Lufthansa e il suo futuro da Carsten Spohr. Blocca a terra 14 A380

il

Il CEO di Lufthansa delinea il futuro,

ferma i suoi 14 Airbus A380A causa della continua crisi del coronavirus, Lufthansa deve ancora incrementare l’annullamento del numero di voli.

Numerosi collegamenti aerei sono attualmente mantenuti nell’ambito di un programma di volo speciale all’interno dell’Europa e da / per le Americhe, l’Asia e l’Africa.

Il 5 maggio il presidente e CEO Carsten Spohr si rivolgerà all’assemblea annuale degli azionisti.

Deutsche Lufthansa AG ha pubblicato in anticipo il discorso del suo Presidente e CEO Carsten Spohr per l’Assemblea Generale Annuale 2020. Ciò offre agli azionisti un’ulteriore opportunità per prepararsi alla 67a Assemblea Generale Annuale di Lufthansa, che si terrà praticamente per la prima volta quest’anno a causa della pandemia di Corona.

Assemblea generale annuale della Deutsche Lufthansa AG

Discorso del presidente e CEO Carsten Spohr

5 maggio 2020 (virtuale)
Lufthansa Aviation Center, Francoforte

Cari azionisti,

Anch’io porgo un caloroso benvenuto alla prima assemblea generale annuale virtuale della Deutsche Lufthansa AG.

Vi diamo conto dalla sede del nostro gruppo presso il Lufthansa Aviation Center di Francoforte. Ovviamente avrei preferito dare il benvenuto a tutti voi personalmente alla Jahrhunderthalle di Francoforte e rispondere alle vostre domande di persona; tuttavia, la Corona Crisis ha ancora una presa salda su tutti noi e nessuno può dirlo con certezza per quanto ancora.

La clip con cui abbiamo aperto l’incontro mostra ancora il “vecchio” mondo Lufthansa – e il mondo prima del Corona. È stato prodotto all’inizio di quest’anno e ora, solo pochi mesi dopo, ci troviamo nel bel mezzo della più grave crisi economica mondiale dal 1930. Ancora una volta, il trasporto aereo è influenzato in modo sproporzionato.

Abbiamo deciso di aprire comunque il nostro incontro generale annuale con la clip, perché riflette il fascino del nostro settore e della nostra azienda e mostra dove un giorno vogliamo tornare.

È l’obiettivo per il quale stiamo combattendo instancabilmente in questi tempi difficili: il futuro di Lufthansa.

Il trasporto aereo globale sta attualmente attraversando la peggiore crisi di sempre. Quasi tutti i paesi hanno imposto divieti d’ingresso e restrizioni e, di conseguenza, la nostra azienda, la mia compagnia, miei cari azionisti, si trova anche in uno stato di emergenza, senza colpa propria.

Dopo molti anni difficili di modernizzazione, abbiamo registrato i migliori risultati nella storia della nostra azienda, per tre anni consecutivi.

Ora, tutti i nostri sforzi sono minacciati da un singolo evento globale. Nessuno avrebbe mai potuto prevedere questo risultato. A Lufthansa, siamo provati e testati quando si tratta di catastrofi naturali, epidemie e conseguenze della guerra e del terrore. La gestione delle crisi fa parte della nostra attività e desidero inviare un ringraziamento molto speciale al nostro team dello staff Lufthansa, che ha reso di nuovo possibile tutto ciò con il loro

 

Professionalità al 100% nelle ultime settimane. Siamo stati tra le prime compagnie aeree al mondo a ridurre rapidamente il nostro programma e a chiudere la nostra rete, offrendo allo stesso tempo le nostre capacità di carico per mantenere l’infrastruttura. Molti di noi sono volontari e coinvolti in attività sociali durante la crisi. Tuttavia, ciò non cambia il fatto che nessuno di noi abbia mai sperimentato una crisi di questa portata prima di ora.

Attualmente stiamo affrontando la più grande sfida della nostra storia recente.

Stiamo lottando per il futuro di questa azienda e il futuro dei circa 130.000 dipendenti del Gruppo Lufthansa. Stiamo facendo tutto il possibile per mantenere il maggior numero possibile di persone a bordo.

Ciò non vale solo per i nostri dipendenti, ma anche per i nostri clienti e voi miei cari azionisti. La tua fiducia e lealtà sono ancora più importanti per noi in questi tempi difficili.

