easyJet : multa dall’antitrust italiana, 2,8 milioni di € per voli cancellati dopo lockdown

il

L’antitrust italiana ha sanzionato la easyJet. Dovrà pagare entro trenta giorni la somma comminatagli di 2,8 milioni di €. E’ il risultato di un procedimento conclusosi dopo aver rivelato comportamenti ritenuti irregolari dell’autorità sulla cancellazione di voli dopo che nel maggio 2020 erano venute meno le limitazioni di circolazione introdotti dai provvedimenti del Governo a causa del Covid – 19.

La compagnia aerea inglese e’ stata ritenuta responsabile di “aver provveduto a cancellare poco prima della programmata partenza i servizi di trasporto aereo” motivandole con l’accadere di “situazioni al di fuori del nostro controllo” e dando “informazioni lacunose e ambigue sulla soppressione dei voli”.

«Alla luce delle evidenze istruttorie — sottolinea l’Antitrust nel suo report edito ogni settimana — risulta che easyJet, venute meno le restrizioni alla circolazione, ha tenuto una condotta non rispondente al canone di diligenza professionale atteso, quando ha proceduto a numerosissime cancellazione di voli programmati e offerti in vendita rilasciando ai consumatori voucher invece di procedere al rimborso del prezzo pagato per i biglietti annullati, fornendo informazioni ingannevoli e/o omissive riguardo ai diritti loro spettanti a seguito della cancellazione ed ostacolando quei i consumatori che hanno inteso esercitare tali diritti, ponendo in essere una pratica commerciale scorretta ai sensi del Codice del Consumo».

A seguire — come scritto nella nota — «dai dati che easyJet ha fornito relativamente ai biglietti venduti, ai voli cancellati e ai biglietti annullati, nei mesi di giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre, si evince un’elevata percentuale di biglietti annullati per voli cancellati». Le condotte esaminate, sottolinea l’Autorità, «appaiono configurare una pratica scorretta» in occasione della quale easyJet «ha sfruttato indebitamente la giustificazione relativa all’emergenza epidemiologica per limitare i diritti dei consumatori i quali avrebbero dovuto essere adeguatamente informati ed assistiti e prontamente rimborsati in caso di cancellazione del volo». «Si tratta di una pratica non solo ingannevole ed omissiva ma anche connotata da specifici profili di aggressività».

Immediatamente, come riporta il Corriere.it in un testo di Leonard Berberi, c’è una presa di posizione di Massimiliano Dona per l’Unione Nazionale Consumatori. «Speriamo, anche se abbiamo qualche dubbio, che la sanzione sia di esempio anche alle altre compagnie aeree, per evitare che proseguano indisturbate a cancellare voli con la scusa dell’emergenza sanitaria o a violare il regolamento europeo, calpestando i diritti dei passeggeri in caso di cancellazioni del volo e accampando ogni scusa, come quella dei voucher, per non rimborsarli in denaro».

easyjet ha immeditatamente replicato annunciando ricorso al provvedimento dell’autorità governativa.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.