IATA: gli impatti del COVID-19 europeo continuano a peggiorare mentre rimangono le restrizioni ai confini


L’International Air Transport Association (IATA) ha rilasciato un aggiornamento sugli impatti della pandemia COVID-19 sul numero di passeggeri aerei, l’occupazione e le economie in tutta Europa, e ha esortato i governi a coordinarsi per revocare le restrizioni alle frontiere e trovare alternative alle misure di quarantena per evitare ulteriori danno.

Nonostante il mercato europeo abbia visto aumentare il numero dei voli negli ultimi mesi, sostenuto dalla riapertura delle frontiere tra i paesi dell’area Schengen e gli Stati UE non Schengen, i voli sono ancora inferiori di oltre il 50% rispetto allo stesso periodo nel 2019 Si prevede attualmente che il numero di passeggeri diminuirà di circa il 60% nel 2020, il che rappresenta circa 705 milioni di viaggi di passeggeri. Le prospettive a breve termine per la ripresa in Europa rimangono altamente incerte rispetto alla seconda ondata di pandemia e al più ampio impatto economico globale che potrebbe avere. La domanda di passeggeri in Europa dovrebbe riprendersi gradualmente e non raggiungerà i livelli del 2019 fino al 2024.

Poiché i viaggi aerei non si sono ripresi come inizialmente sperato, l’impatto negativo sull’occupazione è aumentato. Attualmente sono a rischio più di 7 milioni di posti di lavoro sostenuti dall’aviazione (incluso il turismo) in Europa (rispetto ai 6 milioni stimati a giugno).

“È disperatamente preoccupante vedere un ulteriore calo delle prospettive per i viaggi aerei quest’anno e l’impatto a catena sull’occupazione e la prosperità. Mostra ancora una volta il terribile effetto che viene avvertito dalle famiglie in tutta Europa mentre continuano le restrizioni ai confini e la quarantena. È fondamentale che i governi e l’industria lavorino insieme per creare un piano armonizzato per la riapertura delle frontiere “, ha affermato Rafael Schvartzman, Vicepresidente regionale della IATA per l’Europa.

L’analisi dei maggiori mercati europei mostra un calo in tutti i parametri rispetto alle precedenti stime IATA a metà giugno. (Queste sono stime di impatto per l’intero anno 2020.)

COUNTRY JUNE PAX ESTIMATES AUGUST PAX ESTIMATES JUNE JOBS AT RISK AUGUST JOBS AT RISK JUNE GDP AUGUST GDP
UK
-154 million
-165 million
-732,500
-780,000
-$55.7bn
-$59.3bn
Spain
-124.5 m
-132.7 m
-983,100
-1,049,500
-$64.7bn
-$69.1bn
Germany
-113.4 m
-117.6 m
-534,000
-550,800
-$37.6bn
-$38.8bn
Italy
-92 m
-98.2 m
-345,300
-369.100
-$23.5bn
-$25.2bn
France
-88.7 m
-94.6 m
-434,700
-466.100
-$38.9bn
-$41.5bn

Tutto paesi europei (pdf)

https://www.iata.org/contentassets/c0b84098b8d845d2a01f78f637521dbe/impact-covid-european-aviation-august-2020.pdf

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.