Signore e signori,

Siamo consapevoli del fatto che i buoni risultati dell’esercizio passato debbano ora passare in secondo piano, ma vorrei comunque fornire un breve riassunto delle cifre chiave:

 Nonostante i forti venti contrari, il nostro EBIT rettificato si è attestato a 2 miliardi di euro: questo è il nostro indicatore chiave di performance per il successo economico.
 Abbiamo aumentato le nostre entrate a 36,4 miliardi di euro, la cifra più alta nella storia della nostra azienda.
 Abbiamo investito più che mai: 3,6 miliardi di euro. La maggior parte è fluita nella modernizzazione della nostra flotta e, come sapete, l’acquisizione di aeromobili a basso consumo di carburante è sempre anche un investimento nella protezione del nostro ambiente.
 Allo stesso tempo, abbiamo anche continuato a ridurre i costi unitari.
 Siamo rimasti molto soddisfatti del feedback dei nostri clienti: 145 milioni i passeggeri hanno volato con le compagnie aeree del nostro gruppo l’anno scorso.

Ciò rappresenta un altro record: circa 350.000 passeggeri hanno scelto di volare con le nostre compagnie aeree ogni giorno.

Al momento, stiamo volando con solo circa 3.000 passeggeri al giorno.

In termini di orario dei voli, la nostra compagnia è tornata indietro nel tempo a quando è iniziata nel 1955 – un decennio dopo la seconda guerra mondiale e in seguito a un divieto di 10 anni sui voli.

Per 65 anni – e attraverso molte crisi – abbiamo costruito questa azienda sulle basi dei nostri antenati, trasformando Lufthansa nel no. 1 in Europa e una compagnia aerea che è stata tra le migliori al mondo per molti anni.

In meno di 65 giorni, siamo tornati ai livelli di 65 anni fa in termini di volume del traffico aereo.

È estremamente amaro, devastante e doloroso.

Cio’ nonostante, guardiamo al futuro con ottimismo a Lufthansa. Gli anni investiti nella modernizzazione della nostra azienda stanno dando i loro frutti e abbiamo dimostrato che il nostro modello di business è sostenibile. Abbiamo gestito la nostra azienda molto bene e grazie ai nostri ottimi risultati, la tua azienda si trovava su solide basi, finanziarie e strutturali, quando la crisi ha colpito. Questo ora ci sta aiutando, ma sappiamo anche che non ce la faremo da soli. Avremo bisogno di aiuto.

Il futuro di Lufthansa è attualmente in fase di decisione.

La domanda è se possiamo evitare i fallimenti con il sostegno dei governi dei nostri quattro paesi di origine.

Si tratta di quanto velocemente saremo in grado di riprenderci dalla crisi in modo da poter ricominciare a crescere autonomamente il prima possibile.

In breve: riguarda il futuro del gruppo Lufthansa.

Abbiamo definito tre fasi per la nostra gestione delle crisi in questa operazione di salvataggio:

La “Fase di messa a terra”: un termine aeronautico che si riferisce all’attuale fase della crisi in cui quasi l’intera flotta deve rimanere a terra.
La “Fase di riavvio”: in cui inizieremo lentamente a intensificare le operazioni.
La “nuova fase normale”: il nostro titolo provvisorio per il periodo successivo alla crisi.
II. Uno stato di emergenza aziendale: le tre fasi della gestione delle crisi 1. La fase di messa a terra

Signore e signori,

Consentitemi di riferire brevemente sulla situazione attuale:

Al fine di proteggere i nostri passeggeri e il nostro personale, abbiamo preso provvedimenti fin dall’inizio della crisi del Coronavirus. Abbiamo ridotto i nostri programmi di volo in modo molto più rapido e deciso rispetto ai nostri concorrenti, anche nel tentativo di ridurre i nostri costi.

Molti considerarono inizialmente queste misure rigorose esagerate. Nessuno, incluso noi, aveva idea di quanto rapidamente e drammaticamente la situazione si sarebbe intensificata.

Da allora il mondo è diventato una grande area di crisi. Non c’è praticamente più viaggi internazionali.

 Attualmente circa 700 velivoli della nostra flotta di circa 760 velivoli sono a terra.
 Abbiamo dovuto cancellare 3.000 voli al giorno.
 Air Dolomiti, Austrian Airlines e Brussels Airlines hanno già terminato tutte le normali operazioni di volo a marzo (per il momento).
 Lufthansa CityLine è l’unica compagnia aerea passeggeri che opera ancora a Monaco

 Per ora, stiamo attualmente effettuando un programma di volo speciale minimo fino al
fine maggio e dovremo “volare ad occhio fino a nuovo avviso”. L’attuale programma è stato essenzialmente dettato dal ritorno degli europei dall’estero.

