IATA.

2020 CALENDAR YEARWORLD SHARE1RPKASKPLF (%-PT)​2PLF (LEVEL)​3
Total Market100.0%-65.9%-56.5%-17.8%64.80%
Africa1.9%-68.8%-61.0%-14.4%57.4%
Asia Pacific38.6%-61.9%-53.9%-14.3%67.5%
Europe23.6%-69.9%-62.1%-17.4%67.8%
Latin America5.7%-62.1%-58.3%-7.7%74.9%
Middle East7.4%-72.2%-63.3%-18.5%57.6%
North America22.7%-65.2%-50.2%-25.6%59.2%

1) % of industry RPKs in 2020    2) Year-on-year change in load factor    3) Load Factor Level

Mercato passeggeri internazionale

Il traffico annuale delle compagnie aeree dell’Asia-Pacifico è crollato dell’80,3% nel 2020 rispetto al 2019, che è stato il calo più profondo per qualsiasi regione. È sceso del 94,7% nel mese di dicembre a causa di blocchi più severi, poco cambiato da un calo del 95% a novembre. La capacità dell’intero anno è diminuita del 74,1% rispetto al 2019. Il load factor è sceso di 19,5 punti percentuali al 61,4%.

I vettori europei hanno registrato un calo del traffico del 73,7% nel 2020 rispetto al 2019. La capacità è diminuita del 66,3% e il fattore di carico è diminuito di 18,8 punti percentuali al 66,8%. Per il mese di dicembre, il traffico è diminuito dell’82,3% rispetto a dicembre 2019, un aumento rispetto al calo dell’87% da anno in anno a novembre che riflette lo slancio pre-festivo che è stato invertito verso la fine del mese.

La domanda annuale di passeggeri delle compagnie aeree del Medio Oriente nel 2020 è stata del 72,9% inferiore al 2019. La capacità annuale è diminuita del 63,9% e il fattore di carico è crollato di 18,9 punti percentuali al 57,3%. Il traffico di dicembre è diminuito dell’82,6% rispetto a dicembre 2019, migliorato da un calo dell’86,1% a novembre.

Il traffico per l’intero anno delle compagnie aeree nordamericane è diminuito del 75,4% rispetto al 2019. La capacità è scesa del 65,5% e il fattore di carico è sceso di 23,9 punti percentuali al 60,1%. La domanda di dicembre è diminuita del 79,6% rispetto allo stesso mese di un anno fa, con un aumento rispetto al calo dell’82,8% a novembre che riflette un aumento delle festività.

Le compagnie aeree dell’America Latina hanno registrato un calo del traffico del 71,8% rispetto al 2019, rendendola la regione con le migliori prestazioni dopo l’Africa. La capacità è diminuita del 67,7% e il fattore di carico è sceso di 10,4 punti percentuali al 72,4%, di gran lunga il più alto tra le regioni. Il traffico è diminuito del 76,2% nel mese di dicembre rispetto a dicembre 2019, in qualche modo migliorato dal calo del 78,7% a novembre.

Il traffico delle compagnie aeree africane è diminuito del 69,8% lo scorso anno rispetto al 2019, che è stata la migliore performance tra le regioni. La capacità è scesa del 61,5% e il fattore di carico è sceso di 15,4 punti percentuali al 55,9%, il più basso tra le regioni. La domanda per il mese di dicembre è stata inferiore del 68,8% rispetto a un anno fa, ben prima del calo del 75,8% a novembre. I vettori nella regione hanno beneficiato di restrizioni ai viaggi internazionali un po ‘meno severe rispetto al resto del mondo.

Mercati passeggeri nazionali

2020 CALENDAR YEAR (%YEAR-ON-YEAR)WORLD SHARE1RPKASKPLF (%-PT)​2PLF (LEVEL)​3
Domestic54.3%-48.8%-35.7%-17.0%66.6%
Dom. Australia0.7%-69.5%-62.8%-14.7%66.1%
Dom. Brazil1.6%-49.0%-47.4%-2.4%80.3%
Dom. China P.R.19.9%-30.8%-19.7%-11.7%72.9%
Dom India2.1%-55.6%-48.0%-12.8%74.6%
Dom. Japan1.4%-53.6%-32.7%-22.9%50.9%
Dom. Russian Fed.3.4%-23.5%-12.6%-10.3%72.9%
Dom. US16.6%-59.6%-41.4%-26.4%58.8%

1) % of industry RPKs in 2020   2) Year-on-year change in load factor 3) Load Factor Level

Mercati passeggeri domestici

Il traffico passeggeri interno della Cina è diminuito del 30,8% nel 2020 rispetto al 2019. È diminuito del 7,6% nel mese di dicembre rispetto a dicembre di un anno fa, il che è stato un peggioramento rispetto a un calo del 6,3% a novembre a causa di nuovi focolai e restrizioni conseguenti.

Il traffico interno della Russia è sceso del 23,5% per l’intero anno, ma il 12% per il mese di dicembre, è molto migliorato rispetto a un calo del 23% a novembre. I risultati dell’intero anno sono stati sostenuti dal boom del turismo interno durante l’estate e dal calo delle tariffe.

Il commento di De Juniac

“L’ottimismo sul fatto che l’arrivo e la distribuzione iniziale dei vaccini porterebbe a un pronto e ordinato ripristino dei viaggi aerei globali è stato deluso di fronte a nuovi focolai e nuove mutazioni della malattia. Il mondo è più bloccato oggi che in qualsiasi momento negli ultimi 12 mesi ei passeggeri devono affrontare una serie sconcertante di restrizioni di viaggio in rapida evoluzione e non coordinate a livello globale. Esortiamo i governi a collaborare con l’industria per sviluppare gli standard per la vaccinazione, i test e la convalida che consentano ai governi di avere fiducia che i confini possano riaprirsi e che i viaggi aerei internazionali possano riprendere una volta neutralizzata la minaccia del virus. Il Travel Pass IATA aiuterà questo processo, fornendo ai passeggeri un’app per gestire in modo semplice e sicuro i propri viaggi in linea con i requisiti governativi per i test COVID-19 o le informazioni sui vaccini. Nel frattempo, l’industria del trasporto aereo richiederà un sostegno finanziario continuo da parte dei governi per rimanere redditizia ”, ha affermato de Juniac.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.