IATA: il traffico si riprenderà più lentamente del previsto. Si parla del 2024 come anno della ripresa totale. Forse?

il

La IATA stima che il traffico globale di passeggeri (entrate per chilometraggio o RPK) non tornerà ai livelli pre-COVID-19 fino al 2024, un anno dopo rispetto alle proiezioni precedenti.

I viaggi a corto raggio andranno meglio dei viaggi a lungo raggio, quindi il numero di passeggeri recupererà leggermente più rapidamente del traffico misurato in RPK e dovrebbe raggiungere i livelli pre-COVID-19 nel 2023. Per il 2020, tuttavia, il numero di passeggeri globali dovrebbe diminuire del 55%.

I dati di giugno 2020 confermano la previsione con RPK in calo dell’86,5% rispetto a giugno 2019 e un fattore di carico basso di tutti i tempi del 57,6%.

Il ritardo nel recupero è dovuto a una serie di fattori, tra cui i nuovi focolai di COVID-19 in una serie di paesi come gli Stati Uniti. In totale, circa il 40% dei mercati dei viaggi aerei globali è interessato. Le quarantene stop-start hanno più o meno lo stesso effetto dei blocchi.

Inoltre, i budget per i viaggi aziendali dovrebbero essere limitati poiché le aziende continuano a dover affrontare pressioni finanziarie. Sebbene storicamente la crescita del PIL e i viaggi aerei siano stati altamente correlati, i sondaggi suggeriscono che questo legame si è indebolito, in particolare per quanto riguarda i viaggi d’affari, poiché la videoconferenza sembra aver fatto breccia in modo significativo come sostituto degli incontri di persona.

Anche la fiducia dei consumatori è debole a causa dell’aumento della disoccupazione, del basso reddito e del rischio percepito di contrarre COVID-19. Circa il 55% degli intervistati al sondaggio sui passeggeri di giugno della IATA non ha intenzione di viaggiare nel 2020.

I progressi scientifici nella lotta contro il COVID-19, compreso lo sviluppo di un vaccino efficace, potrebbero consentire una guarigione più rapida. Tuttavia, al momento sembra esserci più rischio al ribasso che al rialzo rispetto alle previsioni di base.

Alexandre de Juniac, Direttore generale e CEO della IATA, riconosce che la ripresa del traffico è stata finora debole. “Quale miglioramento abbiamo visto è stato il volo domestico”, dice. “I mercati internazionali rimangono in gran parte chiusi. La fiducia dei consumatori è depressa e in molte parti del mondo le infezioni sono ancora in aumento. Tutto ciò indica un periodo di ripresa più lungo e più dolore per l’industria e l’economia globale “.

Di conseguenza, la IATA chiede misure di soccorso continue. Una deroga completa per la stagione invernale settentrionale sulla regola dello slot 80-20 usa o perdi, ad esempio, fornirebbe un sollievo fondamentale alle compagnie aeree che pianificano gli orari in mezzo a modelli di domanda imprevedibili.

“Le compagnie aeree devono rimanere fortemente concentrate sulla soddisfazione della domanda e non sul rispetto delle regole sulle bande orarie che non sono mai state concepite per accogliere le forti fluttuazioni di una crisi”, afferma de Juniac. “Prima conosciamo le regole degli slot, meglio è, ma stiamo ancora aspettando che i governi dei mercati chiave confermino una rinuncia”.

La IATA esorta i governi ad attuare un livello di misure tra cui le linee guida globali dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO) per il ripristino della connettività aerea contenute nel Decollo dell’ICAO: Guida per i viaggi aerei attraverso la crisi della sanità pubblica COVID-19. La IATA vede anche il potenziale per misure di test accurate, veloci, scalabili e convenienti e una tracciabilità completa dei contatti per svolgere un ruolo nella gestione del rischio di diffusione del virus, ricollegando le economie e riavviando viaggi e turismo.

“Dobbiamo imparare a gestire i rischi di convivere con COVID-19 con misure mirate e prevedibili che ricostruiranno in modo sicuro la fiducia dei viaggiatori e le economie in frantumi”, ha detto de Juniac.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.