Boeing aumentera’ la produzione dei B737 fino a 47 aerei al mese


Gli ordinativi ricevuti negli ultimi mesi da molti operatori per il B737 e le prospettive che altri arrivino a breve stanno mettendo alle corde la Boeing. E’ necessario quindi che se ne producano di piu’, la Reuters ha ricevuto alcune confidenze che indicano un azione tesa a aumentarne considerevolmente il ritmo produttivo fino a 47 esemplari al mese entro la fine del 2023.

Nell’articolo al link:

https://www.reuters.com/business/aerospace-defense/exclusive-boeing-aims-nearly-double-737-max-production-by-end-2023-sources-2022-03-05/

Il bireattore a corto e medio raggio e’ considerato il ”cash cow” per l’azienda americana. Per questo il costruttore americano sta puntando molto. Ma il tutto non sara’ facile perche’ molti fornitori dopo la crisi della pandemia, la quale ha ridotto gli organici sulla spinta del rilassamento dei ritmi produttivi voluti da Boeing, questi sono alle prese con le vacanze nel reperimento delle materie prime per la produzione dei componenti per i ritmi attuali, figuriamoci per un aumento considerevole della produzione da 27 a 47 aerei al mese. Boeing vorrebbe a breve gia’ raggiungere il ritmo di 31 aerei al mese. Questo numero di unita’ sarebbe raggiungibile tra l’attuale semestre e il prossimo, le fonti a riguardo leggermente discordano. A seguire sarebbero 38 nella prima meta’ del 2023 e quindi a 47 nella successiva parte del prossimo anno. Ricordiamoci , che erano solamente 5 al mese gli aerei in produzione nel periodo del low production rate impostato da Boeing all’atto del fermo produttivo imposto dai regolatori dopo i due incidenti. Rimane sempre il fatto che sara’ fondamentale il fattore, che i subfornitori siano capaci di fornire le parti per la sistemistica e quant’altro. Ad esempio Safran dovra’ aumentare considerevolmente la produzione di motori per soddisfare non solo Boeing, ma pure Airbus. Il livello previsto e’ di oltre 75 unita’ al mese. Airbus vuole arrivare ai numeri pre pandemia di 65 aerei al mese.

Oltre a quelle che serviranno per l’after sales dei velivoli e cioe’ le parti di ricambio per la funzionamento di quelli gia’ prodotti. Lo sforzo per la catena di rifornimento sara’ importante visti gli attuali problemi generati dalla mancanza di materie prime e lievitazione dei costi in generale. Oltre a questo stato di indigenza generale data dall’attuale situazione Ucraina-Russia che sta generando generale instabilita’ nei mercati.

Boeing oltre ad aumentare la produzione di questi aerei e’ impegnata a consegnare i rimanenti esemplari prodotti nel periodo del blocco delle consegne del velivolo a seguito dei due incidenti fatali occorsi agli aerei di Lion Air e Ethiopian Airlines. 335 sono quello da consegnarsi da qui’ ai prossimi 21 mesi entro la fine del 2023. Le attivita’ sono frenetiche per portare gli aerei gia’ prodotti allo standard richiesto dall’applicazione di tutte le modifiche da introdurre.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.