IATA: L’impatto di COVID-19 si intensifica in Medio Oriente


L’International Air Transport Association (IATA) ha pubblicato nuovi dati che mostrano l’impatto sull’industria aeronautica del Medio Oriente e sulle economie causate dalla chiusura del traffico aereo a causa della pandemia COVID-19 che si è approfondita nelle ultime settimane.

La perdita di posti di lavoro nell’aviazione e nelle industrie correlate potrebbe crescere fino a 1,5 milioni. Si tratta di più della metà dei 2,4 milioni di posti di lavoro nel settore dell’aviazione nella regione e di 300.000 in più rispetto alla stima precedente.
Il traffico per l’intero anno 2020 dovrebbe crollare del 56% rispetto al 2019. La stima precedente era un calo del 51%.
Il PIL sostenuto dall’aviazione nella regione potrebbe diminuire fino a 85 miliardi di dollari. La stima precedente era di $ 66 miliardi.
Le economie del Medio Oriente sono state messe in ginocchio dal COVID-19. E senza il ripristino della connettività aerea, l’impatto socioeconomico sta peggiorando. Le imprese che contribuiscono in modo sostanziale al PIL della regione e forniscono migliaia di posti di lavoro sono a rischio senza questi collegamenti vitali. Per la ripresa economica della regione, è imperativo che il settore si riavvii in sicurezza il prima possibile “, ha affermato Muhammad Al Bakri, Vicepresidente regionale della IATA per l’Africa e il Medio Oriente.

Riavvio dell’aviazione in Medio Oriente

 

Per ridurre al minimo l’impatto sui posti di lavoro e sulla più ampia economia del Medio Oriente, è fondamentale una ripresa accelerata del trasporto aereo nella regione. Ciò può essere ottenuto attraverso l’azione del governo in due aree prioritarie:

1. Armonizzare la ripresa del trasporto aereo nella regione
Alcuni paesi del Medio Oriente stanno aprendo le loro frontiere ai viaggi aerei regionali e internazionali, ma l’applicazione incoerente delle misure di biosicurezza insieme a requisiti di ingresso non necessari scoraggiano i passeggeri e sopprimono la ripresa dei viaggi aerei. L’armonizzazione del riavvio dell’aviazione nella regione è fondamentale per la ripresa economica. I governi devono attuare la serie globale comune di misure di biosicurezza del trasporto aereo, contenuta nelle Linee guida per il decollo CART dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale.

2. Supporto finanziario e normativo continuo
In particolare, aiuti finanziari diretti come sussidi salariali e prestiti, estensione della deroga alla regola degli slot 80-20 e sgravi da tasse e oneri.

“Siamo grati ai governi che hanno fornito soccorso all’aviazione. Tuttavia, la situazione non sta migliorando, i governi devono continuare ad applicare misure di soccorso, finanziarie e normative. Una priorità regionale è garantire il sostegno sotto forma di sussidi salariali e prestiti, nonché un’estensione della deroga per la regola dello slot 80-20 usa o perdi. Ciò è necessario per fornire un sollievo fondamentale alle compagnie aeree nei programmi di pianificazione in mezzo a modelli di domanda imprevedibili. L’Arabia Saudita ha confermato una deroga per i suoi aeroporti coordinati e speriamo che gli Emirati Arabi Uniti, il Marocco e la Tunisia lo facciano presto. Le compagnie aeree devono concentrarsi sul soddisfacimento della domanda e non sul rispetto delle regole sulle bande orarie che non sono mai state pensate per accogliere le forti fluttuazioni di una tale crisi “, ha detto Albakri.

Impatto a livello di paese

L’ultima valutazione di IATA Economics mostra che le prospettive a livello nazionale sono peggiorate da giugno per i principali mercati dell’aviazione in Medio Oriente. Ad esempio, il numero di passeggeri, i posti di lavoro a rischio e l’impatto sul PIL per i cinque maggiori mercati del Medio Oriente sono diminuiti:

COUNTRY JUNE PAX ESTIMATE
(MILLIONS)
AUGUST PAX ESTIMATE (MILLIONS) JUNE
JOBS AT RISK
AUGUST
JOBS AT RISK
APRIL GDP
(US$ BILLIONS)
AUGUST GDP
(US$ BILLIONS)
Egypt
-13.7
-14
297,200
298,300
-3.3
-3.5
Jordan
-3.8
-4
39,600
-0.8
-1.2
Morocco
-11.6
-12.3
534,200
569,100
-4.9
-5.6
Qatar
-5.0
-5.3
72,700
78,400
-2.8
-3.1
Saudi Arabia
-36.4
-39.2
299,200
322,500
-17.9
-20.1
United Arab Emirates
-32.3
-34.8
392,900
421,200
-23.2
-25.9

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.