Afrijet continua ad evolvere la sua flotta verso l’ATR 72-600

il

La compagnia aerea del Gabon continua ad ampliare la sua rete nazionale e regionale con turboelica regionali efficienti e versatili
Afrijet opererà infine una flotta di quattro velivoli ATR 72-600 per il suo servizio regolare
La compagnia aerea della regione CEMAC intende ampliare la rete e aumentare la frequenza
Dubai Airshow, 16 novembre 2021 – ATR finalizza la vendita di tre ATR 72-600 alla compagnia aerea centrafricana Afrijet che utilizzerà l’aeromobile per sostituire parte della sua flotta ATR 72-500. Dal secondo velivolo in poi, questi ATR 72-600 saranno equipaggiati con il motore P&WC di ultima generazione, il PW127XT-M, che offre una maggiore efficienza e consuma meno carburante. L’accordo è un’ulteriore prova dell’efficacia dell’ATR nella crescita di rotte e reti regionali, grazie alle sue operazioni convenienti. Afrijet ha iniziato inizialmente con velivoli ATR usati per poi passare a un ATR 72-600 in leasing nel 2020. Questa acquisizione diretta di aeromobili nuovi di zecca aumenterà la dimensione della flotta -600 a quattro ATR 72-600, consentendo l’apertura di nuove rotte e frequenza crescente.

È stato dimostrato che la connettività regionale ha un impatto significativo sulle economie locali, con un aumento del 10% dei voli regionali che potrebbe portare a una crescita del 6% del PIL regionale. L’ATR è un apripista collaudato grazie alla sua efficienza operativa e versatilità, bruciando oltre il 40% in meno di carburante e quindi emettendo il 40% in meno di CO2 rispetto a un jet regionale.

Il CEO di Afrijet, Mark Gaffajoli, ha osservato: “Per essere efficace in Africa, un aereo deve essere efficiente in termini di costi, affidabile e versatile dal punto di vista operativo. Abbiamo bisogno di questi nuovi velivoli ATR, poiché la creazione di connettività nel Golfo di Guinea è vitale per il boom del commercio e dell’integrazione comunitaria nella zona CEMAC. In qualità di operatore nell’Africa equatoriale, sede della seconda foresta più grande del mondo, siamo orgogliosi di prepararci a investire in un dispositivo con una bassa impronta di carbonio e un impatto ecologico controllato e prevedibile”.

Stefano Bortoli, CEO di ATR, ha dichiarato: “Afrijet continua a fidarsi di ATR per la sua attività e siamo sempre orgogliosi di vedere una compagnia aerea passare da una flotta ATR legacy, all’introduzione di aeromobili di ultima generazione e infine all’acquisto di una nuova flotta. Essere in grado di farlo in tempi così difficili dimostra davvero che Afrijet ha una strategia e un modello di business eccellenti che stanno offrendo molto bene. Dimostra anche che l’ATR è l’aereo perfetto con cui fornire connettività regionale in Africa”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.