KLM prova un sistema di rullaggio assistito ecologicamente sostenibile

il

KLM il 27 maggio ha iniziato a prendere parte a una prova a Schiphol per testare nuovi  modi sostenibili di rullare gli aerei. Il processo è in corso con un Taxibot. Questo è un veicolo di rimorchio ibrido che, a differenza dei normali trattori pushback, è autorizzato a rimorchiare aeromobili completi quasi all’inizio della pista, senza che l’aeromobile debba avviare i suoi motori. Ciò dovrebbe ridurre il consumo di carburante durante il rullaggio dal 50% all’85%. L’aeroporto di Schiphol ha messo il Taxibot a disposizione di KLM, Transavia e Corendon per consentire loro di svolgere ricerche congiunte su modi più sostenibili di rullaggio.

Durante il test, il Taxibot ha trainato un KLM Boeing 737 vuoto sulla pista. “È importante scoprire fino a che punto possiamo ridurre le emissioni di CO2 utilizzando Taxibot”, ha spiegato il project manager di KLM, Jeroen Jaartsveld. “Vorremmo anche sapere quanto tempo impiega il taxi con Taxibot, quale effetto ha sulla manutenzione del motore aeronautico e come potremmo introdurre un taxi sostenibile con Taxibot su larga scala nelle operazioni quotidiane di Schiphol”.

Volare responsabilmente

L’iniziativa di sostenibilità di KLM, Fly Responsible, lanciata lo scorso anno, prevedeva un impegno nella riduzione delle emissioni di carbonio causate dal rullaggio. Ciò contribuirà all’ambizione di KLM di ridurre le emissioni totali di carbonio della sua flotta del 15% rispetto al 2005.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.