Alitalia: i commissari chiedono al Governo una cassa integrazione più lunga per evitare il blocco dei voli del vettore

il

Nelle prossime due settimane ci potrebbe essere il rischio che le maestranze di Alitalia blocchino l’operatività di Alitalia con le ricadute che ben ci si può immaginare. E’ questo quanto hanno scritto i commissari Alitalia al Governo, come riporta Leonard Berberi in un articolo di ieri su Corriere.it:

L’articolo è al link:

https://www.corriere.it/economia/aziende/21_settembre_28/alitalia-commissari-si-rischia-blocco-voli-prolungare-cigs-2025-e63d9492-208d-11ec-924f-1ddd15bf71fa.shtml

I commissari auspicano che il periodo di cassa integrazione per chi non rientra nei quadri di ITA -Italia Trasporto Aereo, sia innalzato dal massimo consentito di 12 mesi a un periodo molto più lungo, difatto come poi richiesto dai sindacati.

In particolare chiedono che alla durata del business plan di ITA venga legato il periodo di concessione degli ammortizzatori sociali.Una estensione da effettuarsi anche «mediante la ridefinizione dei propri orientamenti interpretativi ovvero la promozione degli adeguati interventi normativi». Insomma, si tramuterebbe in una modifica ad personam del provvedimento.

L’articolo parla anche del tema della riqualificazione professionale da applicare a chi non verrà poi assunto da ITA, questo nel futuro dello sviluppo del busiuness plane della nuova compagnia aerea, che a regime non riuscirà a coprire la forza lavoro attualmente presente in Alitalia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.