Il 2019, un anno impegnativo per Brussels Airlines segnato da una nuova direzione strategica e dall’introduzione del piano di turnaround “Reboot”

il

2019, a challenging year for Brussels Airlines marked by a new strategic direction and the roll-out of the turnaround plan “Reboot”

Decisione relativa a una più stretta integrazione di Brussels Airlines nella Lufthansa Group Network Airlines.
Introduzione del piano di turnaround “Reboot” con un margine EBIT dell’8% a partire dal 2022.
Investimenti strategici nella flotta a lungo raggio del vettore e nella cabina a lungo raggio.
I venti contrari come il fallimento di Thomas Cook in Belgio, hanno gravemente influenzato i risultati finanziari della compagnia aerea.
EBIT rettificato di -25,9 milioni di euro e risultato netto di -40,6 milioni di euro (standard IFRS)
1,6 miliardi di euro di ricavi e 1,7% di crescita passeggeri.
La diffusione del coronavirus e i divieti di volo associati costringono Brussels Airlines a sospendere temporaneamente tutti i suoi voli.
In un ambiente estremamente impegnativo, Brussels Airlines chiude l’esercizio 2019 con una perdita di 40,6 milioni di Euro e un EBIT rettificato di -25,9 milioni di Euro (standard IFRS). La compagnia aerea belga ha registrato una crescita dei passeggeri dell’1,7%, raggiungendo un numero totale di passeggeri di 10,2 milioni. Il fattore di carico medio del sedile nel 2019 è stato appena sopra l’81% (+0,52 P.p. rispetto al 2018), mentre il numero di voli operati è rimasto stabile rispetto all’anno precedente (+ 0,1%).

I risultati finanziari di Brussels Airlines sono stati in gran parte influenzati dal fallimento di Thomas Cook Belgio nel settembre dello scorso anno, così come dagli scioperi dell’ATC in Belgio e all’estero, con un impatto negativo di oltre 12 milioni di euro sulla linea di fondo della compagnia aerea. Inoltre, gli elevati costi del carburante comportano un onere aggiuntivo per i risultati finanziari dell’azienda di 14 milioni di euro.

 

Traguardi strategici del 2019.

Per armonizzare ulteriormente la sua flotta e ridurre la sua impronta di CO2, Brussels Airlines, con l’aiuto del gruppo Lufthansa, ha investito 140 milioni di euro in nuovi aerei a lungo raggio e cabine a lungo raggio.

A livello di posizionamento all’interno del Gruppo Lufthansa, la compagnia aerea ha lasciato il Gruppo Eurowings per inserirsi più da vicino nella Lufthansa Group Network Airlines. Parallelamente, Brussels Airlines ha avviato il lancio del suo programma di turnaround “Reboot” che ha come obiettivo un margine EBIT dell’8% a partire dal 2022, riducendo i costi complessivi, rivedendo i processi per aumentare l’efficienza e ridisegnando la propria rete.

Reboot: raggiungi un futuro strutturalmente sostenibile per l’azienda a partire dal 2022.

In un contesto di mercato molto competitivo e dopo molti anni di crescita ma insufficiente redditività, lo scorso anno Brussels Airlines ha deciso di riorientarsi e di avviare il lancio del suo piano di turnaround chiamato Reboot.

“Il nome Reboot non è stato scelto a caso. Non si tratta solo di un altro programma di riduzione dei costi, ma di un piano di inversione di tendenza che, oltre a lavorare sulla struttura generale dei costi, si concentra anche sulla semplificazione radicale del nostro modo di lavorare, un’organizzazione più snella e una rete riprogettata. Ci siamo posti un obiettivo ambizioso, ma realistico, di una redditività strutturale a partire dal 2022 e questo per essere in grado di alimentare il nostro futuro. ”

– Dieter Vranckx, CEO di Brussels Airlines –

Un team di riavvio dedicato sta lavorando su oltre 100 progetti che affrontano argomenti quali produttività, aumento dell’efficienza, ottimizzazione dei costi, revisione della rete e integrazione nella Lufthansa Group Network Airlines.

 

Coronavirus – Conseguenze della diffusione mondiale

La diffusione del coronavirus e i divieti di volo associati, nonché altre misure restrittive del traffico aereo, imposte da molti paesi in tutto il mondo, hanno avuto un impatto grave e negativo sugli orari dei voli di Brussels Airlines e hanno costretto la compagnia aerea ad annunciare la sospensione temporanea delle sue operazioni di volo di linea per quattro settimane dal 21 marzo 2020.

La compagnia aerea belga mantiene tuttavia disponibile una capacità di volo minima per i voli di rimpatrio, su richiesta del governo belga.

“Abbiamo visto molte crisi nella storia della nostra compagnia, ma l’attuale crisi del Coronavirus non ha mai avuto un impatto mai visto prima su Brussels Airlines. Non solo in termini di cancellazioni e prenotazioni in entrata, ma anche il tasso di mancata presentazione ha subito un’accelerazione, raggiungendo oltre il 30% per l’Europa e il Nord-Atlantico. Inoltre, a causa delle numerose restrizioni di viaggio, siamo stati obbligati ad adattare continuamente la nostra offerta, rendendo purtroppo molto difficile per noi offrire ai nostri ospiti il ​​servizio a cui sono abituati, nonostante il supporto esemplare e l’assistenza continua dei nostri dipendenti per i nostri ospiti.”

– Dieter Vranckx, CEO di Brussels Airlines –

 

Coronavirus – Misure economiche per ridurre l’impatto finanziario negativo

Come datore di lavoro responsabile, Brussels Airlines ha adottato misure rapide per ridurre l’impatto finanziario negativo sull’azienda. Accanto all’attuazione per l’intera compagnia aerea un regime di disoccupazione tecnica temporanea del 30% tra il 16 marzo e il 20 marzo, Brussels Airlines ha deciso di estendere questa misura, in linea con la sospensione temporanea di tutti i suoi voli, al 100%. Verranno fatte alcune eccezioni alla disoccupazione temporanea completa per coprire i voli di rimpatrio e organizzare il riavvio delle operazioni.

Il consiglio di amministrazione di Brussels Airlines ha deciso, insieme al consiglio di amministrazione allargato, di ridurre lo stipendio per i prossimi sei mesi rispettivamente del 20% e del 15%.

“Circostanze eccezionali, purtroppo richiedono misure eccezionali. È nostro dovere agire come società responsabile e ridurre al massimo l’impatto finanziario sulla nostra compagnia aerea al fine di uscire da questa crisi nel miglior modo possibile “.

– Dieter Vranckx, CEO di Brussels Airlines –

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.