ATR apre la strada alla prossima generazione del suo velivolo più venduto

il

La famiglia ATR ‘EVO’ per essere ancora più economica e sostenibile

ATR, leader mondiale nell’aviazione regionale, ha annunciato oggi i suoi piani per la prossima generazione della sua famiglia di aerei regionali più venduta entro il 2030, l’ATR “EVO”.

Il piano prevede caratteristiche di progettazione avanzate e un nuovo propulsore con capacità ibrida per offrire ai clienti la prossima generazione di velivoli ATR. Comprenderà tecnologie innovative per consentire miglioramenti significativi in ​​termini di prestazioni, economia e sostenibilità. Incorporando un nuovo eco-design che include nuove eliche e cabina e sistemi migliorati, rimarrà un turboelica bimotore che può essere alimentato al 100% da carburante per aviazione sostenibile (SAF).

Stefano Bortoli, CEO di ATR, ha dichiarato: “La nostra prossima generazione di aeromobili sarà un passo avanti nel volo responsabile attraverso un’ulteriore innovazione incrementale. Quando entrerà nel mercato, il nuovo ATR ‘EVO’ aprirà la strada a un futuro decarbonizzato per l’aviazione. I vantaggi principali includono un miglioramento complessivo del carburante del 20% e una compatibilità SAF del 100%. Ciò significa che l’aereo emetterà oltre il 50% in meno di CO2 rispetto a un jet regionale alimentato a cherosene. Quando si utilizza il 100% di SAF, le sue emissioni saranno vicine allo zero”.

Fabrice Vautier, ATR SVP Commercial, ha dichiarato: “L’ATR ‘EVO’ sarà ancora più economico, con risparmi sui costi operativi a doppia cifra ottenuti in particolare attraverso il 20% in meno di consumo di carburante e il 20% in meno di costi di manutenzione complessivi. Ciò significa che le compagnie aeree possono servire rotte sottili in modo più redditizio e le comunità possono beneficiare di maggiore connettività, servizi più essenziali e maggiore sviluppo economico. Il nostro obiettivo è continuare a offrire ai clienti e alla società un trasporto aereo sempre più inclusivo e responsabile”.

Stéphane Viala, ATR SVP Engineering, ha aggiunto: “Abbiamo inviato una richiesta di informazioni ai principali produttori di motori per lo sviluppo del nuovo propulsore che unirà la tecnologia dei motori di generazione esistente e futura. L’ATR “EVO” sarà caratterizzato da prestazioni migliorate in termini di tempo di salita e una cabina migliorata, con un maggiore utilizzo di materiali di origine biologica più leggeri. La riciclabilità sarà anche al centro del nostro nuovo design”.

Nei prossimi mesi, ATR lavorerà con compagnie aeree, produttori di motori e fornitori di sistemi, con l’obiettivo di lanciare il programma entro il 2023.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.