SWISS sulla buona strada per un risultato di risultati “black zero” 2022

il


Nonostante le notevoli battute d’arresto causate dalla variante del coronavirus Omicron nelle prime settimane del 2022, SWISS è stata in grado di migliorare sostanzialmente il proprio risultato operativo anno su anno per il primo trimestre tradizionalmente debole. La perdita d’esercizio del periodo è stata ridotta di oltre il 75 percento a CHF – 47,4 milioni, mentre il fatturato totale è più che raddoppiato a CHF 712,0 milioni. La performance del primo trimestre di SWISS ha beneficiato in particolare della maggiore domanda di viaggi aerei e del miglioramento delle strutture dei costi dell’azienda a seguito della sua ristrutturazione. Allo stesso tempo, i prezzi del carburante sostanzialmente più elevati sono stati tra i fattori negativi. SWISS rimane impegnata nel suo obiettivo di raggiungere un risultato di pareggio “nero zero” per il 2022 nel suo complesso. In considerazione dell’andamento positivo della propria situazione di liquidità, la società prevede di rinegoziare i propri prestiti bancari nel secondo trimestre. Oltre a garantire la massima stabilità operativa, il rafforzamento del suo posizionamento premium e un’enfasi ancora più decisa sulla sostenibilità rimangono le priorità chiave di SWISS quest’anno.

Sebbene la variante del coronavirus Omicron abbia inferto un duro colpo alla ripresa del settore aeronautico all’inizio di quest’anno, Swiss International Air Lines (SWISS) è stata in grado di migliorare sostanzialmente il suo risultato operativo per il primo trimestre del 2022 rispetto al livello dell’anno precedente. La perdita d’esercizio del primo trimestre è stata ridotta di oltre il 75 percento a – 47,4 milioni di CHF (1° trimestre 2021: – 201,0 milioni di CHF). Gli utili sono stati migliorati in particolare da un aumento tangibile della domanda, che ha più che raddoppiato i ricavi totali del periodo a poco meno di 712,0 milioni di franchi (1° trimestre 2021: 299,6 milioni di franchi). SWISS ha anche continuato a lavorare per aumentare sistematicamente la sua redditività e ridurre i suoi costi nell’ambito del suo programma di ristrutturazione. I risultati sono stati gravati, tuttavia, dall’aumento dei costi del carburante, che è tradizionalmente la voce di costo maggiore di una compagnia aerea. Anche la domanda è stata leggermente e temporaneamente indebolita dallo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina. SWISS ha generato nel primo trimestre un flusso di cassa positivo di oltre CHF 200,0 milioni.

Afferma il CFO di SWISS Markus Binkert: “Il sostanziale miglioramento anno su anno che abbiamo ottenuto nei risultati del primo trimestre e il nostro flusso di cassa positivo ci danno fiducia e ci aiutano a confermare il nostro impegno a registrare un risultato di utili ‘nero zero’ per 2022 nel suo insieme”.

Programmata la rinegoziazione del prestito bancario

SWISS ha ulteriormente ridotto notevolmente l’importo prelevato dal prestito bancario di 1,5 miliardi di franchi, garantito per l’85% dalla Confederazione Svizzera negli ultimi tre mesi. Come spiega il CFO Markus Binkert: “Con le nostre tendenze commerciali stabili e lo sviluppo positivo della nostra situazione di liquidità, siamo ora in grado di considerare alternative di finanziamento per sostituire l’attuale linea di prestito bancario. E finché ulteriori sviluppi geopolitici lo consentiranno, cercheremo di riprogrammare il nostro debito nel corso del secondo trimestre”.

Guardando all’andamento positivo degli utili, il CEO di SWISS Dieter Vranckx aggiunge: “Le tendenze attuali ci fanno sperare che la pandemia abbia raggiunto un punto di svolta ora. Possiamo anche vedere chiaramente che le nostre misure di ristrutturazione stanno avendo i loro effetti. Che ora possiamo guardare di nuovo al futuro con fiducia è grazie soprattutto ai nostri dipendenti e a tutti i loro instancabili sforzi”.

Recupero tangibile del numero di passeggeri

SWISS1 ha trasportato oltre 1,8 milioni di passeggeri nel primo trimestre del 2022, quasi sei volte e mezzo in più rispetto all’anno precedente. Ma i volumi di passeggeri sono ancora ben al di sotto dei livelli pre-crisi del 2019. Nel periodo sono stati operati più di 18.300 voli, quattro volte il numero effettuato un anno fa. A livello di sistema, SWISS ha offerto il 156,6% in più di capacità nel primo trimestre anno su anno in termini di posti chilometrici disponibili (ASK). Il volume totale del traffico, misurato in entrate passeggeri-chilometri (RPK), è aumentato del 487,3 per cento su base annua nello stesso periodo. Il fattore di carico del sedile del primo trimestre a livello di sistema si è attestato al 62,9%, 35,4 punti percentuali al di sopra del livello dell’anno precedente.

SWSS continua la sua trasformazione

SWISS proseguirà costantemente la trasformazione aziendale avviata in risposta alla pandemia di coronavirus durante il suo 20° anniversario. Rafforzare il suo posizionamento premium e porre un’enfasi ancora più ferma sulla sostenibilità sono elementi fondamentali di ciò. Gli sviluppi del primo trimestre su questi fronti includevano il lancio della nuova classe SWISS Premium Economy sulla sua flotta di aeromobili Boeing 777-300ER a lungo raggio. Tutti e dodici i Boeing 777 di SWISS dovrebbero avere la nuova classe di sedili installata entro la fine di giugno. SWISS ha anche introdotto il nuovo concetto innovativo di cabina “Airspace” per la sua flotta della famiglia Airbus A320neo. La nuova cabina offre ai clienti un’esperienza di viaggio aereo tangibilmente migliorata, non da ultimo attraverso il suo maggiore comfort di seduta.

Anche SWISS prosegue il suo percorso di sostenibilità verso il volo a emissioni zero. La compagnia sarà la prima compagnia aerea passeggeri al mondo ad adottare l’innovativa tecnologia aeronautica AeroSHARK, che dovrebbe ridurre le emissioni annuali di anidride carbonica di SWISS fino a 15.200 tonnellate. Il primo aereo SWISS dovrebbe avere la speciale pellicola AeroSHARK applicata nei prossimi mesi. SWISS e il gruppo Lufthansa hanno inoltre avviato una partnership strategica con Synhelion per immettere sul mercato i combustibili solari. SWISS sarà la prima compagnia aerea al mondo a utilizzare il carburante solare-liquido a emissioni zero di CO2.

Garantire la massima stabilità operativa rimarrà anche una delle priorità chiave di SWISS per il resto dell’anno.

Il CEO Dieter Vranckx conclude: “Nonostante le numerose incertezze che caratterizzano ancora i nostri mercati, siamo ben attrezzati e ben posizionati in SWISS per mantenere il nostro posto come una delle principali compagnie aeree europee”.

1Esclusa Edelweiss Air

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.