Qantas: i sindacati chiedono la testa del CEO Alan Joyce per le sue ultime dichiarazioni

il

Non e’ andato per il sottile il segretario del TWU – Transport Workers Union nei confronti del CEO di Qantas Alan Joyce per le sue ultime dichiarazioni sulla situazione del trasporto aereo in Australia.

Il segretario Michael Kaine si e’ scagliato contro Joyce per un suo video inviato ai clienti via email nel quale spiega di aver assunto 1500 persone nel settore del l’handling da aprile scorso , ma che a pari passo ha visto la necessità di adeguare i turni a causa dell’aumento delle richieste di malattia provenienti da quel settore anche del 50%.

Joyce offre ai clienti un buono da 50$ come gesto di riparazione per la situazione di disagi creati nei ritardi dei voli, problemi con la consegna dei bagagli, abbassando notevolmente in generale il livello di experience con Qantas.

Un articolo che parla della situazione e’ al link:

Il dito puntato di Kaine a Joyce e al Governo di Camberra punta a chiedere una commissione e non che sia Joyce a decidere dei cieli australiani.

Kaine ricorda c’è a questa situazione ci si e’ arrivato per i licenziamenti avvenuti nel periodo della pandemia e per l’utilizzo di migliaia di lavoratori di altre società in outsourcing per Qantas.

Kaine su Twitter dice che e’ ra di farla finita con la condotta illegale e dittatoriale del management di Qantas. “Presto noi cambieremo questo stato di cose potremo riprendere la ripresa di un buon servizio e buone condizioni di lavoro per la linea aerea a suo tempo chiamata The Spirit of Australia”.

Dal lato dei tecnici della manutenzione degli aerei, essi si fermeranno per un minuto alla fine di agosto in segno di protesta. I lavoratori di ALAEA-Australian Licensed Aircraft Engineers Association chiedono il 12% di incremento degli stipendi a fronte di anni di mancato adeguamenti.

Qantas ha perso 1,2 miliardi di AUS$ nel semestre 2022 a causa dei danni causati dai lockdown multipli a causa del covid-19 e dall’aumento delle malattie. Il rateo di cancellazioni tra giugno e luglio e’ diminuito dal 8,1 al 6,5%.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.