Etihad Airways opera il suo primo volo “net-zero”.

il

Etihad Airways, in collaborazione con World Energy, ha operato il primo volo net-zero* alimentato interamente da Sustainable Aviation Fuel (SAF) Book & Claim e riduzioni dirette delle emissioni. Il servizio è stato anche il primo volo transatlantico operato da Etihad a utilizzare la tecnologia di riduzione delle scie fornita da SATAVIA.

Utilizzando una combinazione di carburante per aviazione sostenibile ed efficienze operative, il volo net-zero ha ridotto le emissioni di CO2 di 250 tonnellate. Ciò è stato ottenuto spostando circa 26.000 galloni di carburante per jet a base di petrolio attraverso l’uso di galloni netti equivalenti a zero del SAF di World Energy all’aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX).

Il servizio da Washington Dulles ad Abu Dhabi era originariamente previsto per volare con una miscela fisica di carburante SAF e Jet-A1 via Sharm El Sheikh per consegnare i delegati alla COP27. Tuttavia, le sfide inerenti alle attuali normative, politiche, infrastrutture e forniture SAF globali hanno reso questa ambizione contraddittoria e avrebbero ridotto significativamente i benefici climatici.

Le sfide principali da superare erano il costo, la disponibilità e l’accesso a SAF, le cui attuali infrastrutture e capacità di consegna avrebbero richiesto il trasporto del carburante dalla California a Washington DC tramite cisterna, a un costo aggiuntivo di carbonio e finanziario. Inoltre, il SAF può essere miscelato con carburante per aerei convenzionale solo fino al 50 percento, il che significa che l’unica opzione odierna per affrontare il restante 50 percento e qualsiasi emissione residua è attraverso un sistema Book & Claim.

Il volo ha raggiunto l’obiettivo di Etihad e World Energy di dimostrare che l’aviazione net-zero è possibile utilizzando SAF Book & Claim e sussidi governativi, nonché altre compensazioni finanziarie, come soluzione provvisoria fino a quando la fornitura, i costi e l’infrastruttura globale per la consegna SAF non saranno disponibili.

Attraverso il sistema Book & Claim, Etihad ha raggiunto il suo obiettivo net-zero acquistando SAF per il volo. Tuttavia, nessuno dei SAF acquistati è stato utilizzato dall’aereo effettivo. Il SAF, acquistato da Etihad, è stato consegnato da World Energy a LAX, aggiunto ai principali serbatoi di rifornimento di carburante dell’aeroporto e venduto come carburante per aerei convenzionale. Gli attributi SAF, compresa la sua dichiarazione di riduzione delle emissioni, sono invece registrati nel registro RSB (Roundtable on Sustainable Biomaterials) Book & Claim, seguendo le solide procedure delineate nel RSB Book & Claim Manual[1] – una serie di requisiti sviluppati in collaborazione con esperti del settore e dell’ambiente a livello globale che definisce come trasferire SAF tramite Book & Claim in modo credibile e solido, accelerando in modo significativo lo spostamento dei fossili e la decarbonizzazione settoriale. World Energy ed Etihad sono partecipanti pilota al programma RSB Book & Claim e anche il SAF utilizzato è certificato rispetto allo standard di sostenibilità best-in-class di RSB.

Inoltre, il servizio è stato anche il primo volo transatlantico operato da Etihad a utilizzare la tecnologia di riduzione delle scie di condensazione fornita dalla società aerospaziale verde con sede nel Regno Unito SATAVIA. Le scie di condensazione degli aerei causano il riscaldamento della superficie responsabile fino al 60 percento dell’impronta climatica complessiva dell’aviazione. Fino a poco tempo fa, le sfide tecniche rendevano difficile o impossibile la prevenzione delle scie di condensazione, ma la piattaforma DECISIONX:NETZERO di SATAVIA consente l’ottimizzazione del piano di volo per la prevenzione delle scie di condensazione oltre all’analisi dell’impatto climatico post-volo.

Il sistema Book & Claim è un metodo efficiente per ottenere riduzioni delle emissioni di carbonio nel settore dell’aviazione e compiere progressi significativi verso il raggiungimento degli obiettivi climatici. Tutte le parti vedono Book & Claim come una soluzione necessaria per sbloccare i clienti finali aziendali che sono disposti a impegnare le risorse e far crescere la domanda SAF, al di là di ciò che le sole compagnie aeree possono sostenere finanziariamente. SAF è già riconosciuto da SBTi come valida azione di mitigazione delle emissioni del trasporto aereo. Il sistema Book & Claim di RSB contribuirà a dimostrare agli organismi volontari di contabilità dei gas a effetto serra che l’acquisto del SAF tramite Book & Claim può essere effettuato in modo solido e credibile, accelerando in modo significativo lo spostamento dei combustibili fossili e la decarbonizzazione settoriale.

Il volo net-zero è l’ultimo di una serie di test “EcoFlight” da quando Etihad ha lanciato il suo programma Greenliner nel 2020, ognuno testando e dimostrando una serie di concetti.

*Il volo è net-zero anziché “Carbon Neutral” in quanto sta ottenendo più che compensare le sue emissioni di CO2. Per classificare questo volo come net-zero, Etihad sta dimostrando le massime operazioni di riduzione delle emissioni dirette possibili in assoluto. Questo include (ma non è limitato a):

Acquisto di SAF tramite Book & Claim per coprire l’intero consumo di carburante di volo, comprese tutte le emissioni residue
Utilizzando la sua flotta Etihad Greenliner – il Boeing 787 – con un’efficienza del carburante competitiva per passeggero
Massimizzare e garantire fattori di carico merci e passeggeri per mantenere l’efficienza
Lavaggio del motore pre-volo e pulizia dell’aeromobile per l’aerodinamica e l’efficienza del motore Pianificazione di volo intensiva e instradamento diretto, compresa la discesa continua, l’utilizzo ridotto dell’unità di potenza ausiliaria (APU) e il rullaggio con motore singolo
Attività di prevenzione delle scie con SATAVIA per ridurre l’impatto climatico non CO2
Servizio in volo per ridurre la produzione di rifiuti e i rifiuti di Scope 3 a impatti di CO2
In altre notizie, Etihad Airways e Garuda Indonesia stanno rafforzando la loro partnership tra Abu Dhabi e Jakarta e oltre i rispettivi hub.

L’ambito dell’accordo di codeshare dei partner, firmato per la prima volta nel 2012, sarà notevolmente ampliato fino a quasi raddoppiare il numero di destinazioni combinate che Etihad e Garuda sono in grado di offrire oltre agli hub di Abu Dhabi e Jakarta, con 42 destinazioni nell’arcipelago indonesiano, nel sud L’Asia orientale, il Medio Oriente, gli Stati Uniti e l’Europa sono ora coperti dall’accordo.

Inoltre, i partner offrono opportunità reciproche di accumulo e riscatto di miglia ai membri di Etihad Guest e GarudaMiles attraverso le reti di entrambe le compagnie aeree e coinvolgeranno ulteriormente entrambe le basi di membri attraverso attività di marketing congiunte.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.