 I dati attuali sui passeggeri a Lufthansa sono attualmente al massimo all’1% rispetto al livello dell’anno precedente, o in altre parole, abbiamo un calo del 99% nei dati relativi ai passeggeri.
Attualmente esiste solo una forte domanda di trasporto aereo. Oltre a utilizzare l’intera flotta cargo, abbiamo già operato 70 voli cargo con aerei passeggeri. Abbiamo rimosso i sedili da quattro dei nostri A330 per poter trasportare più merci. Altri aerei A330 sono in fase di modifica. Li chiamiamo “Preighters”, una combinazione di aerei passeggeri e cargo.

La situazione è meno “piacevole” per le nostre altre società di servizi. Ora sono stati anche colpiti dalla crisi con qualche ritardo. Lufthansa Technik prevede che il suo carico di lavoro diminuirà del 60% per l’intero anno 2020.
La produzione di pasti a LSG è diminuita del 95%. Un totale di 23 strutture sono state chiuse fino a nuovo avviso.

Il bilancio economico intermedio:

 Non abbiamo praticamente guadagni.
 Tuttavia, i costi per il personale, il materiale, l’affitto o la copertura del carburante continuano.
 Dopo tre anni da record, attualmente stiamo perdendo circa un milione di euro riserve di liquidità all’ora nelle sole operazioni.

È stata quindi la nostra massima priorità dall’inizio della crisi per ridurre i costi e garantire la liquidità.

La liquidità del Gruppo è attualmente ancora superiore a 4 miliardi di euro, il che ci mette in una posizione relativamente buona. Lo dobbiamo soprattutto alle nostre efficaci misure di finanziamento, alla riduzione dei costi e alla rigorosa gestione della liquidità.
Abbiamo dovuto prendere decisioni aspre al fine di ridurre la perdita del nostro denaro in mano. Uno di questi ti riguarda, miei cari azionisti.

Sfortunatamente non saremo in grado di proporre un dividendo all’Assemblea Generale Annuale per l’anno di successo 2019 che ci sta dietro. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno già segnalato la loro comprensione di questa misura a me e ai miei colleghi nelle ultime settimane.
Tuttavia, questa misura da sola non sarà naturalmente sufficiente. Tutte le parti interessate e tutti i gruppi di interesse dovranno dare un contributo in questa crisi che sta minacciando la loro stessa esistenza.

L’Organismo di Vigilanza, il Consiglio Direttivo e l’Alta Direzione della vostra azienda hanno volontariamente accettato di rinunciare a parte della retribuzione di base.
Al momento oltre 80.000 dipendenti del gruppo Lufthansa hanno orari di lavoro ridotti. Per favore, credimi quando ti dico che ciò non danneggia solo le persone colpite. Ci colpisce duramente. Tuttavia, è un contributo indispensabile per garantire la nostra liquidità. Attualmente stiamo aumentando l’indennità legale di breve durata in Germania fino al 90%. Tuttavia, saremo in grado di farlo solo per un tempo limitato. Stiamo già negoziando con i nostri partner delle relazioni sindacali su nuove modalità.

Chiediamo anche a molti dei nostri clienti, soprattutto, pazienza. La maggior parte dei paesi europei supporta la soluzione di voucher temporaneo per i biglietti cancellati. L’UE non è stata tuttavia ancora in grado di concordare un simile regolamento. Potrebbe mettere in pericolo l’intero settore dei viaggi se dovessimo rimborsare immediatamente i contanti nella fase attuale. Inoltre, i nostri centri clienti e processi non sono progettati per una tale moltitudine di rimborsi. Pertanto chiediamo anche ai nostri clienti la loro comprensione.

Stiamo anche negoziando con i produttori di aeromobili per quanto riguarda il rinvio delle consegne di aeromobili perché non saremo in grado di tornare alle dimensioni della nostra vecchia flotta per un periodo indefinito.

E stiamo anche negoziando con gli aeroporti, i controllori del traffico aereo e il settore pubblico su un’equa distribuzione dei costi. In particolare, riducendo le tasse o differendo le tasse e i contributi previdenziali.

Tuttavia, sappiamo anche che tutti questi contributi combinati non si avvicinano nemmeno alla compensazione della mancanza di reddito. La nostra liquidità continuerà a diminuire nelle prossime settimane – in modo significativo.

