Bari: Inaugurazione mostra “THE (ART) SIDE

il

L’Arte torna negli Aeroporti di Puglia. Torna con un grande progetto che promuove i talenti pugliesi, dai grandi maestri ai nomi emergenti. Da oggi, e sino al prossimo dicembre, nell’area Air Side dell’aeroporto Karol Wojtyla di Bari, sarà ospitata la prima edizione di “THE (ART) SIDE”, la mostra evento curata da Massimo Diodati che gode del patrocinio di ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, e della Regione Puglia. 

L’Air Side è l’area riservata ai viaggiatori in partenza, dopo i controlli, la parte in cui statisticamente i passeggeri trascorrono più tempo in attesa dell’imbarco. L’idea di destinare in maniera permanente quello spazio dell’aeroporto all’esposizione delle opere di artisti pugliesi, con una particolare attenzione ai giovani, è di Dino Clavica, artista prematuramente scomparso; un’idea che ha avuto modo di concettualizzare e condividere con Aeroporti di Puglia che, per questa ragione, ha voluto proprio una delle sue opere della serie Left Hand come Visual della prima edizione dell’evento. 

Cuore pulsante della mostra tre quadri del maestro barese, Gennaro Picinni – Bari panoramica, Basilica di San Nicola, Nascita di un Teatro -, insieme alle opere di sei giovani artisti pugliesi: Dino Clavica, Mariaelena Colonna, Vincenzo De Sario, Alessia Lofano, Aldo A. Pezzarossa, Lisa Simone. Ma non è tutto. La generosità del maestro Picinni si è concretizzata nella donazione ad Aeroporti di Puglia, di una sua opera, Sankt Nikolaus, che verrà esposta nella Vip Lounge del Karol Wojtyla. 

Attraverso il sistema QRcode Exibo di EWiki, esposto sui pannelli identificativi di ciascun Artista in mostra, sarà possibile approfondire i contenuti accedendo a una pagina web dedicata, fruibile in 8 lingue (albanese, cinese, inglese, tedesco, italiano, russo, spagnolo, francese) completa di foto e profilo dell’Artista, recensioni della curatela, opere e altre informazioni e curiosità. 

“Promuovere l’arte in aeroporto – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile – rappresenta un traguardo importante e un ritorno alla normalità che tutti meritiamo. Vogliamo che i nostri scali siano luoghi vivi, aperti, fruibili e pulsanti di attività. Il nostro intento è quello di creare una contaminazione fra volo e arte che affonda le sue radici nel tempo e che rappresenta una chiara lettura dell’importanza che Aeroporti di Puglia riserva al fermento culturale degli artisti pugliesi. Siamo certi – ha concluso Vasile – che questo sia l’inizio di un lungo percorso fatto di numerosi contributi di altrettanti artisti pugliesi. Di qui il mio invito personale a proporre la propria arte e metterla al servizio dei nostri passeggeri, così come hanno fatto il grande maestro Piccinni e tutti gli altri artisti in mostra”. 

“È un progetto che abbiamo seguito come Regione sin dalla sua genesi e che siamo felici di patrocinare – ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – perché ha un doppio valore. Per gli artisti pugliesi, ai quali viene offerta una vetrina preziosa, con traduzione dei contenuti in otto lingue, in un’area in cui transitano migliaia di persone. E soprattutto un valore per la grande platea di persone che potrà impegnare quel tempo di attesa per godere della cultura e della bellezza. Favorire il contatto con l’arte e promuoverne la sua diffusione realizza una missione fondamentale che qualifica non solo l’attività degli aeroporti, ma di tutta la nostra Regione”. 

Quello di THE (ART) SIDE, dunque è un nuovo modo di vivere l’aeroporto, di ripensare i suoi spazi e di trasformarlo anche in una grande vetrina per la cultura e l’arte.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.