Boeing presenta i risultati del secondo trimestre

il

 

•      I risultati finanziari continuano a essere influenzati in modo significativo dal COVID-19 e dalla messa a terra del 737 MAX

•      Ricavi pari a $ 11,8 miliardi, perdita GAAP per azione di ($ 4,20) e perdita core (non GAAP) per azione di ($ 4,79)

•      Flusso di cassa operativo di ($ 5,3) miliardi; liquidità e titoli negoziabili pari a $ 32,4 miliardi

•      Backlog totale di $ 409 miliardi, compresi oltre 4.500 velivoli commerciali

Table 1. Summary Financial Results

Second Quarter

First Half

(Dollars in Millions, except per share data)

2020

2019

Change

2020

2019

Change

Revenues

$11,807

$15,751

(25)%

$28,715

$38,668

(26)%

GAAP

Loss From Operations

($2,964)

($3,380)

NM

($4,317)

($1,030)

NM

Operating Margin

(25.1)%

(21.5)%

NM

(15.0)%

(2.7)%

NM

Net Loss

($2,395)

($2,942)

NM

($3,036)

($793)

NM

Loss Per Share

($4.20)

($5.21)

NM

($5.31)

($1.40)

NM

Operating Cash Flow

($5,280)

($590)

NM

($9,582)

$2,198

NM

Non-GAAP*

Core Operating Loss

($3,319)

($3,745)

NM

($5,019)

($1,759)

NM

Core Operating Margin

(28.1)%

(23.8)%

NM

(17.5)%

(4.5)%

NM

Core Loss Per Share

($4.79)

($5.82)

NM

($6.49)

($2.60)

NM

 

Boeing ha registrato ricavi per il secondo trimestre pari a $ 11,8 miliardi, perdita GAAP per azione di ($ 4,20) e perdita core per azione (non-GAAP) di ($ 4,79), rispecchiando principalmente l’impatto del COVID-19 e la messa a terra del 737 MAX (Tabella 1). Boeing ha registrato un flusso di cassa operativo di ($ 5,3) miliardi.

“Restiamo concentrati sulla salute dei nostri dipendenti e delle nostre comunità intraprendendo al contempo azioni proattive per affrontare l’impatto senza precedenti sul mercato commerciale derivante dalla pandemia COVID-19″, ha dichiarato Dave Calhoun, presidente e amministratore delegato della Boeing. “Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri clienti, fornitori e partner in tutto il mondo per gestire le sfide per il nostro settore, navigare verso la ripresa e ricostruire per essere più forti”.

Nel secondo trimestre, Boeing ha riavviato la produzione nei siti chiave dopo le pause temporanee stabilite per proteggere la sua forza lavoro e introdurre nuove rigorose procedure di sicurezza e tutela della salute. Nonostante le sfide, Boeing ha continuato a lavorare a programmi commerciali, di difesa, spaziali e di servizi chiave. L’azienda ha inoltre ripreso le prime fasi della produzione del programma 737, con particolare attenzione alla sicurezza, alla qualità e all’eccellenza operativa. Seguendo l’esempio dei regolatori globali, Boeing ha compiuto dei progressi costanti verso il sicuro ritorno al servizio del 737, compreso il completamento dei test di volo della certificazione FAA.

Per allinearsi alla forte riduzione della domanda del mercato commerciale alla luce del COVID-19, la società sta intraprendendo diverse azioni, tra cui l’ulteriore adeguamento dei tassi di produzione degli aerei passeggeri e la riduzione dei livelli di occupazione.

“La natura diversificata del nostro portfolio, dei nostri servizi, dei programmi di difesa e spaziali ci fornisce una stabilità fondamentale per noi nel breve termine, mentre prendiamo misure dure ma necessarie per adattarci alle nuove realtà del mercato”, ha affermato Calhoun. “Stiamo intraprendendo le giuste azioni per assicurarci di essere ben posizionati per il futuro rafforzando la nostra cultura, migliorando la trasparenza, ricostruendo la fiducia e trasformando il nostro business in modo da diventare una Boeing migliore e più sostenibile. Il settore dei viaggi aerei ha sempre dimostrato di essere resiliente e lo stesso dicasi di Boeing”.

Il flusso di cassa operativo è stato di ($ 5,3) miliardi nel trimestre, principalmente per via del minor volume di consegne e servizi commerciali dovuto al COVID-19 e della messa a terra del 737 MAX, nonché della tempistica delle entrate e delle spese.

La liquidità e gli investimenti in titoli negoziabili sono aumentati a $ 32,4 miliardi, rispetto a $ 15,5 miliardi all’inizio del trimestre, trainati dall’emissione di nuovo debito. Il debito è stato di $ 61,4 miliardi, in aumento rispetto ai $ 38,9 miliardi di inizio trimestre a causa dell’emissione di nuovo debito, parzialmente compensato dal rimborso del debito in scadenza.

Il portafoglio ordini dell’azienda a fine trimestre era di $ 409 miliardi.