Allo stesso tempo, dobbiamo almeno mantenere un’infrastruttura critica negli aeroporti e nel controllo del traffico aereo tedesco. Questo è l’unico modo in cui possiamo dare un contributo importante alla società e al mantenimento della salute e della sicurezza della popolazione.
Questo è ciò che ci si aspetta da noi, anche se ha poco senso dal punto di vista commerciale. Abbiamo sempre assunto la responsabilità e lo stiamo facendo anche adesso – per convinzione. Siamo lieti di poterti aiutare. Siamo felici di mostrare quanto sia prezioso il nostro lavoro e quanto sia importante il trasporto aereo:

 Basti pensare alle centinaia di voli di rimpatrio: abbiamo portato a casa quasi 100.000 persone, con 9 voli speciali dalla sola Nuova Zelanda.
 Abbiamo trasportato 3.500 operai del raccolto in Germania con Eurowings e sono previsti altri 90 voli.
 Stiamo effettuando voli cargo per rifornire ospedali e strutture di cura di dispositivi di protezione individuale medica, inclusi 150 milioni di maschere protettive.
 Abbiamo rilasciato personale con formazione medica in modo che possano andare e aiutare nel sistema sanitario.
Vogliamo fornire aiuto e supporto e agire laddove possibile, anche attraverso il lavoro della nostra organizzazione di aiuto, l’alleanza di aiuto. Ora è più importante che mai con i più poveri tra i poveri che ora affrontano amarezza e disperazione a causa del Coronavirus. Molte persone non hanno più alcun reddito e non possono comprare nulla da mangiare. E come possono le persone attenersi alle norme igieniche in luoghi dove persino bere l’acqua è scarsa? Il virus Corona ci presenta sfide umanitarie completamente nuove.

Grazie a tutti i colleghi che stanno aiutando, fornendo supporto e facendo un lavoro così straordinario in questi tempi difficili.

2. Restart – RecoveryPhase

Signore e signori,

Nessuno sa ancora quando saremo in grado di decollare di nuovo.

Ci aspettiamo che parte della nostra flotta trascorra l’estate a terra e speriamo in un corretto riavvio in autunno al più presto. Tuttavia, sarà una fase di avvio molto lenta e prevediamo che la domanda globale troverà il suo nuovo saldo solo nel 2023. Sarà nuova perché sarà un bilancio a un livello inferiore.

Questo è ciò su cui si basano la pianificazione e le strategie attuali. Non vogliamo solo essere migliori degli altri durante la crisi; vogliamo anche essere migliori dopo la crisi.

Stiamo anche lavorando al riallineamento strutturale per uscire da questa crisi più forte. Stiamo sfruttando il tempo per posizionarci in modo competitivo per il futuro.

Stiamo programmando con un gruppo Lufthansa significativamente più piccolo. Abbiamo già deciso i primi passi in questa direzione ad aprile:

 Tutte le compagnie aeree del gruppo Lufthansa saranno ridimensionate. Gli aeromobili più vecchi e meno ecologici saranno eliminati gradualmente dalla flotta prima del previsto.
 La flotta dell’A340-600 sarà temporaneamente ritirata.
 10 Airbus A320 saranno rimossi dalla flotta Eurowings.
 I programmi di ristrutturazione in corso presso Austrian Airlines e Bruxelles
Le compagnie aeree saranno intensificate. Entrambe le compagnie aeree ridurranno anche le dimensioni della loro flotta

in questo contesto.

 Le operazioni di volo Germanwings termineranno due anni prima
pianificato. In futuro, voleremo con un massimo di 10 compagnie aeree.

 Continueremo a raggruppare ed espandere il nostro segmento turistico quando avverrà il riavvio. Lo stavamo già facendo prima della crisi e ce ne sarà uno più grande aumento della domanda qui rispetto ai viaggi d’affari dopo la crisi. Nell’ambito di questo processo, uniremo le quattro compagnie aeree che hanno operato le nostre rotte a lungo raggio Eurowings in un’unica nuova compagnia aerea turistica.

 Anche Eurowings Europe verrà riallineato.
 Inoltre, prevediamo di ridurre i costi unitari di tutte le nostre aziende del doppio come inizialmente previsto: del 2–4% all’anno invece del precedente 1–2%.

Questo per quanto riguarda le misure strutturali.

Per realizzare un riavvio riuscito, dobbiamo soprattutto riconquistare i nostri clienti e rafforzare la fiducia. Le misure di igiene e le precauzioni di sicurezza che circondano il volo svolgeranno un ruolo centrale qui. Abbiamo già sviluppato un catalogo di misure per ridurre al minimo il rischio di infezione o l’introduzione del Coronavirus. Vorremmo proteggere i nostri passeggeri ed equipaggi nel miglior modo possibile.

