IATA: molte compagnie aeree avranno bisogno di aiuti per passare l’inverno. I booking sono al -82%


L’International Air Transport Association (IATA) ha avvertito che l’industria delle compagnie aeree sta affrontando un duro inverno e ha invitato i governi di tutto il mondo a continuare a fornire misure di soccorso mentre la crisi COVID-19 continua.

Le compagnie aeree dovrebbero registrare una perdita di $ 84,3 miliardi nel 2020 e gli aiuti finanziari del governo sono un’ancora di salvezza per molte compagnie aeree. La maggior parte delle compagnie aeree guadagna denaro nella stagione estiva settentrionale, mentre la stagione invernale, anche nei periodi migliori, è una lotta per rimanere redditizia. Ad esempio, il margine di profitto netto del 2019 per le compagnie aeree europee ha seguito il normale andamento stagionale ed era rispettivamente del 9% e del 17% nel secondo e terzo trimestre (estate settentrionale). Ma è iniziato al -1% nel primo trimestre e ha chiuso l’anno al 2% nel quarto trimestre (inverno settentrionale). La stagione invernale sarà ancora più impegnativa in vista della ripresa da COVID-19.

La ricerca dell’opinione pubblica nella prima settimana di giugno 2020 ha mostrato una maggiore cautela tra i viaggiatori nel tornare a viaggiare. Solo il 45% dei viaggiatori intervistati intende rientrare nei cieli entro pochi mesi dalla scomparsa della pandemia. Un ulteriore 36% ha dichiarato che avrebbe aspettato sei mesi. Si tratta di un cambiamento significativo rispetto all’aprile 2020, quando il 61% ha affermato che sarebbe tornato a viaggiare entro pochi mesi dalla scomparsa della pandemia e il 21% ha risposto che avrebbe aspettato circa sei mesi.

I risultati del sondaggio sono confermati dalle tendenze chiave dei passeggeri che dimostrano una continua incertezza del mercato:

Le prenotazioni complessive sono in calo dell’82% rispetto all’anno precedente rispetto a giugno 2019.
Le prenotazioni a lungo raggio per la prima settimana di novembre 2020 sono inferiori del 59% ai livelli normali. Le tendenze storiche mostrano che circa il 14% dei biglietti aerei viene venduto 22 settimane prima del viaggio. Le attuali prenotazioni per 1-7 novembre mostrano che i biglietti sono stati venduti solo al 5% del numero di passeggeri del 2019.
I passeggeri prenotano più vicino al momento del viaggio. Le prenotazioni per viaggi 20 o più giorni in futuro rappresentavano il 29% delle prenotazioni effettuate nel maggio 2020, in calo dal 49% nel 2019. Allo stesso modo, il 41% delle prenotazioni effettuate nel maggio 2020 erano per viaggi entro 3 giorni, più del doppio del 18 % a maggio 2019.
“Le persone stanno tornando nei cieli ma l’orizzonte di incertezza della crisi COVID-19 si sta allargando. Le prenotazioni anticipate sono in calo e le persone stanno proteggendo le loro scommesse di viaggio prenotando più vicino al tempo del viaggio. Le compagnie aeree nell’emisfero settentrionale fanno affidamento su una forte stagione estiva e su una curva di prenotazione prevedibile per superare i mesi difficili. Ma nessuna di queste condizioni è in atto e le compagnie aeree avranno bisogno del continuo aiuto dei governi per sopravvivere a un inverno rigido. Le compagnie aeree avranno bisogno di molta più flessibilità per pianificare gli orari intorno a queste mutevoli tendenze dei consumatori. La flessibilità finanziaria e operativa equivale alla sopravvivenza “, ha affermato Alexandre de Juniac, direttore generale e CEO della IATA.

 

La IATA ha evidenziato quattro aree chiave in cui i governi potrebbero assistere le compagnie aeree:

Estensione della rinuncia dalla regola 80-20 usa-o-perdi-it nelle Linee guida per le slot aeroportuali in tutto il mondo. In questi tempi straordinari, le compagnie aeree hanno bisogno di molta più flessibilità per pianificare gli orari e le decisioni aziendali critiche non dovrebbero essere compromesse dalle linee guida per l’assegnazione degli slot progettate per tempi normali. “Ci sono state buone ragioni per cui la regola 80-20 è stata revocata per la stagione estiva. I regolatori dovrebbero applicare di nuovo lo stesso approccio di buon senso e rinunciare alla regola anche per la stagione invernale. Le compagnie aeree devono concentrarsi sul soddisfacimento di ciò che i consumatori vogliono oggi, senza cercare di difendere le bande orarie necessarie per quello che potrebbe sembrare il loro programma tra un anno “, ha detto de Juniac.
Assistenza finanziaria continua in modi che non aumentano i livelli del debito del settore che sono aumentati drasticamente. Alcuni governi stanno studiando misure che includono la sovvenzione delle operazioni domestiche e la rinuncia alle tasse aeroportuali e di controllo del traffico aereo.
Ampliamenti per sussidi salariali e misure di sgravio fiscale delle società. I regimi di sussidi salariali hanno fornito aiuti alle compagnie aeree per circa 35 miliardi di dollari. Rimpicciolirli più lentamente darebbe alle compagnie aeree più tempo per riprendersi e ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro. La riduzione delle imposte sulle società e indirette come l’IVA, le tasse sui passeggeri o le tasse sul carburante sosterrebbe lo stimolo del mercato.
Evitare aumenti di oneri e commissioni. Mentre gli aeroporti e i fornitori di servizi di navigazione aerea hanno subito un calo delle entrate, durante il periodo di riavvio è necessario evitare forti aumenti delle tariffe poiché ciò avrà un impatto grave sui dati finanziari delle compagnie aeree e sulla ripresa del mercato. Allo stesso modo, i governi dovrebbero coprire i costi delle nuove misure sanitarie imposte a seguito di COVID-19.
“Ogni giorno vedono viaggiare più persone. È positivo per l’economia. I numeri si stanno muovendo nella giusta direzione, ma non siamo affatto vicini a livelli normali o sostenibili di attività. Le misure di aiuto finanziario sono ancora disperatamente necessarie. E le misure di riduzione delle politiche come una rinuncia all’uso dello slot rimangono critiche. I governi devono concedere questo entro la fine di luglio per fornire almeno quella certezza per questo settore assediato e maltrattato “, ha detto de Juniac

Da John Hopkins: Nel frattempo il numero di nuovi casi COVID-19 in tutto il mondo è in lento calo

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.