Neos guarda ai voli verso gli USA


Neos, ha presentato una richiesta a fine di ottenere l’autorizzazione per operare voli passeggeri sugli USA.

Lo ha scritto Onemileatatime, dicendo che all’US DOT e’ stata indirizzata la domanda per permettergli in futuro di atterrare con collegamenti che trasportino persone, cose e posta. E’ citato il US & EU Air Transport Agreement.

Neos ha chiesto la concessione rapida dell’autorizzazione per iniziare le attività di commercializzazione dei servizi aerei. Non sono stati menzionati i mercati e le rotte ove intenderà’ operare l’aerolinea italiana.

L’analisi della testata americana va sull’attuale buco di servizi aerei presenti da Milano d Roma in precedenza operati rispettivamente da Air Italy e Norwegian. Ora entrambe fuori dai giochi per la liquidazione in bonis della prima e dall’uscita da questo tipo di collegamenti per la seconda. Qualcosa su Alitalia nei termini di come avverrà il passaggio dalla vecchia AS al nuovo vettore ITA. Non paragonabili sono le condizioni di mercato nel futuro prossimo sul quale si indirizzerà Neos, dove le condizioni di opportunità di cabotaggio passeggeri, in particolare, sono totalmente diversi rispetto a due anni fa. Prima il mercato era si in competizione, ma esente dagli effetti del Covid-19, domani in uscita dalla pandemia gli orizzonti non sono certi su come si evolverà il mercato e in che tempi.
Lascia sconcerto il voler definire Neos come una low cost, quando non lo e’ mai stata, avendo operato da sempre servizi aerei leisure per l’industria delle vacanze per soggiorni e crociere. Fatta eccezione per i voli di linea sulla Cina, in buona parte per molto tempo con accordi con organizzazioni turistiche cinesi con pacchetti verso l’Italia e l’Europa. Anche i successivi quesiti su posizionamento di mercato e tempistiche connesse ai vaccini, senza tenere conto del flusso dell’esecuzione della vaccinazione nei paesi in entrambi i sensi. In aggiunta di un travel ban in essere per entrambi i lati e non certe normative future su come sarà la circolazione con o meno l’imperativo di un travel pass a gestire accessi nei vari paesi.

L’articolo e’ al link:

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.