3. La nuova normalità post-crisi

Signore e signori,

Il livello di complessità che circonda tutte queste misure è estremamente elevato.

Da un lato, abbiamo incertezza su quando si possano riprendere le operazioni e allo stesso tempo dobbiamo tenere conto delle dimensioni del diritto societario, ovvero potrebbero esserci diversi modelli di supporto governativo nei rispettivi mercati nazionali del Gruppo Lufthansa.

Stiamo discutendo intensamente con il governo federale e la KFW sul supporto di liquidità per la nostra azienda. Inoltre, stiamo anche negoziando con i governi di Austria e Belgio per ottenere aiuti per Austrian Airlines e Brussels Airlines. Nel caso di Swiss ed Edelweiss abbiamo già ricevuto assicurazioni dal governo svizzero per un prestito che sarà garantito in gran parte dallo Stato svizzero. Il pacchetto deve ancora essere approvato dal parlamento, ma è previsto per l’inizio di maggio.

Al momento non stiamo solo discutendo i livelli degli importi necessari, ma stiamo anche negoziando le condizioni e le scadenze relative a quando questo aiuto può essere reso disponibile.

Dobbiamo anche essere competitivi dopo il Coronavirus.

Dobbiamo essere in grado di investire. Soprattutto, continueremo ad aver bisogno di soldi per modernizzare le nostre flotte, anche nell’interesse della protezione dell’ambiente. Tale argomento è attualmente in background; tuttavia, non rimarrà tale. Con l’aumentare del volume dei voli, la discussione sul clima tornerà ad essere molto attuale.

Saremo idonei per il futuro solo se tutte queste condizioni saranno soddisfatte.

O per riassumere usando una breve formula:

la nostra redditività futura è uguale alla nostra competitività e capacità di investimento.

L’aiuto dello Stato non è fine a se stesso.

Lo alleghiamo per chiarire gli obiettivi e ci riteniamo responsabili nei confronti dei contribuenti che rendono possibile questo aiuto:

Per rimanere competitivi, vogliamo tenere uniti il ​​gruppo Lufthansa e il gruppo aereo europeo, qualunque sia lo scenario. Questo è il nostro obiettivo generale.

Se vogliamo competere a livello globale con i tre principali gruppi di compagnie aeree negli Stati Uniti, in Cina e nella regione del Golfo, saremo in grado di farlo solo come gruppo di compagnie aeree europee.

Innanzitutto, non possiamo permetterci di indebitarci pesantemente perché ciò ci paralizzerebbe per anni. Dobbiamo già sviluppare un piano oggi su come rimborsare i prestiti e gli investimenti pubblici il più rapidamente possibile. I nostri politici sono chiamati a garantire che gli aiuti non determinino uno squilibrio nella concorrenza internazionale.

Soprattutto quando i concorrenti negli Stati Uniti o in Cina si stanno ora finanziando sani con il sostegno dello stato.

È ancora più importante ora che la concorrenza internazionale non sia distorta da diversi tipi e ambiti di aiuti di Stato.

Le esperienze degli ultimi anni hanno dimostrato che coloro che non sono competitivi, non potranno farcela a lungo termine, anche con aiuti di Stato.

Fino alla Corona Pandemic, noi come gruppo Lufthansa eravamo competitivi e di successo. Siamo stati colpiti da questa crisi per colpa nostra. Pertanto ora abbiamo bisogno del sostegno del governo, ma non abbiamo bisogno della gestione del governo.

Lufthansa è stata privatizzata con successo nel 1997. Negli ultimi tre anni, abbiamo costantemente generato un risultato operativo di oltre due miliardi di euro. Abbiamo investito importi record ogni anno – in media oltre tre miliardi di euro. Questi erano importi che non avremmo mai osato sognare quando sono entrato a far parte del Consiglio Direttivo del Gruppo Lufthansa 10 anni fa. Abbiamo dimostrato di poterlo fare ed è per questo che per noi è importante preservare la libertà imprenditoriale di decisione e azione del Gruppo Lufthansa.

Attualmente prevediamo che la domanda globale di trasporto aereo non crescerà più in modo così dinamico a lungo termine come negli anni passati. Il comportamento di viaggio delle persone cambierà, sia in termini di tempo libero che di viaggio d’affari. Di conseguenza, il trasporto aereo globale dovrà ristrutturarsi. Prevediamo una trasformazione globale del trasporto aereo e vorremmo continuare a svolgere un ruolo di primo piano con il Gruppo Lufthansa in futuro.

