Unifly Express! Una delle piu’ brillanti livree italiane del passato

il

Se qualche giorno fa abbiamo avuto modo di attendere con eccitazione la nuova livrea di Air Dolomiti, risultata poi un oscenità. Quindi che avremmo dovuto dire di questa dell’Unifly Express quando i computer si usavano per un po’ di videoscrittura oggi considerabile come essere ai tempi dei Flinstones!

Unifly Express nasce dal fatto che il Dott. Paolinelli rileva Unifly con F28/1000 e qualche executive per il tramite della sua holding SEMA Eurofinance. Dai due Fokker 28 I-TIAP/TIBB presi dalla Braathens SAFE con la livrea basica norvegese caratterizzana da  una striscia rossa sulla fusoliera, nel settembre 1987 ordinarono due MD83 con consegna nel 1991.  Ma tutto fu anticipato nel maggio 1988 con due MD82 EI-BTX/Y,  i due -83 EI-BTU/V arrivarono nel luglio 1988.

La livrea era già stata adottata da due DC9/15CF Cargo marche I-TIAN/R arrivati due mesi prima.

Nell’inverno 1988-9 i due MD82 andarono a Germanwings, un vettore low cost tedesco, senza affinità con la compagnia a basso costo di Lufthansa.

Ma nei primi mesi del 1990 la compagnia aveva accumulato molte perdite ed uno in fila all’altro gli MD80 furono restituiti ai lessor. L’estate 1991 sembrava eseee operata con 4 B727-200 e due DC9/32, questi ultimi verniciati in America nella brillante livrea rossa. Mai vennero consegnati.

I due DC9/15 furono poi ceduti a Fortune Aviation, poi operati da Noman e quindi da AirOne.

Ha sempre operato voli charter per conto di tour operator italiani ed esteri volando verso Spagna, Marocco, Tunisia, Grecia, Turchia principalmente. Effettuo’ una catena charter nel 1989 anche da Milano Malpensa a Male via un fuel stop negli Emirati Arabi Uniti. Oltre a Malpensa gli aerei erano basati a Bologna, Verona e Roma.

Nel 1989 Paolinelli diede vita a LAS – Linee Aeree Siciliane che utilizzava gli aerei di Unifly Express, ma l’idea era iniziare voli low cost tra la Sicilia ed il Nord Italia. Molto propagandata sui quotidiana, difettava del fatto che allora le rotte nazionali erano date in concessione ad un solo operatore. L’allora Civilavia segnalo’ questo diffidando le vendite che di fatto poi portò al blocco di questi voli. Non vi fu mai un aereo verniciato LAS, la colorazione sui modelli era la medesima come schema con il titolo in oro e la trinacria in coda.

La foto e’ di Lucio Alfieri, ripresa a Bologna.

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.