 

Risultati per segmento di business

Commercial Airplanes

I ricavi e il margine operativo del secondo trimestre di Boeing Commercial Airplanes sono diminuiti a causa del minor volume delle consegne, parzialmente compensato da una minore commissione sui corrispettivi per i clienti di 737 MAX di $ 551 milioni nel trimestre rispetto a una commissione di $ 5,6 miliardi nello stesso periodo dell’anno scorso. Il margine operativo del secondo trimestre è stato inoltre influenzato negativamente da $ 712 milioni di costi di produzione anomali relativi al programma 737, $ 468 milioni di costi di fine rapporto e $ 133 milioni di costi di produzione anomali dalla sospensione temporanea delle operazioni in risposta al COVID-19.

Il programma 737 ha ripreso le prime fasi della produzione a maggio e prevede di continuare a produrre a tassi bassi per il resto del 2020. La pandemia di COVID-19 ha avuto un impatto significativo sui viaggi aerei e ha ridotto la domanda a breve termine, con conseguente riduzione delle ipotesi di produzione e di consegna. Boeing Commercial Airplanes prevede di aumentare gradualmente il tasso di produzione del 737 a 31 al mese entro l’inizio del 2022, con ulteriori incrementi graduali per rispondere alla domanda del mercato. Le stime di potenziali sconti e altri corrispettivi dei clienti relativi alla sospensione temporanea del 737 MAX sono aumentati di $ 551 milioni nel trimestre. Non ci sono stati cambiamenti significativi nelle stime dei costi di produzione straordinari.

Commercial Airplanes ha ulteriormente aggiornato le sue ipotesi sui tassi di produzione in questo trimestre per riflettere gli impatti del COVID-19 sulle prospettive della domanda e continuerà a valutarle su base continuativa. Il tasso di produzione del 787 sarà ridotto a 6 al mese nel 2021. Il tasso di produzione combinato di 777 e 777X verrà gradualmente ridotto a 2 al mese nel 2021, con la consegna del primo 777X prevista per il 2022. Al momento, il tasso di produzione non cambia sui programmi 767 e 747.

Commercial Airplanes ha consegnato 20 aerei nel corso del trimestre, con l’attuale backlog che comprende oltre 4.500 velivoli per un valore di 326 miliardi di dollari.

 

Defense, Space & Security

I ricavi del secondo trimestre di Boeing Defense, Space & Security sono stati pari a $ 6,6 miliardi, tenuto conto dell’impatto del COVID-19 sui programmi di aerei militari derivati da piattaforme commerciali, parzialmente compensato da un volume maggiore nel resto del portfolio. Il margine operativo del secondo trimestre è diminuito al 9,1 per cento principalmente a causa di un guadagno sulla vendita di proprietà nel secondo trimestre del 2019 e di una tassa sui Tanker KC-46A da 151 milioni di dollari, principalmente guidata da un’allocazione aggiuntiva dei costi fissi derivante dal minor volume di produzione di velivoli commerciali a causa del COVID -19.

Nel corso del trimestre, Defense, Space & Security ha ottenuto un contratto per tre ulteriori velivoli per il rifornimento aereo senza pilota MQ-25 per la Marina degli Stati Uniti, nonché contratti per i sistemi missilistici Cruise per la U.S. Navy e un contratto per 24 elicotteri Apache AH-64E per il Marocco. Defense, Space & Security ha completato la revisione critica del progetto per l’addestratore avanzato T-7A, ottenuto il primo volo e la consegna del F/A-18 Block III Super Hornet per la Marina americana e celebrato il primo volo del F-15 del Qatar. Defense, Space & Security ha anche consegnato il 100° Poseidon P-8A alla U.S. Navy, il 400° V-22 Osprey e il 2.500° AH-64 Apache.

Il portafoglio ordini di Defense, Space & Security è di $ 64 miliardi, di cui il 31 per cento rappresenta ordini da clienti al di fuori degli Stati Uniti.

 

Global Services

I ricavi del secondo trimestre di Boeing Global Services sono pari a $ 3,5 miliardi, trainati dal minor volume di servizi commerciali dovuto a COVID-19, parzialmente compensato dal maggior volume di servizi governativi. Il margine operativo del trimestre è sceso al (19,3) per cento principalmente a causa della riduzione del volume dei servizi commerciali, della combinazione meno favorevole di prodotti e servizi e di $ 923 milioni di oneri relativi a svalutazioni di attività e costi di fine rapporto a causa della situazione di mercato legata al COVID-19.

Nel corso del trimestre, Boeing Global Services si è aggiudicato una modifica del contratto per il supporto logistico integrato del P-8A per la Marina degli Stati Uniti. Global Services ha inoltre acquisito un ordine per quattro cargo 767-300 per DHL e si è aggiudicato un contratto per il supporto di addestramento pre-consegna F-15 per la Emiri Air Force del Qatar. Global Services ha anche consegnato il primo velivolo di prova Super Hornet F/A-18 modificato per gli U.S. Navy Blue Angels.

 

La versione completa del Comunicato Stampa, in inglese, è disponibile qui: https://boeing.mediaroom.com/2020-07-29-Boeing-Reports-Second-Quarter-Results

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.