Lufthansa sarà una Lufthansa diversa e più piccola dopo la crisi.

 Ridurremo le dimensioni della nostra flotta di circa 100 aeromobili.
 Di conseguenza, avremo a bordo 10.000 dipendenti in eccesso. Noi no
essere più in grado di escludere il licenziamento del personale per motivi operativi. A meno che non troviamo un modo per tenere il maggior numero possibile di colleghi a bordo utilizzando modelli part-time innovativi e la nostra miscela unica di solidarietà Lufthansa.

III. Outlook / Note di chiusura

Stiamo sentendo la necessità che la nostra Lufthansa continui a esistere nella concorrenza globale da tutte le parti, e dobbiamo e lo faremo. L’importanza di una fornitura di base di voli sta diventando evidente per tutti. Mantenere la nostra infrastruttura europea è di vitale importanza.

Consentitemi di condividere anche alcuni pensieri personali a questo punto. … Oggigiorno sentiamo più volte come viene la salute prima di tutto e ci siamo trovati anche di fronte a una decisione dolorosa al riguardo nel Consiglio Direttivo.

All’inizio di aprile, i colleghi del nostro consiglio direttivo Ulrik Svensson hanno consigliato di smettere immediatamente di lavorare. Inutile dire che abbiamo accettato questa decisione. Per me personalmente, è particolarmente doloroso dover fare a meno di uno dei miei colleghi più cari negli ultimi anni.

Abbiamo ridistribuito le sue funzioni tra i restanti sei membri del Consiglio Direttivo. Caro Ulrik, spero che tu sia in grado di guardare oggi. Ti auguriamo tutto il meglio per la tua salute. Non ti sei mai risparmiato e hai ottenuto così tanto per la nostra Lufthansa. I successi degli ultimi anni sono soprattutto i tuoi successi.

Diciamo GRAZIE.

Signore e signori,

La Lufthansa è sempre stata la nostra strategia per trovare un giusto equilibrio tra tutti

interessi e partner delle parti interessate: tra i nostri clienti, personale e azionisti. Questo stesso equilibrio deve essere anche il nostro obiettivo nella crisi.

Lo sviluppo di entrate e utili nel primo trimestre del 2020 mostra quanto ora abbiamo davvero bisogno di queste soluzioni comuni. Le cifre preliminari mostrano una perdita di 1,2 miliardi di euro da gennaio a marzo e il secondo trimestre sarà ancora peggiore.
Non posso fornirvi una prospettiva per l’intero anno nella situazione attuale. Tutto quello che posso dirti è questo:

Le compagnie aeree sono state le prime al mondo ad essere colpite da questa crisi, sono le più colpite e probabilmente saranno tra le ultime industrie ad emergere dalla crisi.

Tuttavia, resta il nostro obiettivo a Lufthansa di uscire più forte dalla crisi.

Il mio desiderio e quello del nostro personale sono di non dimenticare il contributo positivo del trasporto aereo alla globalizzazione nel quadro della crisi della Corona.

Collegare persone e culture oltre i confini è la nostra missione nella società. È con la più grande convinzione che diciamo SÌ all’Europa e SÌ al mondo. SayYesToEurope – SayYesToTheWorld è sempre stato più di una semplice campagna di marca per noi. Entrambe queste affermazioni rappresentano il nostro atteggiamento. Non dovremmo perdere lo zeitgeist globale e la nostra apertura al mondo a causa di questa crisi. Si tratta di qualcosa di più del successo economico.

Un paio di settimane fa un cliente mi ha scritto: “Per me la libertà non è quando i negozi di ferramenta riaprono in Baviera, ma quando sei a 10.000 km dall’aeroporto di Monaco e senti:” Benvenuto a bordo della Lufthansa ”

Ti prometto che collegheremo di nuovo persone, culture e continenti il ​​prima possibile.

Rimarremo in rotta e faremo di tutto per garantire che la nostra Lufthansa salga di nuovo in cielo.

Siamo riusciti a riavviare 65 anni fa e avremo di nuovo successo. Stiamo combattendo per la nostra azienda, il nostro personale, i nostri clienti e per voi miei cari azionisti, perché siamo convinti che stiamo contribuendo a qualcosa di veramente importante.

Grazie per il vostro sostegno. Resta con noi, meritiamo la tua fiducia e, soprattutto, rimani in salute!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.